Un ricercatore belga hackera il terminale Starlink di Space X

Questo ricercatore di sicurezza belga è entrato nella rete satellitare Starlink. Ma perché in effetti?

In 5 anni, la società americana SpaceX ha lanciato più di 3000 satelliti in orbita attorno alla nostra terra. Con una dimensione così grande, la rete satellitare Starlink rende facile la connessione a Internet nei luoghi più remoti. Questo potrebbe benissimo volgere al termine, avverte un esperto di informazioni belga. Ha hackerato da solo la rete Starlink.

Leggi anche:

amico e nemico

Lennert Wouters, ricercatore di sicurezza presso KU Leuven, ha rivelato durante il Conferenza sulla sicurezza di Black Hat a Las Vegas, un malfunzionamento della sicurezza delle antenne paraboliche Starlink.

Wouters ha sviluppato lui stesso uno strumento di hacking, che ha attaccato a un piatto Starlink. Il chip personalizzato gli è costato meno di 25€. Una volta attaccato alla parabola, il chip lancia un attacco che bypassa temporaneamente il sistema. Lo ed ecco: grazie al glitch, Wouters può penetrare tutti i punti bloccati del sistema Starlink.

Anche se suggerisce il contrario, Wouters non è pronto per la caduta di Starlink. Il ricercatore vuole avvisare SpaceX dei loro difetti, quindi i veri nemici non possono hackerare il sistema Starlink.

E i nemici non mancano. Ad esempio, Starlink ha contribuito a migliorare la connettività in Ucraina nella loro lotta contro la Russia. Putin non era contento di questo. Inoltre, la Russia ha già effettuato un attacco informatico contro la società satellitare americana Viasat a febbraio. Inoltre, uno scienziato informatico cinese ha recentemente annunciato la sua antipatia per Starlink. A maggio pubblica a ricercare ai “metodi morbidi e duri per uccidere” per far uscire i satelliti americani dalle stelle.

READ  Il pianeta Terra ha ufficialmente un nuovo oceano

Fonti: Gizmodo, cablato

Immagine: Pixabay

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.