Deep Space: coloni su Marte

Un giorno l’uomo metterà piede marzo. Non sarà domani, probabilmente non lo sarà nemmeno 2024 come ha affermato Elon Musk. Ma su una cosa, il visionario di SpaceX ci vede da molto tempo: la nostra specie lo diventerà multiplanetaria, in un futuro che potrebbe non essere nemmeno troppo lontano. E costruirà colonie nel mondo rosso.

Ma come potrebbe funzionare Habitat marziani? Tutti i principali partecipanti alla Space Race 2.0 concordano sul fatto che il punto di partenza sarà lì Luna. Tornando al nostro satellite, questa volta per restarci, è ai vertici dei programmi spaziali dell’agenzia, con la NASA ei suoi partner che svolgono il Programma lunare Artemis partenza in 2024. Un traguardo che oggi sembra più realistico dello sbarco su Marte promesso da SpaceX in così poco tempo, ma che richiederà comunque molto lavoro. Una volta tornati sulla luna, i prossimi passi sul nostro satellite sembrano abbastanza chiari: mettere il Porta lunare, usalo come stazione di orbita da cui gli astronauti possono salire e scendere dalla luna e infine costruire il primo colonie a partire dal regola lunare. Passaggi molto complicati, ovviamente, ma già considerati fattibili. Al contrario, quando si tratta di Marte, tutti gli sforzi al momento sembrano essere concentrati sul viaggio.

“La colonizzazione marziana, anche se oggi si parla un po ‘meno della Luna, resta uno degli obiettivi principali – dice. Raffaele mugnuolo Dell ‘Agenzia spaziale italiana – perché Marte ha tutte le caratteristiche che possono favorire il processo di colonizzazione umana. Ovviamente, ci sono molti problemi che devono essere affrontati prima. In ordine di priorità, le più urgenti sono soprattutto la protezione dagli agenti esterni: radiazioni cosmiche difficili da proteggere, ma anche fenomeni meteorologici come tempeste di sabbia, con venti superiori a 250/300 km / h, e bombardamenti di meteore. L’impiego di tunnel di lava, canali lasciati vuoti durante il processo eruttivo avvenuto in tempi antichi. L’idea è di utilizzare questi spazi vuoti sotto la superficie marziana per colonie che sarebbero automaticamente protette da questi fenomeni. “

READ  Il raro incontro tra quasar

Ora la futura colonizzazione marziana si preannuncia diversa dalla colonizzazione lunare: difficilmente possiamo immaginare di costruire le prime colonie direttamente su Marte, ma sarà necessario usa ciò che il mondo rosso ha da offrire. Fornendo così le strutture necessarie per la sopravvivenza della casa.

“In una prima fase – continua Mugnuolo – è importante garantire la permanenza di un equipaggio, anche piccolo, che potrebbe costituire il primo nucleo di colonizzazione. Una tecnica considerata è quella che imita i pionieri che hanno conquistato i nuovi mondi: utilizzare i materiali delle navi con le quali sono arrivati ​​nelle nuove terre per costruire i primi insediamenti. Allo stesso modo, è molto più probabile che le navette spaziali con le quali l’equipaggio arriverà su Marte vengano utilizzate come primi nuclei di insediamento permanente. Saranno quindi già costruiti per poter essere utilizzati nei primi momenti di questo processo di colonizzazione ”.

Ma proprio come i pionieri dell’esplorazione del Nuovo Mondo, un giorno i futuri coloni marziani dovranno essere autosufficienti sul Pianeta Rosso. Quindi trova un modo per costruire oggetti direttamente su Marte. A tal proposito è stato condotto nei giorni scorsi uno studio, condotto daUniversità di Singapore, secondo cui un materiale promettente per la costruzione di habitat marziani sarebbe la chitina.

“Questo materiale sembra essere prontamente disponibile sulla Terra. Dai test che hanno eseguito in laboratorio con materiali simili a quelli marziani, sono stati in grado di dimostrare che probabilmente può essere prodotto anche dal suolo di Marte. Il problema è che nel frattempo avremmo dovuto terminare quella che prima chiamavo fase 1, quindi la regolazione con le funzioni essenziali, prima di passare ad una seconda fase in cui è possibile iniziare la messa a punto laboratori in grado di garantire, ad esempio, la produzione di materiali come la chitina, che sembra molto promettente. Ma lo vedo dopo, cioè dopo aver risolto il problema dell’adattamento umano a condizioni estreme, della protezione dagli agenti esterni e della generazione di elementi essenziali come ossigeno e acqua. Sono tutte condizioni da risolvere prima di pensare a un’eventuale evoluzione nella conquista del pianeta rosso ”spiega. Raffaele mugnuolo, che è anche direttore scientifico dell’Agenzia Spaziale Italiana per la missione ESA ExoMars.

READ  "Impara la democrazia con la matematica". Chiara Valerio a Huffpost

Marte, un obiettivo alla nostra portata 1965, è attualmente il pianeta più esplorato dal punto di vista robotico, ma ci sono ancora molti passaggi da compiere per portarci i primi astronauti. Ma se immaginassimo di andare oltre lo sbarco marziano? L’idea di un file Mars Gateway, simile all’avamposto lunare su cui la NASA sta lavorando ma in orbita attorno a Marte, che potrebbe servire come base per esplorare altri mondi?

“La mia immaginazione non può andare oltre – conclude Mugnuolo – perché le distanze sono ancora troppo elevate rispetto alle tecnologie oggi disponibili viaggiare nello spazio. Non dimentichiamo che attualmente il viaggio più breve immaginabile su Marte dura sei mesi. Quindi in futuro l’immaginazione può lasciare il posto a qualsiasi prospettiva, ma vedrei uno scenario più concreto che vede il Lunar Gateway come punto di accesso. Il primo luogo di esplorazione e colonizzazione può essere proprio una base sulla superficie marziana ”.

Luna, orbita cislunare, Marte: i passaggi per fare dell’uomo una specie multiplanetaria sono quindi a loro volta composti da tanti pietre miliari intermedio, che richiedono un uso integrato della conoscenza scientifica e tecnologica. Come è sempre stato con la storia dell’esplorazione umana, sul nostro pianeta e nell’universo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *