“Basta lavoro intelligente, misura straordinaria. Draghi fa crescere l’Italia come negli anni Sessanta”

Renato Brunetta ti sorprende spesso. Succede anche quando veste i panni di un ministro della pubblica amministrazione. Lo chiami per parlare di lavoro, quando torna in ufficio, e lui ti ferma subito: “Emiliano ha ragione.

Michele Emiliano?

“Il suo”.

Su cosa?

“Non è difficile da indovinare.”

Il governo Draghi ha cambiato Salvini.

“E’ vero, al netto di Borghi come dimostra il voto di ieri sul pass verde in commissione Camera”.

E cosa è successo?

“Quello che facciamo con Draghi ha una rilevanza straordinaria. Qualcosa di insolito nel nostro Paese”.

Cioè?

“Stiamo, come da mandato, salvando l’Italia, tirandola fuori dalla pandemia e dalla crisi economica. Tutti insieme, tutti i partiti della grande coalizione, come mai successo in passato. È una missione che solo sei o sette mesi fa sembrava impossibile. Tutti insieme, a cominciare da Berlusconi, abbiamo voluto Draghi. Questo non è un compito facile. È quasi un miracolo. È una congiuntura astrale mai vista prima: la moneta d’Europa, la grande apertura di credito di Angela Merkel. Draghi regala a questo Paese un posizionamento internazionale mai visto prima”.

Salvini viene così visto con occhi diversi da un pezzo del Pd, dal presidente della Puglia. Sorpreso?

“No, non ero sorpreso. Ti racconterò una storia. Ho bei ricordi di quando sono andato con Berlusconi a Bari nel 2013. Sulla facciata del municipio, Emiliano aveva installato uno striscione che diceva: Caro Silvio, benvenuto a Bari. , infatti, Emiliano, allora sindaco della città. Di fronte ad un avversario che ha questo stile, posso solo dire: cappello. Quello che ora ha detto di Salvini è il riconoscimento che stiamo vivendo un momento di stato incipiente, una nuova stagione politica, nonostante le partite in casa Pd”.

E quando se ne andrà Draghi?

“Draghi ci sarà finché il Parlamento gli darà fiducia. Le elezioni si terranno nella primavera del 2023 e questo è il mio orizzonte temporale. Nessuno sano di mente sarà privato dell’assicurazione sulla vita rappresentata da Draghi. Trasferisce tutta la sua credibilità e la sua reputazione all’Italia, che ne aveva bisogno”.

Un gruppo di draghi si profila all’orizzonte?

“Non lo so. Non fa parte delle mie preoccupazioni. Mi interessa fare bene il mio lavoro e fare quello che chiamo Next Generation Pa. Mi sto concentrando sul cambiamento della pubblica amministrazione. Il compito è così bello e complicato che lì non c’è tempo per pensare ad altro. Questo vale anche per Draghi e gli altri ministri del governo”.

READ  Coronavirus, dai banchi alle maschere: così torneremo a scuola

Siamo davvero a un bivio?

“Lo dicono i dati economici. Ci stiamo riprendendo velocemente dalla pandemia. L’Istat ha confermato che nel secondo trimestre il Pil è aumentato del 2,7% rispetto al trimestre precedente e che la crescita già realizzata per il 2021 è del 4,7%. C’è sicuramente un effetto rimbalzo, ma l’obiettivo del 6% di crescita annua è ampiamente alla nostra portata. Sai cosa significa questo? ‘

Possiamo tirare un sospiro di sollievo.

“Non solo. L’Italia sta vivendo un boom economico che non conosceva dagli anni Sessanta. Nella bilancia commerciale con l’estero è salita al quarto posto nel G20 e nel mondo. A giugno il nostro principale indice Ftse Mib ha rotto il Cap di 25.000 punti base, che sembrava ineguagliato negli ultimi 12 anni. Sono tutti risultati che si devono a Draghi e alla credibilità del titolo. riformatore di questo governo. La crescita è frutto della fiducia che si condensa nel nostro Paese. Diventiamo interessanti per gli altri, un luogo dove sembra conveniente investire. Niente ha più successo del successo”.

Gli italiani lo sanno? Sentono quella fiducia?

“Assolutamente sì. E sono solo sei mesi che il governo Draghi si è insediato. L’apertura di Emiliano non è casuale. Questa maggioranza, quasi un’unità nazionale, funziona”.

E le liti tra Salvini e Letta?

“Queste sono bandiere, come quelle che mettiamo sui cocktail. Non importante, con tutto il rispetto. È una maggioranza riformatrice. A fine luglio il Parlamento ha convertito in legge il decreto semplificazione e all’inizio di agosto il decreto relativo all’assunzione del personale NRR e alla riforma delle carriere pubbliche. Sono misure che toccano la carne viva delle famiglie e delle imprese. E questo permetterà ai progetti del Piano di Ripresa di viaggiare velocemente, senza strozzature e con le migliori competenze impegnate per ricostruire l’Italia”.

Vuoi riportare i funzionari in ufficio?

“La pandemia è stata uno shock che ha richiesto misure straordinarie. Il lavoro intelligente, sia nel settore pubblico che in quello privato, è stato un grande esperimento sociale che è riuscito a tenere in piedi il Paese. Mi congratulo con il governo Conte Due, che è riuscito a farla partire in queste condizioni drammatiche e straordinarie”.

READ  Germania, “per 10 anni spia per la Cina”: arrestato politologo in Baviera. "Assunto a Shanghai"

Quindi cosa sta cambiando adesso?

“Grazie ai vaccini, grazie alla campagna dell’ottimo commissario Figliuolo, stiamo tornando alla normalità. Il metabolismo del Paese è cambiato. Che senso ha continuare con le stesse misure create per resistere alla pandemia? Che senso ha ancora mantenere questo manto di straordinario quando il Paese chiede di accompagnarlo verso la crescita con tutto il suo capitale umano? Anche prima della pandemia, c’erano montagne di arretrati. Negli ospedali, nei tribunali, negli uffici comunali. Tanti ostacoli allo sviluppo, al benessere e alla giustizia. La pandemia ha moltiplicato questo accumulo di arretrati e ingiustizie. Ora bisogna dare una spinta alla crescita, anche riempiendola di capitale umano. Il lavoro coinvolto è l’anima di questa rinascita. L’assenza è ancora più pericolosa nel settore privato, perché rischia di essere prodromica di licenziamenti di massa. Per me è una grande paura”.

Come trasformare il pubblico impiego?

“Ho fatto affidamento sul capitale umano pubblico come catalizzatore per lo sviluppo del Paese fin dall’inizio. Ho rilanciato il rinnovo dei contratti, ho sbloccato i concorsi per quasi 35.000 posti, definito nuove modalità di reclutamento secondo le best practices internazionali. Sono già stati pubblicati i primi bandi per il personale del Pnrr: per 8.171 dipendenti dell’ufficio prove e per 500 dipendenti pubblici che dovranno lavorare sulla governance dell’attuazione degli investimenti e delle riforme previste dal Piano. A questo si aggiunge un grande bisogno di formazione, come la ricarica delle batterie: sto lavorando a un programma di formazione di 1 miliardo che sarà in grado di dotare i funzionari pubblici di competenze essenziali per affrontare le tre transizioni ecologica, digitale e amministrativa – che porterà L’Italia verso il futuro”.

C’è un’atmosfera jacquerie, una rivolta popolare.

“Nessun lasciapassare verde e nessun vax sono la nostra cattiva coscienza, figli di cattivi insegnanti, cattiva politica, cattiva stampa. Sono la materializzazione delle nostre debolezze e ansie, come in Solaris, il film di Tarkovsky. Dovremmo fare tutti un autoesame”.

C’è una risposta alla mancanza di vax?

“Vaccini, vaccini, vaccini. L’introduzione del green pass è stato un compromesso rispetto alla vaccinazione obbligatoria per legge, che avrei preferito: era il modo per aumentare i costi di non vaccinarsi, un incentivo, una mannaia. E ha funzionato. Il 1° settembre il numero totale dei vaccinati è salito a quasi 38 milioni, ovvero il 70,14% della popolazione vaccinata in 12 anni. L’obiettivo ora è raggiungere l’80%. Manca poco. Il 91,87% degli ultraottantenni ha completato il ciclo vaccinale, così come l’88,03% di quelli tra i 70 e i 79 anni. Il numero di certificati verdi emessi è in costante aumento dai primi di agosto, per un totale di quasi 72 milioni di tessere verdi scaricate dagli italiani. Tutto è avvenuto all’insegna della qualità del servizio, dell’efficienza e della cortesia. Perché non replicare questo modello per i dipendenti pubblici in tutti gli uffici? Ritorno alla qualità, alla dignità e al rispetto. Un Paese dal volto umano, non più un Paese feroce”.

READ  Centrodestra, Salvini vuole il partito unico (senza Fdi). Berlusconi apre, Carfagna e Gelmini contro. È una lite in Forza Italia

Tutto moderato?

“Sono orgoglioso di essere un ministro che esprime il centrodestra del governo”.

Come lavorano Forza Italia e Lega al governo?

“Beh, ma questo è l’inizio di un percorso per il centrodestra. Come propongo da giugno, dobbiamo coordinarci a tutti i livelli: partiti, gruppi parlamentari, governo. L’esecutivo di Draghi ci offre una straordinaria opportunità. Non sprecarlo è un dovere, soprattutto davanti ai nostri concittadini. Dobbiamo riconoscerci in una carta dei valori. Io, per esempio, sarei felice di vedere la Lega nel Partito popolare europeo. È un passaggio fondamentale”.

È davvero possibile arrivare a una sola festa?

“È possibile, ma ci vuole lavoro, fatica. È una lunga strada. Bisogna crederci, ma ci vuole un po’”.

E Giorgia Meloni?

“Spero davvero che il potere di attrazione del governo di centrodestra alla fine influisca anche sui Fratelli d’Italia. Abbiamo sempre condiviso un progetto quando ci sono le elezioni, ma siamo divisi quando siamo all’opposizione o al governo. Certo, avrei preferito che Giorgia la scorsa settimana non incontrasse Orban ma Merkel”.

L’autunno sta arrivando. Non teme che il governo Draghi faccia una brutta sorpresa? Cosa può frenare la ripresa?

“Sono ottimista. Il meglio, secondo me, deve ancora venire. Una volta nel Gabinetto ho usato la metafora del respiro. È nel forno. Cresce. Diffonde un bel profumo tutt’intorno. Ecco, guai ad aprire la porta, perché il respiro non cresce più, si sgonfia, implode. Dopo tutto quello che abbiamo vissuto, gli italiani meritano di uscire dalla crisi, dall’incertezza, dalle loro paure. Hanno diritto alla felicità”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *