Una nuova ricerca conferma le crescenti preoccupazioni per la cattiva salute delle ossa e l’aumento del rischio di fratture nei vegetariani e nei vegani

Un nuovo studio rivela che le donne che seguivano una dieta vegetariana avevano un rischio maggiore di frattura dell’anca del 33% rispetto a quelle che mangiavano carne regolarmente. I ricercatori sospettano che i vegetariani potrebbero non assumere abbastanza nutrienti per una buona salute delle ossa e dei muscoli, mettendoli a rischio di cadute e ossa rotte.

Molte persone scelgono il vegetarianismo per ragioni ecologiche ed etiche. Ma un altro motivo importante per cui le persone scelgono di smettere di mangiare carne o pesce è il clamore che circonda i suoi potenziali benefici per la salute.

In effetti, ci sono alcune prove che le diete vegetariane siano legate a un minor rischio di diabete, malattie cardiovascolari e cancro. Ma ci sono anche crescenti preoccupazioni per la cattiva salute delle ossa e un maggiore rischio di fratture tra vegetariani e vegani.

Studi precedenti ha mostrato che i vegetariani hanno una densità minerale ossea inferiore. Ma sono state fatte poche ricerche sul fatto che i vegetariani siano a maggior rischio di alcune fratture, in particolare le fratture dell’anca. È uno dei tipi più comuni di fratture e colpisce anche un numero sproporzionato di donne.

Dati di 35.000 donne sopra i 20 anni

Da un nuovo studio hanno scoperto che le donne che seguivano una dieta vegetariana avevano un rischio maggiore di frattura dell’anca del 33% rispetto a quelle che mangiavano carne regolarmente. Gli scienziati hanno condotto un’analisi su larga scala della dieta e del rischio di frattura dell’anca utilizzando i dati del Women’s Cohort Study del Regno Unito. Questo database contiene i dati di 35.000 donne britanniche (di età compresa tra 35 e 69 anni, la maggior parte delle quali erano bianche) che hanno completato un questionario sulla loro dieta e stile di vita tra il 1995 e il 1998. Questi dati sono stati confrontati con le cartelle cliniche dei partecipanti in circa 20 anni per determinare che ha subito una frattura dell’anca durante quel periodo.

READ  Strisciano sulla nostra pelle e fanno l'amore: queste creature prendono vita di notte | Scienza

Le donne sono state quindi raggruppate in mangiatori di carne regolari (carne più di cinque volte a settimana), mangiatori di carne occasionali (carne meno di cinque volte a settimana), pescatari (mangiando pesce ma senza carne) o vegetariani (senza carne o pesce). I vegani sono stati inclusi nel gruppo vegetariano perché non c’erano abbastanza vegani per studiarli individualmente. L’analisi ha preso in considerazione anche altri fattori che possono influenzare il rischio di frattura dell’anca, tra cui l’età, il consumo di alcol, il fumo, le abitudini di esercizio, lo stato e lo stato socioeconomico della menopausa.

I risultati sono sostanzialmente coerenti con i risultati degli unici due altri studi

Rispetto ai normali mangiatori di carne, i vegetariani avevano un rischio maggiore di frattura dell’anca. Tuttavia, non vi è stato un aumento del rischio nei pescatari o nei mangiatori di carne occasionali.

Questi risultati sono in gran parte coerenti con i risultati degli unici due altri studi sull’argomento. Uno studio del 2020 ha rilevato che i vegetariani (uomini e donne) avevano un rischio di frattura dell’anca superiore del 25% rispetto ai mangiatori di carne. Era il 31% tra i vegani. E uno studio statunitense nel 2021 ha indicato che i vegetariani avevano un rischio maggiore di frattura dell’anca del 17% rispetto ai non vegetariani (sebbene questo studio non fosse statisticamente significativo).

I vegetariani cadono di più

Le ragioni dell’aumento del rischio non sono chiare, ma i ricercatori sospettano che i vegetariani potrebbero non assumere abbastanza nutrienti per una buona salute delle ossa e dei muscoli, mettendoli a rischio di cadute e fratture. Circa il 90% delle fratture dell’anca sono legate a cadute, che sono più comuni nelle persone anziane, che tendono ad essere più fragili e hanno ossa più deboli. I ricercatori affermano anche che i vegetariani hanno maggiori probabilità di essere sottopeso rispetto ai mangiatori di carne e che oltre ad avere ossa e muscoli più deboli, possono anche avere meno grasso, che può fungere da cuscino quando le persone cadono.

READ  Schiedam fa ora parte del movimento JOGG per i giovani più sani

(kg)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.