#5 HEADWORRY – In conversazione con André Rouvoet

#5 HEADWORRY – In conversazione con André Rouvoet

Nella serie Zorgvisie “Head Concerns”, gli amministratori parlano della loro motivazione personale a contribuire ai cambiamenti nell’assistenza sanitaria. Questa volta: André Rouvoet.

Corona ha reso visibile la rilevanza dei venticinque GGD e dell’organizzazione ombrello GGD GHOR Nederland. Per André Rouvoet, Presidente di GGD GHOR Paesi Bassi, ora è il momento di andare avanti. Non solo nel campo del controllo delle malattie infettive, ma anche in altri ambiti della prevenzione, come l’assistenza sanitaria ai giovani. “Affrontare le disuguaglianze socio-economiche nella salute è una delle maggiori sfide nell’assistenza sanitaria. Per me è una missione sacra.

“Ad essere onesti, ero piuttosto titubante riguardo a questa posizione. Poi ho analizzato il motivo: mi occupavo di assistenza sanitaria da parecchio tempo e raramente avevo incontrato GGD GHOR Nederland. Certo, sapevo del GGD, così come tutti quelli della clinica sanitaria e della vaccinazione di viaggio. E come ministro. Anche mia moglie è pediatra al GGD. Ma non avevo notato molto dell’associazione professionale. Dubitavo della sua rilevanza. Ma poi è arrivata la corona e ho pensato che sarebbe stato un grande lavoro. In cui io, in tutta spudoratezza, potrei essere importante, anche perché conosco bene i decisori politici, il ministero e la RIVM. Dirigere un’organizzazione in tempi di crisi mi ha fatto battere forte il cuore. Una crisi è molto brutta per molte persone, ma amministrativamente è fantastica. Perché sai perché lo fai. È davvero rilevante. Ovviamente non avevo idea di quanto sarebbe diventato grande. Era un lavoro di due giorni alla settimana, che divenne più che a tempo pieno.

Qual è la sfida nel prossimo futuro?
“Anche ora che la corona è quasi estinta, dobbiamo ancora essere in grado di passare a grandi quantità di vaccini, se necessario, ad esempio con nuove varianti del patogeno. Dovremo avere le persone per questo. Durante l’ultima pandemia, abbiamo avuto il relativo vantaggio di avere il Paese bloccato quando avevamo bisogno di espanderci, lasciando a disposizione molto personale che non poteva lavorare nel settore dell’ospitalità e non era all’università. Potrebbe essere diverso la prossima volta. La condizione è che manteniamo almeno le persone che hanno le competenze per organizzare l’aumento di scala, se necessario. A lungo termine, sappiamo che prima o poi ci sarà un’altra pandemia, ma probabilmente sarà diversa da quella che abbiamo appena attraversato. Il rischio di una nuova zoonosi è alto. Potrebbe anche iniziare più vicino, magari nei Paesi Bassi. Ma sarà Covid 24 o Covid 30? Nessuna idea. È importante che non pensiamo di avere la più pallida idea di come funzioni. Abbiamo dovuto improvvisare molto e sono stati scoperti dei buchi. Una grave carenza di medici specializzati in malattie infettive, per esempio, ma anche di analisti di dati e specialisti comportamentali. Devono essere addestrati. Dobbiamo assicurarci di essere pronti.

READ  Il talento belga Alec Segaert appare come una matricola nel titolo europeo a cronometro con promesse

Possiamo giustamente chiamare l’obesità e tutte le malattie che provoca una pandemia. La prevenzione non dovrebbe essere la priorità numero uno nell’agenda del GGD?
“Uso spesso le parole tutela della salute e promozione della salute. La prevenzione ha il suono di progetti che durano un anno. Mangia più sano, muoviti di più, smetti di fumare. Non fraintendermi, è tutto molto importante. I GGD realizzano anche programmi su questi temi, come Healthy School e Healthy and Promising Start. Sono ancora felice che l’accordo sulla prevenzione sia stato concluso e che l’accordo sulla vita sana e attiva porti la tanto necessaria concretizzazione. Ma migliorare la salute richiede di guardare al quadro generale. Molti fattori influenzano la salute umana. In parte, varcano i confini dell’assistenza sanitaria. Hanno a che fare con le misere condizioni di vita delle persone, con la disoccupazione, con problemi di indebitamento, con problemi relazionali, con la tossicodipendenza. Con le possibilità e le impossibilità delle persone. Quando sei preoccupato per l’affitto, i tuoi figli o la tua situazione finanziaria, è difficile fare scelte sane. Porta anche a differenze di salute. Ho passato anni ad affrontare la questione dei divorzi conflittuali, dove ho visto entrare in gioco lo stesso tipo di famiglie. Ha tutto a che fare con il loro status socio-economico. Affrontare le disuguaglianze socio-economiche nella salute è una delle maggiori sfide. Se lo fai, stai davvero lavorando sulla salute. Mettere questo all’ordine del giorno è una missione sacra per me. Ci sono quartieri ad Amsterdam con una differenza nell’aspettativa di vita di sette-otto anni. Impossibile.’

È un compito per i GGD?
“GGD non riguarda l’alloggio e l’occupazione, ma la salute pubblica è il ponte tra il mondo dell’assistenza medica – il guarire e il cura – e il dominio sociale. I GGD sono in contatto con i medici di medicina generale, le squadre di quartiere, i centri sociali e le società sportive. Questa è la loro forza: sono radicati nella società. Il medico della gioventù GGD conosce l’intera mappa sociale di un luogo di residenza. Se mia moglie è in una scuola e sente che le cose vanno molto male nella famiglia Jansen, chiamerà. Non che abbia subito la soluzione, ma è l’anello di congiunzione senza il quale i problemi non si risolvono. Non sempre il primo responsabile, ma colui che segnala e dà l’allerta. La Convenzione di Assistenza Integrale con ospedali, mutue, comuni e il resto del settore sanitario prevede anche la realizzazione di infrastrutture regionali di prevenzione. Quindi dico: abbiamo un’infrastruttura regionale: i GGD.

READ  Mercato dell'informazione sanitaria positiva a Wellerlooi per 50 p...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *