Covid, l’ipotesi della variante siciliana: ecco quanto sappiamo finora

CATANIA – L’ultimo in ordine cronologico è quello scoperto ieri in Giappone. È ancora un’altra variante del virus Sars-CoV-2, dopo quelli scoperti di recente in Gran Bretagna e Sud Africa. Gli esperti dicono che non sono più fatali, ma hanno un tasso di trasmissibilità molto alto. Nelle ultime settimane in Sicilia la pandemia di coronavirus si è diffusa in modo quasi incontrollabile: più del 66% positivo in una settimana e un tasso di positività prossimo al 20%, tra i più alti d’Italia. Potrebbe quindi essere che sull’isola ci fosse anche una mutazione del virus? Si può parlare di una variante siciliana?

L’ipotesi è stata avviata dalle pagine della nostra rivista dal virologo Carmelo Iacobello, Responsabile del Reparto Malattie Infettive dell’Ospedale Cannizzaro di Catania e membro del Comitato Tecnico Scientifico della Regione Siciliana. Un super esperto, dunque, che ha guardato in faccia il virus ogni giorno dalla sua comparsa e che oggi si dice sorpreso dall’improvvisa contagiosità che Sars-CoV-2 sta manifestando sull’isola. E ‘l’unica ipotesi, perché, come spiega lo stesso specialista in malattie infettive, per ottenere una risposta “ci vorrebbe un osservatorio virologico ed epidemiologico che ci permetta di identificare cosa sta succedendo”.

In Italia, invece, non sappiamo quali varianti siano in circolazione. né quanto siano diffusi perché – come spiega “Biologists for Science”, un gruppo di giovani biotecnologi molto attivi sui social network nella divulgazione e informazione scientifica – non sequenziamo (e se lo facciamo male). il gruppo ha lanciato una petizione per chiedere la creazione di una rete nazionale di laboratori per occuparsi della sorveglianza genomica della SARS-CoV-2.

READ  Marte, il rover Perseverance è pienamente operativo: invia le prime straordinarie immagini

“L’emergere della variante B.1.1.7 (detta anche variante “inglese”) ci ha mostrato chiaramente – affermano i ricercatori – che accanto ai dati epidemiologici, devono necessariamente esserci dati di sorveglianza genomica ”. Secondo Biologists for Science, “Se è vero che Sars-CoV-2 è caratterizzato da un tasso di mutazione molto più basso rispetto ad altri virus a RNA, è anche vero che ogni persona infetta rappresenta un’opportunità. affinché il virus muti e si adatti meglio al suo ospite. Questo adattamento non è necessariamente un vantaggio per l’ospite, ma al contrario, come ci ha chiaramente mostrato B117, potrebbe rendere molto più complessa la gestione della pandemia ”.

Ogni virus, infatti, per adattarsi e sopravvivere, tende a cambiare quando si replica, creando una nuova copia del suo RNA. Un fenomeno ben documentato dalla letteratura scientifica e che, dall’inizio della pandemia a Wuhan, ha già accumulato centinaia di mutazioni, la maggior parte delle quali di poca o nessuna entità.

Alcuni, tuttavia, si sono rivelati più contagiosi. Sono cinque le varianti che hanno generato un allarme negli ultimi mesi. La prima è quella cosiddetta europea (D614G), responsabile della seconda ondata caratterizzata da una maggiore incidenza di infezioni. Ancora più aggressive, in termini di contagiosità, sono le varianti individuate tra ottobre e novembre: la variante sudafricana e soprattutto inglese, la cui trasmissibilità è aumentata dal 50 al 70%.

I cambiamenti più importanti trovato sulla proteina Coronavirus Spike: un picco sulla superficie che le consente di legarsi al recettore ACE2 nelle cellule umane per penetrarle e infettarle. In poche settimane queste varianti (soprattutto in inglese) sono state rilevate in mezzo mondo: dall’Australia al Canada, da Hong Kong all’India, dagli Stati Uniti al Cile e gran parte dell’Europa. , Italia inclusa. Una chiara conferma del grado di contagio di queste mutazioni.

READ  Linfociti T helper: cosa sono ea cosa servono? - AssoCareNews.it

Il che non significa, come detto, che siano più mortali, anzi: “Non ci sono informazioni sul fatto che le infezioni di questi ceppi siano più gravi”, ha detto il Centro europeo per il controllo delle malattie (Ecdc).

“Una mutazione del virus potrebbe essere emessa anche in Sicilia – afferma il professor Antonio Cascio, direttore dell’Unità di malattie infettive del policlinico “Paolo Giaccone” di Palermo – ma ad oggi non ci sono conferme scientifiche che nell’isola circoli una nuova variante virale , il tutto dovrebbe essere supportato dall’analisi della sequenza genetica dell’RNA virale “.

“Le mutazioni sono sempre state lì e continueranno sempre ad esistere e grazie alle mutazioni c’è stata l’evoluzione di tutte le specie, compreso l’uomo – spiega Cascio -. Più semplici sono i microrganismi, più facile è che si verifichino mutazioni. I virus con l’acido nucleico Rna mutano più velocemente di altri. Sars-CoV-2 tende a mutare meno frequentemente rispetto ad altri virus a RNA, ma muta con un tasso stimato di due mutazioni al mese ”.

“Le mutazioni non sono sempre utili perché il virus e non necessariamente le mutazioni rendono il virus più contagioso o più aggressivo ”, sottolinea il professor Cascio. “Le varianti più contagiose e meno virulente tendono generalmente a diffondersi di più. È molto importante continuare ad analizzare frequentemente le sequenze genetiche dei virus circolanti in diverse parti del mondo per seguire l’emergere di queste varianti che potrebbero diventare meno riconoscibili dai test diagnostici molecolari o antigenici o meno sensibili agli anticorpi emergenti dalla vaccinazione. “.

Infine, facendo riferimento alla cosiddetta “variante inglese” Cascio osserva: “Il Regno Unito ha un consorzio consolidato di sequenziamento del genoma SARS-CoV-2 ed è il paese al mondo in cui vengono eseguite le sequenze più virali, motivo per cui è È il paese in cui sarà più facile diagnosticare di nuovi. varianti. Le istituzioni si stanno assicurando di monitorare queste varianti – sottolinea lo specialista in malattie infettive – nel frattempo manteniamo la calma e continuiamo a indossare la maschera e mantenere le distanze sociali fino a quando almeno il 70% della popolazione non sarà vaccinato. L’imperativo per ora è cercare di vaccinarci tutti il ​​prima possibile – conclude Cascio – perché minore è il numero di contagiati, meno è probabile che emergano nuove varianti ”.

READ  Veneto tra le regioni con i migliori dati...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *