Autolesionismo, depressione e comportamento aggressivo: conseguenze della Covid sui minori. L’esperto: “Agisci prima che sia troppo tardi”

C’è i bambini divennero anoressico O bulimico, altri che hanno iniziato a manifestarne uno tosse nervosa cronica dopo aver assistito al ricovero della madre affetta da Covid-19. Altro spesso svengono O cercano di ferirsi a vicenda avere ferite. Sta pericolosamente abbassando l’età alla quale iniziamo uso di droga. E poi ci sono i bambini e gli adolescenti che avrebbero avuto bisogno di più sostegno perché già malati. Invece, continuano a peggiorare. Persino il autistico, per la quale la pandemia rappresenta non solo un rischio fisico, che non possono permettersi, ma anche un’interruzione delle loro routine, un’interruzione delle relazioni sociali fondamentali, un isolamento totale. Tutto questo sta già accadendo, più frequentemente di quanto si possa immaginare. Lo dice ilfattoquotidiano.it Lucia Romeo, chirurgo specializzato in pediatria e fitoterapia, responsabile del servizio di sostegno alla fragilità familiare Timmi, nato nel 2019 all’interno delOspedale Buzzi di Milano, grazie alla collaborazione tra l’azienda Asst Fatebenfratelli Sacco e la Fondazione Terre des Hommes Italia. È qui che da mesi, con il suo team, raccoglie pezzi di bambini, adolescenti e famiglie le cui vite hanno stravolto il Covid-19. Molti di loro non hanno nemmeno contratto il virus.

Il suo è un grido d’allarme, un invito ad agire prima che sia troppo tardi: “La situazione è ormai fuori controllo, rischiamo di distruggere il nostro futuro ”. Per il pediatra “il conteggio dei contagiati e dei vaccini non basta, bisogna vivere. Non c’è molto da negare, anch’io avevo il Covid-19 e lo so bene. Ma credo che con le dovute precauzioni sia ora di aprire le porte di scuole, musei e centri sportivi ”.

READ  La teoria di Erikson e il ruolo dell'insegnante nello sviluppo psicosociale degli studenti

CHE COSA STA SUCCEDENDO – Nei giorni scorsi la rivista scientifica Lancet Regional Health ha pubblicato uno studio condotto da diverse università europee per il quale sono stati utilizzati i dati raccolti da 200.000 cittadini di Francia, Danimarca, Paesi Bassi e Regno Unito e secondo cui gli effetti di confinamento sicuro Salute mentale Io sono allarmantesoprattutto per i giovani sotto i 30 anni e le persone con problemi psichiatrici preesistenti, in quanto sono quelli che sperimentano maggiormente la solitudine e l’ansia. Ma per i bambini e gli adolescenti fino ai 18 anni è anche peggio. “Studi internazionali mostrano gravi danni ai bambini in termini di identità, emotività, educazione, personalità e apprendimento”, spiega Romeo, secondo il quale “lacune nella formazione, esperienza, socializzazione” si creano lacune “difficili da colmare per la prossima generazione . ” “Questa generazione ‘perduta’ – aggiunge – si presenterà all’inizio dell’età adulta, lavorativa e sociale senza una serie di fondamentali esperienze educative, sociali e culturali che peseranno sul suo futuro”.

LE VITE Distorte – Adolescenti e preadolescenti, in particolare, soffrono molto perché non vanno a scuola, non hanno più momenti di socialità, tranne che con mezzi tecnologici che diventano uno strumento molto rischioso. “Per apparire e mantenere legami privilegiati – spiega il pediatra – i bambini sono pronti a trasgredire sovraesponendosi a paura di essere solo e fuori dal gruppo. Si credeva che sarebbe stato più facile offrire un’educazione a richiesta agli adolescenti, già privati ​​della possibilità di fare sport, mangiare la pizza per socializzare, perché sono più grandi e avrebbero capito. Ma non sono adulti ”. E tutto questo ha avuto delle conseguenze: “Si sentono immotivato, si lasciano andare, così impigriscono“. In alcuni casi, il team di supporto ha riscontrato un aumento della violenza in famiglia osservato anche dai bambini, l’aggressività degli adolescenti stessi e un aumento dei casi di abuso di alcol e droghe. Mentre fino a poco tempo l’età in cui le persone hanno iniziato a fare uso di droghe era di circa 14 anni, oggi siamo 12. “Lo fanno perché l’hanno fatto troppa ansia, per provare sollievo dal dolore provato, per attirare l’attenzione degli adulti o per esprimere il proprio disagio ”.

READ  L'atmosfera terrestre: che cos'è, come è composta e per cosa viene utilizzata

Gli effetti li leggiamo nelle notizie. “Sono costantemente in contatto con altri ospedali – spiega il pediatra – a Roma, Firenze, Torino, Padova e tutti i miei colleghi riscontrano la stessa dinamica e una serie di sintomi secondari che non eravamo abituati a leggere. Le nostre unità sono piene ”. Tuttavia, durante questi lunghi mesi, le esigenze degli adolescenti sono state dimenticate, come quelle dei più piccoli, a partire dagli 8 anni, “la fascia di età più sensibile, la più delicata, perché ancora priva di filtri”. Assorbono tutto e rispetto al passato, non sappiamo perché, assistono ai discorsi degli adulti, anche quelli pieni di paure e ansie sul Covid-19, che non sanno codificare ”. Molto è stato tolto anche a questi bambini, spesso senza rendersene conto, perché le priorità sono diverse. “Ho visto un ragazzino piangere disperatamente perché dopo due anni è stato finalmente ammesso a una scuola di calcio, ma c’è stato un blocco e il suo sogno è andato in pezzi. Sono traumi ”, commenta il medico che spiega come in questi mesi i ragazzi curati per una serie di patologie abbiano tutti fatto un passo indietro.

VICINO al collasso – A tutto questo si aggiunge un file perdita di fiducia nello Stato e nelle istituzioni in generale. Le famiglie sono psicologicamente ed economicamente esauste e questa impotenza trasmette una così forte incertezza, che porta a bambini con stati depressivi e ansiosi, attacchi di panico, autolesionismo, problemi alimentari, stati ipocondriaci conseguenza delle caratteristiche del comportamento pandemico e deviante. “Stiamo affrontando un aumento di queste psicopatologie che non avremmo mai voluto trovare in fasce di età così basse”, commenta il responsabile del servizio Timmi. Cosa fare? Il pediatra non ha dubbi: “Dobbiamo concentrarci rapidamente sulla salute psicologica dei giovani, mentre il governo deve organizzarsi per garantire riapertura di scuole, musei, teatri, palestre, sempre al sicuro, prevedendo momenti di aggregazione vigilata. Questa reclusione troppo lunga ruba la giovinezza e l’infanzia e le patologie che già incontriamo non possono che aumentare. Stai lontano e guarda fuori dalla finestra, è ora di agire ”.

READ  oggi poco nuvoloso, martedì 24 poco nuvoloso, mercoledì 25 poco nuvoloso »ILMETEO.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *