Stare nello spazio cambia a lungo il tuo cervello: ‘Nessuno se lo aspettava’ | Scienza

Il cervello degli astronauti cambia quando rimangono a lungo nello spazio. Lo rivela uno studio dell’Agenzia spaziale europea (ESA) e dell’agenzia spaziale russa Roscosmos. “Gli astronauti devono apprendere nuove abilità attraverso l’assenza di gravità e puoi vederlo nei loro cervelli”.

Il team di ricerca internazionale ha studiato il cervello di dodici astronauti maschi che avevano trascorso molto tempo nello spazio. I loro cervelli sono stati esaminati mediante risonanza magnetica prima del volo, subito dopo il volo e sette mesi dopo il loro ritorno. “I cambiamenti osservati dal team sono stati molto nuovi e inaspettati”, spiega il professor Floris Wuyts dell’Università di Anversa.

I neuroni e le connessioni tra i neuroni nel cervello sono stati aumentati. Inoltre, molto fluido cerebrale si era spostato. Questo fluido assicura anche le riforme, tra l’altro, del corpo calloso, “l’autostrada centrale che collega i due emisferi del cervello”.

Assenza di gravità

Anche sette mesi dopo il viaggio nello spazio, i cambiamenti erano ancora visibili: “I cambiamenti sono effettivamente diminuiti man mano che gli astronauti si sono riabituati alla gravità. Ma nessuno si aspettava che gli effetti dei viaggi nello spazio sarebbero stati ancora chiaramente visibili così a lungo dopo il ritorno”, afferma Wuyts.


Citazione

Non sappiamo cosa significheranno questi cambiamenti a lungo termine

Floris Wuyts, Laboratorio di ricerca sull’equilibrio e l’aerospazio (LEIA)

La causa dei cambiamenti è l’assenza di gravità durante i viaggi nello spazio, per i quali gli astronauti devono apprendere nuove abilità. Lo vedi nel cervello. Non è ancora noto se questi cambiamenti abbiano un effetto sulla loro vita quotidiana, ad esempio se sono diventati più intelligenti o se si muovono più facilmente.

Effetti a lungo termine

Anche l’effetto a lungo termine dei cambiamenti nel cervello non è ancora noto. “Il gruppo studiato è troppo piccolo per avere già informazioni al riguardo o per poter fare previsioni”, afferma Wuyts. “Col tempo, manderemo le persone nello spazio per un periodo di tempo più lungo, come rimanere su Marte. È essenziale poter effettuare una stima accurata degli effetti attesi in anticipo, in modo da poter adottare le contromisure necessarie per ridurre al minimo tali effetti.

Leggi anche

KU Leuven condivide migliaia di libri e documenti storici con Google

CONTROLLA I FATTI. Questa immagine di amore tra madre e figlio non è ciò che pensi

READ  La ricerca mostra che il tuo gatto capisce davvero quello che stai dicendo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *