“La scienza italiana deve chiedere scusa, non può parlare con una sola voce” – Corriere.it

“La scienza italiana deve chiedere scusa: non è in grado di parlare con una sola voce”. Sergio Abrignani, 62 anni, immunologo, direttore scientifico dell’Istituto nazionale di genetica molecolare di Milano, è membro del CTS da metà marzo su indicazione del governo Draghi. È la prima volta che uno scienziato ammette ciò che tutti pensiamo fondamentalmente. “Il Covid-19 ci ha mostrato più che mai cos’è la scienza In corso. All’inizio, la convinzione prevalente era che solo le persone sintomatiche trasmettessero il virus, poi è stato dimostrato il contrario. Quindi, anche ad esempio su possibili mutazioni, le ipotesi iniziali sono state smentite: oggi sappiamo che esistono varianti e ben prima dell’inizio delle vaccinazioni. Così è stata sollevata la questione dell’efficacia del vaccino in presenza di un virus modificato: e con altre discussioni si è abbassato ”.

Sergio Abrignani, 62 anni, membro del Cts

Dobbiamo rassegnarci ad ascoltare tutto e il contrario di tutto?
“Niente affatto. Proprio perché il virus ci ha dimostrato che non esiste una precisione assoluta, dovrebbe esserci un rapporto più sano tra scienza e politica. Ed è per questo che parlo del fallimento della scienza italiana: a differenza di Paesi come gli Stati Uniti”. Stati, Gran Bretagna, Germania e Francia, purtroppo non abbiamo accademie scientifiche che possono nominare i migliori esperti, deputati per Così tutti possono dire la loro: avresti mai un commento ortopedico sulla chirurgia a cuore aperto? mesi, tutti si sentivano in diritto di dire la loro e gli scienziati, me compreso, non sono migliori degli altri uomini.


Il premier Mario Draghi sta giocando?
“Assolutamente no. Perché una cosa è la scienza, un’altra è la politica, che deve tener conto anche dell’aspetto socio-economico di un Paese in ginocchio. Potrei sembrare brutale, ma è quello che io L’importante è essere intellettualmente onesti” .

Qual è il rischio calcolato?
“Oggi abbiamo un’incidenza di 146 casi a settimana ogni 100.000 abitanti (contro 157 della scorsa settimana) e il Rt a 0,85 (contro 0,81 in precedenza). Il rischio calcolato è capire fino a che punto possiamo spingerci per riavviare il Paese senza rischiare di essere in rosso per tutta l’estate o peggio ancora di uccidere persone ”.

Quindi, è questa una scelta politica?
“Come scienziati, possiamo indicare il modo migliore per mitigare il rischio. Ma è sempre la politica che decide ”.

Qual è il modo migliore in questo momento?
“Vaccina il più velocemente possibile i luoghi dove sei senza maschere come i ristoranti, lasciali aperti solo verso l’esterno, fai il coprifuoco e tampona il più possibile, anche con salivare. È la mitigazione del rischio che il governo sta seguendo sotto la direzione degli scienziati. Dobbiamo procedere a piccoli passi ”.

Come risponde ai politici che chiedono i dati su cui è calcolato il rischio per mantenere il coprifuoco a 22 anni?
“Chiunque faccia questa richiesta è in assoluta malafede. La pandemia è ancora in parte terra incognita, ma sappiamo che il virus sta circolando tra le persone. Più circolano, quindi, più si diffonde. Mangiare fuori in un’area all’aperto è ovviamente meno pericoloso che mangiare al chiuso, dove una persona infetta può infettare fino a 18 persone. Così come nessuno ci dirà mai con certezza quante infezioni possono aumentare prolungando il coprifuoco di un’ora o due, ma ha senso capire che più le persone sono lontane da casa, più bassa è la curva epidemiologica. Aumenta “.

READ  Superconductor, ha scoperto una tipologia considerata impossibile da produrre

La situazione del Covid-19 in Italia e nel mondo

Sed è vero che la circolazione del virus sta rallentando, bisogna ammettere che con 146 casi settimanali ogni 100.000 abitanti, l’incidenza è ben lontana dai 50 che permettono di controllare l’epidemia. Com’è la situazione?
“Ce lo ricorda anche il caso della Sardegna: dal bianco al rosso in poche settimane. Non possiamo permetterci di sbagliare. Con le certezze che abbiamo e cercando di interpretare in buona fede le incertezze con cui questa pandemia ci fa accettare, noi scienziati dobbiamo dare alla politica gli strumenti che le permettano di prendere le decisioni migliori ”.

1 maggio 2021 (modifica il 1 maggio 2021 | 07:46)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *