“Chi non si vaccina non deve fare certi lavori” (VIDEO) – Targatocn.it

È partita anche a Torino, come in tutto il Piemonte, la campagna di vaccinazione contro il Covid-19.

Come è successo a Cuneo, sempre nel capoluogo piemontese che ha ricevuto la prima dose di vaccino, era un medico, responsabile per malattie infettive presso Amedeo di Savoia, centro di riferimento regionale.

Davanti alle telecamere, il primo vaccino è stato effettivamente somministrato al professore Giovanni Di Perri, responsabile del reparto malattie infettive di Amedeo di Savoia. Dopo di lui, in una cerimonia che ha visto la presenza del sindaco Chiara Appendino e degli assessori regionali Fabrizio Ricca e Luigi Icardi, il secondo vaccinato in tutto il Piemonte è stato il medico Valeria ghisetti, direttore del laboratorio di microbiologia e virologia.

Anche in Italia, da oggi, la lotta al Covid acquista uno strumento importantissimo per sconfiggere il virus: il vaccino. “È andato tutto bene, me l’hanno dato nel muscolo con un ago sottile e non ho sentito nienteDi Perri ha rivelato, pochi minuti dopo la vaccinazione, prima che le 910 dosi fossero distribuite al resto della regione.

È un giorno molto importante, mesi molto duri. Soprattutto nel primo caso, non era chiaro come ne saremmo usciti, ma nel frattempo si sono create delle soluzioni. Questo è il primo ed è convincente, ma dovrà essere di più: il vaccino Pfizer non basterà per tutti e ne arriveranno altriIl professore ha spiegato.

Certamente, V-Day a parte questo, la maggior parte della distribuzione avverrà nella primavera del 2021. Sarà una campagna di vaccinazione unica e memorabile. Il più grande di sempre. Tuttavia, ci vorranno mesi per rendersi conto della sua efficacia.

READ  Covid, l'avvertimento del virologo: “Vaccinato? Potrebbero essere infettati. 2 casi su 3 della variante inglese "

Di Perri, da parte sua, ha chiesto un cambio di passo in contromisure adottare per sconfiggere Covid: “Quello che abbiamo fatto finora non è abbastanza, spero che in alcuni paesi dell’Est ci saranno soluzioni diverse e simili: aprire tutto, ma limitare l’accesso di alcune aziende a chi ha timbratoè “. E se il vaccino fosse uno dei vincoli emessi dal professore?”L’obbligo è l’ultima risorsa, dobbiamo cercare di non farlo accadere. Ma non viviamo in tempo di pace. Potrebbero essere introdotti alcuni tipi di vincoli: stai facendo un commercio di facciata? Sei un venditore, farmacista, insegnante? Devi prendere il vaccino o non puoi fare il tuo lavoro. Se sei uno scrittore o un lavoro intelligente, non puoi“ha affermato Di Perri. “La salute pubblica va difesa: con la mia libertà di non vaccinare, non posso nuocere alla salute degli altri”, ha concluso il responsabile del dipartimento malattie infettive.

Lieto che i vaccini siano arrivati ​​anche a Torino, sindaco Chiara appendini: “Per tutto il Paese e per tutta l’Europa è un po ‘di luce dopo tanti mesi di buio. C’è ancora molta strada da fare, la campagna richiederà mesi per ottenere tale copertura e sviluppare così l’immunità collettiva.La prima città è stata detta pronto per essere vaccinato: “Certo che lo fai, ma opti per fasce di rischio. Quando arriverà il momento, quando sarà la volta della popolazione a cui appartengo“.

Tra coloro che hanno parlato di luce in fondo al tunnel c’è anche il consigliere sanitario regionale, Luigi Icardi: “È un punto di svolta“. “Oggi abbiamo 7 ospedali più alcuni RSA. Domani e il giorno dopo l’arrivo di 40.000 dosi aggiuntive, inizieremo davvero a vaccinare gli operatori sanitari e le persone più vulnerabili. Ci stiamo già organizzando con altri vaccini ad altre aziende. Sarà una campagna vaccinale d’epoca, con ingenti assunzioni di personale. Ancora qualche mese di sofferenza, ma iniziamo la discesa»Conclude Icardi.

READ  "La scienza italiana deve chiedere scusa, non può parlare con una sola voce" - Corriere.it

È un momento storico molto importante – ha detto il presidente della Commissione Sanità, Lega Nord Alessandro Stecco in cui la scienza scende in campo contro il coronavirus“.”In effetti, ci sono due armi che abbiamo dovuto equipaggiare contro Covid per impedirne la circolazione: un vaccino valido e farmaci o una terapia contro il virus, che sono in arrivo.“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *