Stati membri dell’UE divisi sui progetti sul gas Commissione europea

Stati membri dell’UE divisi sui progetti sul gas Commissione europea

Internazionale22 luglio 22 11:21Autore: Bram van Eijndhoven

Non tutti gli Stati membri dell’UE sono soddisfatti del piano di risparmio di gas della Commissione europea. La Grecia si è già opposta a questi progetti e, secondo il ministro dell’Energia greco, anche Italia, Spagna, Portogallo, Francia, Malta e Cipro si sarebbero opposte alla richiesta di utilizzare il 15% in meno di gas naturale.

“Ora la solidarietà è difficile da trovare”, afferma il giornalista europeo Stefan de Vries. “Questo è ovviamente il piano ‘Risparmiare gas per un inverno sicuro’ della Commissione europea, e non è stato di gradimento a tutti. Soprattutto nell’Europa meridionale. “Non possiamo sacrificarci se non ci è stato nemmeno chiesto un consiglio”, ha detto il Portogallo. Gli spagnoli affermano che, a differenza di altri paesi, non hanno vissuto al di sopra delle loro possibilità in termini di energia. Questo è un chiaro ghigno nei confronti della Germania e di altri paesi europei. Questo piano potrebbe essere stata una buona idea, ma probabilmente non lo sarà.

Obiezione in linea di principio

La Grecia ha annunciato di non voler ridurre del 15% il proprio consumo di gas. “Hanno un’obiezione di principio”, dice De Vries. “È la Commissione europea che decide su qualcosa di nazionale. I greci hanno presentato proposte, non se ne è fatto nulla, e sono convinti che possano fornire soluzioni alla crisi che vediamo arrivare. inoltre i gasdotti sono troppo pochi collegando i paesi europei, quindi anche se Spagna e Grecia dovessero risparmiare gas, non potrebbe necessariamente essere consegnato in Germania.

Leggi anche | Il Nord Stream 1 ha riaperto, ma per quanto tempo?

READ  Telemarketing selvaggio, multa di 4,5 milioni per Fastweb. Il garante della privacy: "Criticità importanti"

De Vries sospetta che questa questione sia anche una sorta di “dolce vendetta” per la Grecia dopo la crisi dell’euro del 2015, quando il Paese ha dovuto sottoporsi a pesanti riforme sotto la pressione, tra l’altro, della Germania. “Ora i ruoli sono invertiti. La Germania è la drogata, dipendente dal gas russo, e la Grecia ha messo insieme il suo atto.

Situazione di crisi

Da un punto di vista giuridico, la Commissione Europea ha il diritto di rendere obbligatoria la riduzione del 15% in caso di crisi. Se questo sia così saggio, secondo De Vries, resta da vedere. “Poi hai sconvolto molti Stati membri e alla fine decidono loro cosa succede. Si tratta quindi di un percorso politico molto rischioso. Ma è una situazione di crisi, è una guerra, non si sa mai cosa accadrà. Ma non credo sia politicamente fattibile.

Leggi anche | L’Europa deve anticipare lo scenario senza gas russo

Affinché i piani si concretizzino, 15 Stati membri che rappresentano oltre il 65% dei cittadini dell’UE devono votare a favore. “La Francia non ha ancora preso posizione e servono anche Germania, Polonia, Spagna e Italia”, ha detto De Vries. “Polonia e Spagna hanno già detto che non vogliono partecipare, quindi non ci arriverai. L’Ungheria non partecipa, né il Portogallo. Sarà molto difficile raggiungere questo 65%. La prossima settimana si terrà a Bruxelles un vertice straordinario dei ministri dell’Energia europei. “Allora sapremo se dobbiamo davvero abbassare il termostato e iniziare a lavorare a maglia maglioni pesanti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *