Uno sciame di stelle multicolori

Un’immagine corale per diverse generazioni di stelle: questo è ciò che ha ottenuto il telescopio Hubble, immortalando Ngc 1805, un giovane ammasso globulare scoperto in 1826 dall’astronomo scozzese James dunlop. io ammasso globulari sono insiemi sferoidali costituiti da milioni di stelle, collegati tra loro da la forza di gravità e in orbita attorno a un centro galattico. Di solito, le loro stelle sono nate in stesso periodo.

Ngc 1805 lui è a 163 mila anni luce della Terra, vicino ai confini di Great Magellanic Cloud, ed è visibile verso la costellazione meridionale di Dorado. Le stelle di questo ammasso si avvicinano molto tra di loro, al punto da ricordare uno sciame di api; l’immagine è stata creata da Telescopio NASA-Esa con la fotocamera Wfc3 (Wqua Fcampo VSamaro 3) nel diverse lunghezze d’onda.

Hubble ha combinato diversi tipi di luce, evidenziando così il differenze nei colori delle stelle: quelli blu brillare nel vicino all’ultravioletto, mentre quelli rosso brilla nel vicino all’infrarosso. I telescopi spaziali piacciono Hubble può fare osservazioni inultravioletto perché sono in un file posizione favorevole, sopra l’atmosfera terrestre che assorbe la maggior parte della luce ultravioletta, rendendo questa lunghezza d’onda inaccessibile agli strumenti di osservazione del suolo.

Gli astronomi hanno trovato una particolarità in Ngc 1805: contrariamente a quanto accade normalmente negli ammassi globulari, sembra ospitare due popolazioni di stelle nate in periodi diversi, anche separato da milioni di anni. I cluster di questo tipo, secondo i ricercatori, sono molto utili per analizzare le fasi della vita delle stelle e indagare i processi che determinano il suorisultato finale, vale a dire l’esplosione come supernove o l’evoluzione di nane bianche.

READ  Giove, Saturno, Marte e Luna: questa sera spettacolare allineamento visibile ad occhio nudo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *