I paesi europei rinviano il divieto di finanziamento dei combustibili fossili

I paesi europei rinviano il divieto di finanziamento dei combustibili fossili

Pixel grezzo (CC0)

I Paesi Bassi stanno ritirando la loro decisione di porre fine ai finanziamenti internazionali per i combustibili fossili da quest’anno. Anche Italia e Germania sembrano essere tornate alle loro precedenti promesse.

I Paesi Bassi stanno ritirando la loro decisione di porre fine ai finanziamenti internazionali per i combustibili fossili da quest’anno. Anche Italia e Germania sembrano essere tornate alle loro precedenti promesse.

I Paesi Bassi stanno infrangendo la loro promessa di interrompere il finanziamento di progetti internazionali sui combustibili fossili entro la fine di quest’anno. Continuerà a sostenere tali progetti nel 2023.

L’Italia ha anche annacquato una dichiarazione ministeriale per onorare l’impegno sottoscritto da dieci Paesi europei. La Germania ha rinviato l’attuazione dell’impegno a causa di divisioni interne.

I tre paesi hanno tenuto una COP26 l’anno scorso dichiarazione firmato per porre fine al nuovo sostegno diretto del governo “per il settore internazionale dei combustibili fossili” entro la fine del 2022. Ma da quando la Russia ha invaso l’Ucraina a febbraio, la corsa alle forniture di gas da fonti alternative ha paralizzato questo impegno.

“La guerra in Ucraina ha reso la sua attuazione ancora più difficile, soprattutto in Germania”, ha affermato Gerlind Heckmann, vicedirettore del ministero tedesco degli Affari economici e dell’azione per il clima.

crisi energetica

Giovedì i ministri dell’economia e delle finanze dell’UE si sono incontrati a Berlino per discutere di come allineare il finanziamento delle esportazioni agli obiettivi climatici.

Hanno partecipato Germania, Italia, Francia, Belgio, Regno Unito, Finlandia, Paesi Bassi, Spagna, Svezia e Danimarca superiore sul finanziamento delle future esportazioni (E3F).

In un dichiarazione il gruppo ha sottolineato che “la crisi energetica non cambia il loro impegno ad attuare l’impegno della COP26”.

READ  La Lazio, avversaria del Feyenoord, tiene d'occhio il vantaggio italiano con una clamorosa vittoria | calcio olandese

Durante l’incontro, i membri dell’E3F hanno cercato di stabilire una definizione comune delle attività da escludere dai finanziamenti pubblici internazionali a partire dall’inizio del 2023 e un approccio comune alla loro attuazione.

I ministri hanno deciso di porre fine ai finanziamenti internazionali per l’esplorazione, la produzione, il trasporto, lo stoccaggio, la raffinazione e la distribuzione di carbone, petrolio e gas.

testi sommessi

Ma l’Italia ha ripetutamente esercitato pressioni per annacquare il testo della dichiarazione, affermano fonti vicine ai colloqui. La dichiarazione consente a ciascun paese di adottare il proprio approccio all’attuazione, con una revisione congiunta.

La dichiarazione “riconosce il continuo sviluppo degli approcci nazionali” e lascia spazio ai ministri “per decidere su un possibile coordinamento politico tra i paesi”. È stato eliminato un passaggio in cui si stabilisce che le eccezioni al divieto dei combustibili fossili devono essere compatibili con la limitazione del riscaldamento globale a 1,5 gradi.

Al vertice del G7 all’inizio di quest’anno, l’Italia, insieme alla Germania, affermazione finale attenuata sostenendo che gli investimenti temporanei nel gas sono “necessari” per far fronte alla crisi energetica.

I due paesi hanno in programma di supportare un’azienda che è in L’Argentina liquefa il gas per trasportare il gas, estratto mediante fracking, in Europa. Secondo gli attivisti, ciò è contrario all’impegno preso a Glasgow.

Promesse non mantenute

Il governo olandese ha la sua politica ha annunciato che escluderà il sostegno ai combustibili fossili dal suo finanziamento delle esportazioni.

Le aziende e le banche non potranno più sostenere nuovi progetti di combustibili fossili che sono incompatibili con il riscaldamento di 1,5 gradi. L’Agenzia Internazionale dell’Energia (AIE) ha avvertito che lo sviluppo di nuovi giacimenti di carbone, petrolio e gas è incompatibile con l’obiettivo.

READ  SpaceX vende terminali di riparazione danni all'Italia

Laurie Van der Burg, attivista di Oil Change International, spiega che il testo offre una scappatoia con il pretesto della sicurezza energetica.

Esiste infatti un periodo transitorio durante il quale le proposte presentate nel 2022 possono essere approvate fino alla fine del 2023. Dieci progetti sono in attesa di essere approvati.

“È una grande delusione”, ha detto Van der Burg. “Le scappatoie hanno creato un pessimo precedente per altri paesi che non hanno ancora rilasciato le loro politiche”, afferma.

Conflitto interno tedesco

I ministri italiano, tedesco e spagnolo non hanno ancora stabilito come manterranno la promessa della COP26, ma hanno già annunciato che lo faranno entro la fine dell’anno.

Per il paese ospitante tedesco, invece, è stata una spina nel fianco. La Germania ha posticipato il rilascio della sua politica a causa di lotte interne su quanto lontano dovrebbe andare.

Secondo quanto riferito, alcuni funzionari hanno esortato a continuare il supporto per il trasporto di gas, anche attraverso impianti di GNL. Il cancelliere Olaf Scholz ha il suo espresso sostegno per l’utilizzo del gas senegalese per l’esportazione.

Leggi anche

Terekhova (CC BY-NC-ND 2.0)

“Al Ministero del Clima il nostro cuore batte sul lato verde. È chiaro”, ha detto Heckmann, aggiungendo che le discussioni a livello federale sono “vivaci”.

Eventuali eccezioni all’impegno, ha affermato, sarebbero “molto rigorose, concrete e di breve termine” e in linea con lo scenario zero netto dell’AIE.

Gli attivisti affermano che le esenzioni per l’esplorazione e il trasporto di combustibili fossili metterebbero la Germania nel campo di coloro che sono rimasti indietro.

Tutti gli altri governi che limitano il finanziamento internazionale dei combustibili fossili escludono le attività di produzione e trasporto, incluso il GNL, secondo analisi di Oil Change International.

READ  Il tribunale italiano sospende le udienze nel caso di eredità della famiglia Agnelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *