uno degli esperimenti sugli animali più terribili della storia

In passato, molti scienziati hanno condotto esperimenti non etici, come l’esperienza di Vipeholm e lui “Mostro Studio”. Mentre il livello di crudeltà di questi due appena citati è alto, quello di cui parleremo oggi si chiama “Il pozzo della disperazione“, è stato definito uno degli esperimenti sugli animali più terribili della storia.

L’esperimento è stato sviluppato dallo psicologo americano Harry Harlow alla fine degli anni ’60 nella speranza di produrre un modello animale di depressione, al fine di comprendere meglio la malattia e trovare possibili cure. Durante l’esperimento, una scimmia macaco rhesus è stata collocata in una grande struttura a forma di cono verticale in acciaio inossidabile.

All’interno di questo luogo, alle scimmie veniva dato cibo e acqua, ma sono stati soli per settimane. L’obiettivo di Harlow, come spiega in un articolo del 1969, era quello di riflettere la sensazione emotiva vissuta da un essere umano con una grave depressione. Il pozzo della creazione è stato quindi creato proprio per trasferire la sensazione di “solitudine” e “disperazione” alle scimmie.

Dopo essere state poste all’interno della fossa, le scimmie sono cadute in uno stato “fermo”. si sono accartocciati in pochi giorni. Una volta rimosse da questo luogo “infernale”, le creature non sarebbero mai tornate al loro normale comportamento sociale. Le scimmie sottoposte all'”abisso della disperazione” per 30 giorni non giocavano d’azzardo, evitavano le interazioni sociali e non mostravano segni di curiosità…e rimasero così anche dopo mesi che uscirono dal pozzo.

Harlow ha affermato il grande potenziale dello studio, ma non è chiaro se le sue esperienze abbiano mai fornito una visione reale della depressione clinica o dei possibili modi per trattarla. Lo stesso scienziato ha dichiarato in un’intervista: “non li amo [riferendosi alle scimmie]. Non mi piacciono proprio gli animali. Odio i gatti, odio i cani“.

READ  “Variante inglese dominante. Abbiamo bisogno di un blocco regionale per poter fermare Covid "

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *