dovremmo smettere di chiamare la nostra specie “Homo sapiens”

dovremmo smettere di chiamare la nostra specie “Homo sapiens”

Il nome che abbiamo dato alla nostra specie dovrebbe essere sostituito? La professoressa di archeologia di Leiden Marie Soressi la pensa così.

Homo sapiens abbiamo battezzato il nostro: l’uomo “saggio” o “sensibile”. Ciò implica che eravamo più intelligenti di altre specie del genere Homo che non esistono più sulla Terra, come i Neanderthal. Ma, ha detto il professore di Archeologia della diversità degli ominidi di Leiden Maria Soressia mentre lei lezione inaugurale la scorsa settimanaNon abbiamo prove per questo. Questo è il motivo per cui propone di rinominare la nostra specie in faber gay: il ‘fare l’uomo’.

grande sorpresa

Inizialmente, Soressi si è preoccupato della questione di come potesse accadere che la (sotto)specie umana Neanderthal potrebbe scomparire circa 40.000 anni fa. Ma mentre stava facendo questa ricerca, ha detto al telefono, ha stabilito che era impossibile dire che il Homo sapiens all’epoca era più intelligente dei Neanderthal.

Maria Soressia

L’archeologa Marie Soressi al lavoro in Francia. (Foto: Matthew Wilson)

Un altro punto di svolta nel nostro pensiero sui Neanderthal è stata la pubblicazione del primo genoma di Neanderthal, nel 2010. “Ha mostrato che i Neanderthal e gli esseri umani riprodursi insiemedisse Soressi. “È stata una grande sorpresa. In precedenza, i Neanderthal erano esseri umani completamente scomparsi. Ora si scopre che portiamo con noi alcuni dei loro geni. Quindi condividiamo con loro più di quanto avessimo mai immaginato.

Più prole

Nel 2013 Soressi ha anche pubblicato a articolo scientifico intitolato “I Neanderthal realizzarono i primi strumenti specializzati dall’osso in Europa”. “Gli strumenti che i Neanderthal usavano per lavorare le pelli 50.000 anni fa sono estremamente simili a quelli che si vedono oggi in quasi tutti i laboratori che lavorano la pelle”, dice. “A quanto pare non avremmo mai potuto trovare qualcosa di meglio per fare questo lavoro.”

READ  Le persone vulnerabili sperimentano l'impatto sulla salute di una pandemia in modo diverso

Ma poi cosa ha fatto scomparire i Neanderthal e altre specie umane, e Homo sapiens l’unico rimasto? “Abbiamo avuto più figli”, dice Soressi. “Non sappiamo esattamente cosa sia successo. Ma almeno dobbiamo smettere di pensare che fosse perché eravamo più intelligenti.

Cosa ci rende

Per questo anche Soressi si rivolta contro il nome Homo sapiens per la nostra specie. Invece, lei sostiene faber gay: il ‘fare l’uomo’. Ciò non significa che “noi” fossimo più bravi a creare strumenti rispetto, ad esempio, ai Neanderthal. “Non ci sono prove chiare per questo”.

Ebbene, dice, la produzione di utensili è qualcosa che sta succedendo da molto tempo nell’evoluzione umana. “Questo è ciò che ci ha fatto. Le nostre capacità si sono evolute grazie al nostro interesse per lo sviluppo e la produzione di utensili.

Ötzi l’uomo di ghiaccio

La nostra passione per le cose sembra perdere un po’ il controllo, dice Soressi. Nel 1991, il corpo di . è stato trovato Ötzi l’uomo di ghiaccio, che deve essere vissuto circa tremila anni prima di Cristo. “Il numero di oggetti che Ötzi ha usato durante la sua vita era probabilmente uguale al numero di oggetti che usiamo oggi in un solo giorno.”

Inoltre, continua il professore, Ötzi sapeva come era fatto il suo coltello e di che materiali era fatto. “Ora chiamo con uno smartphone che non ho idea di che materiali sia, da dove provenga, chi l’abbia assemblato… Lo stesso vale per decine di altri oggetti che uso quotidianamente.” E questa mancanza di conoscenza rende difficile ridurre la nostra impronta di carbonio, ad esempio, continua.

READ  Molto ORGOGLIOSO a Velsen-Nord - Jutter

Primi punti interrogativi

Ma torniamo a quel nome per la nostra specie. C’è davvero una possibilità che noi Homo sapiens presto ti saluta? “Ho messo in dubbio questo nome solo per la prima volta durante la mia lezione inaugurale”, dice Soressi. “Ora voglio scriverne e discutere il mio punto con i colleghi. E chissà cosa accadrà dopo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *