Cosa fa una crisi economica alla tua salute mentale: “Chi perde il lavoro spesso rimane infelice”

Cosa fa una crisi economica alla tua salute mentale: “Chi perde il lavoro spesso rimane infelice”

Roos van Rongen (32) ha mal di collo quando parla dello stato dell’economia. Rievoca ricordi di un momento difficile. Dopo la crisi del credito del 2008, tutto è andato storto nella sua famiglia. Suo padre, capofamiglia come direttore di un’agenzia di design, ha perso il lavoro. I suoi genitori divorziarono e volevano vendere la loro casa, ma era sul mercato da anni e alla fine fu venduta solo per metà del suo valore. Si sono trovati con un “debito esorbitante”, appena ripagato. “La vita non era facile come prima”, dice. “Guardando indietro, siamo finiti con un trauma.”

Il denaro è ancora un importante fattore di stress nella sua vita, anche se guadagna abbastanza come funzionario ambientale per il comune di Amsterdam per sbarcare il lunario. “Ho sempre la paura irrazionale di rimanere senza soldi”, dice. Questa paura si intensifica ora che continua a sentire e notare che si sta avvicinando una crisi economica. Confronta costantemente la crisi attuale con quella precedente. Quando lo stress aumenta, si preoccupa, dorme male e ha dolori al corpo.

La copertura mediatica dello stato attuale dell’economia non è particolarmente incoraggiante. Probabilmente è in arrivo una recessione, l’inflazione è ai massimi storici, tutti parlano di crisi: cosa fa alla psiche delle persone? E quanto è dannoso se questa è la prima crisi economica che stai vivendo consapevolmente? NRC ha parlato con economisti comportamentali ed esperti per esperienza su ciò che una crisi economica fa alle persone.

Van Rongen non vuole affrontare la stessa cosa dell’ultima volta, quindi vuole prepararsi a ciò che verrà prendendo “buone decisioni” ora. Per risparmiare, vive, tra l’altro, temporaneamente nella casa del padre, dove non paga l’affitto. Si chiede anche se non dovrebbe optare per un lavoro più stabile invece della consulenza. “Anche se il mio lavoro mi piace molto ed è vario e guadagno abbastanza, a volte penso di scegliere un lavoro in cui il mio reddito è ancora più stabile.”

Prepararsi a una crisi prendendo “buone decisioni”, come fa Van Rongen, è un meccanismo ben noto, secondo l’economista comportamentale Robert Dur dell’Università Erasmus di Rotterdam (EUR). “Ora sembra un buon momento per pensare a come rafforzare la tua situazione, ad esempio cercando la sicurezza in un contratto invece di essere indipendente”.

Risparmia localmente

Secondo il professore di economia comportamentale Joep Sonnemans dell’Università di Amsterdam, la prima reazione delle persone in tempi di crisi economica è tagliare i costi “localmente”: dove sentono che i prezzi sono aumentati notevolmente. Ad esempio, sentono che i prodotti del supermercato stanno diventando più costosi, quindi spendono meno per la spesa. “Non è sempre la soluzione migliore”, afferma Sonnemans.

READ  Prima arresto cardiaco, poi cancro: Gabriella guarisce due volte a 38 anni e realizza il sogno di aprire una casa tutta sua

The Behavioral Economist ha recentemente sentito che qualcuno ha deciso di fare la doccia meno spesso. “Gli ho chiesto se sapeva quanto costa una doccia. È tra mezzo euro e un euro alla volta. Questa persona potrebbe anche vedere in modo più ampio come ridurre i costi. Se portava con sé dei panini una volta alla settimana invece di prendere un panino dalla mensa al lavoro, poteva “fare una bella doccia” per tutta la settimana.

Quando si scopre che tagliare la spesa non funziona, dice Sonnemans, le persone tendono anche a vedere il proprio reddito come una seconda reazione. “Vedranno se forse possono guadagnare di più lavorando di più”.

Tuttavia, una crisi economica può portare al pessimismo, pensa Sonnemans. “Le persone tendono a tracciare delle linee. Quando va bene, pensiamo che andrà bene per sempre. Se l’economia va male, presumiamo che non migliorerà mai.

Lo stress finanziario ha all’incirca lo stesso effetto di una notte insonne

Secondo l’economista comportamentale Eva van den Broek, affiliata all’Università di Utrecht e che lavora per Behavioral Insights, una società di consulenza per le imprese e il governo, le persone sopravvalutano l’impatto dei grandi eventi sulle loro vite. “Ci abituiamo a una situazione nuova, minore, più velocemente del previsto”. Alla fine, la vita va avanti, la gente vedrà.

Ma prima che le persone economicamente stressate si abituino alla nuova situazione economica, la salute mentale può peggiorare, afferma Van den Broek. “In particolare, le persone a basso reddito cercano più spesso aiuto medico o mentale dopo una crisi”. Inoltre, lo stress temporaneo può anche avere conseguenze a lungo termine per la salute fisica: ad esempio, le persone hanno una pressione sanguigna più alta o una minore resistenza. “Lo stress finanziario ha all’incirca lo stesso effetto di una notte insonne.”

E durante una crisi economica, più persone soffrono di stress finanziario, afferma Wilco van Dijk, professore di psicologia economica all’Università di Leida. “Sono a corto di soldi e sentono di non avere alcun controllo sulle proprie finanze”. Secondo Van Dijk, questo stress è alimentato durante una crisi da cose difficili da prevedere e su cui non si può fare nulla, come l’importo della bolletta energetica o la durata della guerra in Ucraina.

Ciò può avere conseguenze emotive come ansia, depressione o scoppi di rabbia. Ciò potrebbe far disperare alcuni: “Gli studi dimostrano che esiste un legame tra recessioni economiche e suicidi, soprattutto nei paesi con reti di sicurezza sociale deboli”, afferma Dur. “Una crisi economica significa anche una crisi di salute mentale”.

visione a tunnel

Lo stress finanziario può anche causare problemi cognitivi. Van Dijk dell’Università di Leida: “Le persone iniziano a preoccuparsi perché sono preoccupate. Riempie la testa e quindi c’è meno spazio per altre cose. Questo li rende meno capaci di concentrarsi. Inoltre sta diventando sempre più difficile da pianificare. Perdi di vista il lungo termine e ti ritrovi in ​​una visione a tunnel, il che significa che riduci, ad esempio, l’importo della tua bolletta energetica mensile e che ti trovi in ​​difficoltà a fine anno, perché devi sempre pagare un costo aggiuntivo.

READ  L'asteroide PIÙ GRANDE del 2021 CHIUDE la Terra e ci raggiungerà in pochi istanti. Ecco l'annuncio della NASA

Le sorelle Monique Arifi Bonsink (57) e Tonia Bonsink (72) ricordano ancora la crisi del 2008, anche se non ne sono state colpite personalmente. “Il vero dolore allora sembrava riguardare principalmente le persone che avevano molti soldi in banca”, dice Monique. All’epoca la crisi colpì principalmente il settore finanziario e il mercato immobiliare. Ora le persone sono “veramente influenzate dai loro bisogni primari”, afferma Monique – dopotutto, tutti stanno perdendo potere d’acquisto. “Messaggi, energia. Tutto è più costoso”, dice Tonia. Si sentono irrequieti.

Entrambi sono molto preoccupati per i giovani. Non hanno mai sperimentato consapevolmente tali battute d’arresto economiche prima. Ma hanno già subito un significativo “danno mentale” da corona, vedono. “Temo che un’intera generazione sarà traumatizzata”, dice Monique.

Van Dijk pensa che non importa se è la tua prima, seconda o terza crisi. “La crisi del credito nel 2008 ha colpito un gruppo specifico. Un sacco di gente allora non se la sentiva nei portafogli,” dice. “Adesso tutti hanno meno da spendere. Se non riesci a sbarcare il lunario, è molto noioso, anche se ci sei già passato”.

Dur pensa che gli attuali rapporti su una possibile recessione siano particolarmente spaventosi per i giovani. “Tutto è ancora incerto, quindi indeterminato. Ma senti che le nuvole scure si addensano, qualcosa che potresti non aver mai sentito prima. Secondo lui, le condizioni economiche hanno un “effetto permanente” sui giovani di età compresa tra i 18 e i 25 anni. “In quegli anni, tutti i grandi eventi fanno una grande impressione”. Ad esempio, chi vive una crisi economica a questa età spesso diventa molto più di sinistra in termini di redistribuzione del reddito. “Le persone mostrano più compassione per gli altri che sono meno fortunati”.

Roos van Rongen, il cui padre ha perso il lavoro durante la crisi del 2008, osserva che è molto più preoccupata per l’economia dei suoi amici, che non erano così consapevoli della crisi del 2008. sei mesi, ha già chiesto ai suoi amici se pensa che la spesa sia così costosa e come se ne prendono cura. Sembrava che non gli importasse nulla.

La crisi del 2008 non ha avuto molta influenza su Roel van den Burght (26), studente di intelligenza artificiale all’Università di Amsterdam. Ora nota che sta diventando un po’ nervoso per i rapporti negativi sull’economia. “Leggo il giornale, a volte ho una brutta sensazione.” Ma non è ancora sveglio con le preoccupazioni per una futura recessione. “Sto un po’ ficcando la testa sotto la sabbia.”

READ  Nafi Thiam parla di soldi e salute dopo la punizione agli Europei indoor

Anche se una crisi e lo stress finanziario associato durano più a lungo, le persone si comporteranno come uno struzzo, afferma Van Dijk. “Chi si sente impotente alla fine smetterà di aprire le buste con le bollette. Non ha senso, si pensa. In questo modo i problemi spesso non fanno che aumentare e lo stress dura più a lungo. Più a lungo dura lo stress e più intenso è lo stress, minore è l’autostima.

Dopo la prima fase di agitazione, durante la quale si stabilisce una certa tensione nella società, una parte del popolo troverà rassegnazione. “Se si scopre che le conseguenze personali non sono troppo gravi”, ha detto Dur. Ma coloro che perdono il lavoro, ad esempio, possono anche subire una perdita permanente di benessere, afferma Dur. “La perdita del lavoro è uno degli eventi più drammatici, con un effetto importante sul benessere delle persone. Una persona cara che muore provoca uno shock profondo, ma dopo ciò il benessere alla fine ritorna al vecchio livello. Chi perde il lavoro e non rientra bene nel mercato del lavoro spesso rimane infelice.

Mostra quanto sia importante per le persone avere un lavoro, afferma Dur. “Se lo perdiamo, ci sentiamo esclusi”. Si aspetta una diminuzione del senso di benessere nella società se incombe una recessione e più persone perdono il lavoro. “Ora il mercato del lavoro è stretto, ma questo può facilmente cambiare in una recessione”.

L’economista Sonnemans ritiene che le persone in questa crisi abbiano finora sperimentato meno paura perché si tratta principalmente di una crisi del potere d’acquisto, piuttosto che di una crisi della disoccupazione. “Abbiamo meno soldi del solito. Ma la disoccupazione è ancora molto bassa. Secondo Sonnemans, è molto più drastico convivere con la paura di perdere il lavoro che dover tagliare le spese.

Monique e Tonia Bonsink prestano sempre più attenzione alle loro spese. Gli affari spontanei sono finiti. Finora è ancora ok. Ma sentono che le cose potrebbero peggiorare. “Il ministro Sigrid Kaag ha detto che i programmi di sostegno termineranno. Dà davvero una sensazione di paura”, dice Tonia. Monique: “Sento costantemente una nuvola oscura sospesa”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *