Virologo Cusi: “Più vaccini in arrivo, corsa contro il tempo” – Cronaca

Virologa Maria Grazia Cusi
Virologa Maria Grazia Cusi

Siena, 10 marzo 2021 – Da oggi in Italia e così via Toscana Sono arrivati ​​e sono in uso tre vaccini, Pfizer, Moderna e AstraZeneca, ma la corsa globale nella lotta al Covid sta per vedere l’arrivo di altri sieri, fondamentali per la campagna di vaccinazione di massa. Facciamo il punto con l’insegnante Maria Grazia Cusi, direttore di microbiologia e virologia presso Fogli.

Cosa c’è all’orizzonte?
“Il prossimo vaccino ad arrivare sarà quello di Johnson & Johnson, già autorizzato a fine febbraio dalla FDA; poi Novavax tra circa 3 mesi e Curevac nella seconda metà del 2021. Tuttavia, non è possibile dire se le scadenze verranno rispettate “.
Quali sono le caratteristiche di ciascuno?
“Moderna, Pfizer e Curevac sono vaccini a base di mRNA, che esprime la proteina SARS CoV-2 Spike in particelle lipidiche, favorendo così l’ingresso nelle cellule una volta inoculate nel corpo. Astra Zeneca, Johnson & Johnson e Russian Sputnik sono vaccini costituiti da un “ vettore virale ”, l’adenovirus umano o di scimpanzé, reso innocuo, che contiene una sequenza genica del DNA, utile per indurre la cellula a produrre la proteina Spike del Coronavirus . Novavax, d’altra parte, utilizza la proteina Spike del virus combinata con un adiuvante.
Ce n’è uno migliore? O meglio hanno usi diversi?
“Non si può dire se uno sia migliore dell’altro facendo semplicemente riferimento all’efficienza, avendo caratteristiche diverse. Tuttavia, alcuni potrebbero essere più adatti di altri a determinate categorie di popolazione, sulla base delle sperimentazioni cliniche effettuate”.
Vaccino multidose o monodose?
“Sarebbe sicuramente utile e vantaggioso avere un vaccino monodose, ma questo non è comune. Al momento, sembra che solo Johnson & Johnson possa ricevere una singola dose. Sappiamo che un certo livello di immunità si raggiunge dopo un dose. anche con altri vaccini., ma questo non sempre è sufficiente a proteggere da malattie gravi. Inoltre, non tutti i soggetti rispondono immunologicamente a uno stimolo antigenico e, per questo motivo, è meglio fare un promemoria “.
Pensando all’immunità data dagli anticorpi, abbiamo una scadenza per completare la vaccinazione?
“Non possiamo ancora dire quanto durerà l’immunità degli anticorpi indotta dal vaccino, ma sappiamo che nei soggetti infetti la durata della circolazione degli anticorpi varia da 6 a 8 mesi. Riuscire a vaccinare l’intera popolazione entro l’estate sarebbe un buon obiettivo. , ma tutto dipende dalla disponibilità di vaccini “.
Avremo successo o il virus cambierà di nuovo anche se sfuggiremo alla vaccinazione?
“Siamo riusciti ad avere vaccini efficaci in un anno, penso che con le tecnologie e i mezzi a disposizione in campo scientifico, saremo in grado di controllare questo virus. Alcune aziende stanno già lavorando su vaccini efficaci anche sulle varianti”.
Ci sono novità sulle varianti in circolazione?
Circolano le varianti principali in Toscana, inglese, più comune e brasiliana ed è emerso anche un caso della variante sudafricana. Purtroppo il numero delle varianti è in aumento ovunque e in tutti i Paesi e il rischio associato alla loro circolazione è legato il fatto che possano compromettere la protezione ottenuta con la vaccinazione ”.

READ  Estinzione di massa sulla Terra, cause

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *