GGD ha allestito sale di prova speciali per il vaiolo delle scimmie

GGD ha allestito sale di prova speciali per il vaiolo delle scimmie

Salute4 lug. 22 23:36AutoreEric van den Berg

Nelle ultime settimane, i GGD metropolitani hanno allestito stanze separate dove le persone possono essere testate per il virus del vaiolo delle scimmie. I piani sono pronti a livello locale per un’ulteriore espansione. La conversione di una strada per test corona è una delle opzioni.

E’ quanto emerge da una visita della Bnr ad alcuni servizi sanitari. I GGD di Amsterdam, Rotterdam, L’Aia ed Eindhoven ora hanno tutti strutture separate con sale d’attesa separate dove a volte vengono offerte anche le vaccinazioni. La regione GGD Utrecht non ha stanze separate, ma ha un’ora di consultazione separata per il vaiolo delle scimmie.

I servizi sanitari rispondono a un aggiornamento Direttiva RIVM† Consiglia di ridurre al minimo il contatto con le persone che vengono a sottoporsi al test per prevenire le infezioni sul posto. Anche al personale medico e ai tester è richiesto di indossare una mascherina. Una misura precauzionale, spiega il medico microbiologo Bert Mulder dell’ospedale Canisius Wilhelmina di Nijmegen. Secondo Mulder, quasi tutti i casi nei Paesi Bassi si diffondono attraverso il contatto con la pelle. “Questo non vuol dire che la precauzione non sia estremamente sensata.”

La Coronatestraat potrebbe essere stata ridecorata per il vaiolo delle scimmie

È importante guardare al futuro per combattere l’epidemia, afferma il microbiologo medico Matthijs Welkers dell’UMC Amsterdam. “Dipende tutto dalla logistica”, afferma Welkers. “Se l’epidemia diventa davvero molto più grande e si esaurisce la capacità di test, si esauriscono anche molte nuove infezioni”. I test per il vaiolo delle scimmie sono anche più complessi dei test per il coronavirus, il che rende più difficile soddisfare il bisogno. “Con la corona, prendi solo un tampone faringeo e nasale”, afferma Welkers. “Qui, devi spogliarti, guardare le lesioni. Hai davvero bisogno di stanze. Dovresti anche pulirlo completamente prima di passare al paziente successivo.

READ  Gli astronomi creano una sorta di Google Maps per parte dello spazio | Tecnologia

Il numero di contagi nei Paesi Bassi è ancora molto basso. Il RIVM ha contato ieri solo 352 infezioni nei Paesi Bassi. Tuttavia, questo numero sta crescendo rapidamente. Secondo il RIVM, i test sono un’arma importante per contenere il virus. “Il modo per prevenire la diffusione è riconoscere rapidamente”, afferma Tjalling Leenstra, capo del centro di coordinamento nazionale per il controllo delle malattie infettive presso RIVM. “In questo modo puoi consigliare ai pazienti di autoisolarsi e consigliare ai contatti di vaccinarsi”. Molti GGD hanno già piani pronti per espandere la capacità di test, se necessario. Ad esempio, la regione GGD di Utrecht sta valutando la riprogettazione di una strada di prova originariamente utilizzata per rilevare il virus corona.

La maggior parte delle infezioni da vaiolo delle scimmie ha avuto luogo ad Amsterdam. In molti altri GGD, finora ci sono state poche richieste di test, quindi non si pone la necessità di sale di prova separate. Ad esempio, il GGD Hollands Midden lavora con il campionamento domestico. Un dipendente GGD visita il potenziale paziente a casa per fare un test. A L’Aia, questo approccio è ora considerato troppo laborioso. Secondo il RIVM, i GGD stessi determinano come allestire le loro strutture per i test, ma devono essere presi in considerazione più pazienti anche al di fuori di Amsterdam. “Tutti i GGD dovrebbero essere preparati per le persone con sintomi”, afferma Leenstra.

La politica dei test tornerà presto sulla pala

Il RIVM ha annunciato che l’epidemia di vaiolo delle scimmie si sta sviluppando rapidamente e che la politica sarà modificata se necessario. Anche la guida sui metodi di prova è in fase di revisione, afferma Leenstra. “Siamo costantemente alla ricerca: cosa possiamo imparare da questo virus? Su questa base, controlliamo costantemente se le misure sono efficaci.

READ  Il CERN prevede di chiudere gli acceleratori di particelle per mancanza di energia - IT Pro - News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *