I residenti vogliono voce in capitolo nei mulini a vento: ‘Sapere per certo che la salute è garantita’

I residenti vogliono voce in capitolo nei mulini a vento: ‘Sapere per certo che la salute è garantita’

Questo pomeriggio il Consiglio provinciale dell’Olanda Settentrionale si è riunito su una richiesta di referendum presentata dal gruppo d’azione Windalarm. Il gruppo vuole che i residenti della provincia abbiano voce in capitolo in una decisione che vuole abbassare lo “standard di distanza” delle turbine eoliche dalle case e dalle riserve naturali. “Come residenti, vogliamo essere sicuri che la salute sia garantita”, afferma Joost de Groot di Windalarm.

mulino a vento entro 600 metri dove abiti: non è ancora consentito, ma se dipende dal Consiglio provinciale, sarà possibile in seguito. Secondo la provincia, ciò è necessario per accelerare la transizione energetica. Inoltre, Noord-Holland ha già regole aggiuntive sulla politica delle turbine eoliche oltre alle regole nazionali, ha detto Anouk Gielen di GroenLinks a NH Nieuws. “Come la regola dei 600 metri, ad esempio. Vogliamo rimuovere queste regole aggiuntive, in modo che anche l’Olanda Settentrionale possa assumersi la responsabilità della transizione energetica”. Ma non tutti ne sono contenti.

Recensioni dei medici

“Vogliamo invitare il governo a prendere sul serio la salute dei residenti locali e ad aspettare con l’attuazione di questa misura fino a quando non ci sarà più chiarezza sulle conseguenze della vita vicino alle turbine eoliche”, spiega De Groot a nome di Windalarm. “Anche i medici sono critici nei confronti di questa decisione, raccomandando ulteriori ricerche poiché non è ancora possibile trarre conclusioni solide”.

De Groot dice che lì le cose vanno male, il governo dice che vivere vicino alle turbine eoliche non ha dimostrato di essere dannoso, mentre la gente del posto dice ancora una volta che non è stato dimostrato che non sia dannoso. “Gli unici studi che sono stati fatti finora sono condotti da studi di ingegneria, che spesso hanno anche un interesse per questo tipo di parco eolico”.

READ  I tuoi capelli si ungono se li lavi più spesso?

“Diversi gruppi di olandesi del nord sono contrari all’arrivo dei mulini a vento per ogni sorta di motivi diversi. Uno teme che gli uccelli muoiano contro i mulini a vento, l’altro non vuole che i mulini a vento vicino a casa per motivi di salute o rumore”, spiega FvD membro Joyce Vastenhouw. Il forum sostiene il gruppo d’azione Windalarm, in parte perché non vuole comunque generare vento a terra.

Il partito di coalizione GroenLinks vuole produrre energia verde in questo modo e vede contraddizioni anche nelle argomentazioni dei partiti di opposizione. “Molti partiti vogliono regole super rigide sulle turbine eoliche contro il fastidio, ma allo stesso tempo votano per l’espansione dell’autostrada”, osserva Gielen. “Vogliamo davvero più turbine eoliche, ma in luoghi dove sia sicuro e con il minimo fastidio”.

“Riluttanza politica”

Un anno fa si è tentato anche di indire un referendum utilizzando lo standard del distanziamento, ma questa richiesta è stata respinta rifiutare† Secondo i partiti di coalizione in Consiglio provinciale, la decisione era “di urgente importanza” per la provincia e quindi voleva proseguire con i piani. Non potevano più aspettare. “Abbiamo fissato degli obiettivi nell’accordo sul clima ed è importante rispettarli e continuare a farlo”, ha detto all’epoca a NH Nieuws Amelie Strens di D66.

Secondo Vastenhouw, questa è una sciocchezza, perché non è stato ancora attuato nulla di concreto e, secondo lei, ci sarebbe anche una riluttanza politica. Gielen van GroenLinks non è d’accordo. “In realtà abbiamo fatto molti passi”, spiega. “Stiamo lavorando più duramente che mai sulla transizione energetica, ma è solo un processo molto lungo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *