Il coronavirus si diffonde ancora più velocemente: il numero di riproduzioni sale a 1,21 |  ADESSO

Il coronavirus si diffonde ancora più velocemente: il numero di riproduzioni sale a 1,21 | ADESSO

La velocità con cui il coronavirus si sta diffondendo è di nuovo in aumento. Il cosiddetto numero di riproduzione è salito a 1,21 venerdì. Questo è il livello più alto da fine febbraio. In aumento anche il numero dei contagi confermati, ma secondo il RIVM è troppo presto per dire che è in arrivo una nuova ondata di corona.

Un numero di riproduzione di 1,21 significa che 100 persone con corona infetteranno una media di altre 121. A loro volta infettano 146 persone, che poi trasmettono il virus a circa 177 persone.

In ogni fase aumenta il numero di persone contagiate e con esso il rischio di contagiarne altre. Più il numero supera 1, più velocemente si diffonde il virus. Nel luglio dello scorso anno, durante l’ondata “Ballando con Janssen”, il numero di riproduzioni ha raggiunto il record di 3.

Il RIVM ha registrato 2.235 test corona positivi tra giovedì mattina e venerdì mattina. Il giorno prima si sono registrati 2.440 nuovi casi. Questo è il numero più alto da aprile. La media è aumentata di oltre il 75% nelle ultime due settimane.

Le persone non hanno più bisogno di recarsi in una strada di prova per scoprire se sono state contagiate, basta un test a casa. Ma se lo desideri, puoi sempre far eseguire un test. Sempre più persone lo stanno facendo. I GGD hanno registrato una media di oltre duemila test al giorno nell’ultima settimana, quasi il 50% in più rispetto a due settimane fa.

Le varianti secondarie non sembrano causare ulteriori problemi di salute

La variante omikron del coronavirus è ancora di gran lunga la più comune, ma qualcosa sta cambiando all’interno di questa variante. Vengono introdotte nuove sottovarianti BA.4, BA.5 e BA.2.12.1. Ciò va a scapito delle prime varianti di omikron.

READ  "Sono profondamente solidale con gli uomini e il loro testosterone" - Wel.nl

BA.2.12.1 potrebbe diventare dominante nel mese di giugno. Ma “al momento non è molto chiaro quale sottovariante omikron si stia diffondendo più velocemente e prenderà il sopravvento”, secondo RIVM. prima questa settimana. L’istituto afferma inoltre che non ci sono prove che le persone sviluppino disturbi più gravi dalle nuove sottovarianti.

Il RIVM monitora principalmente lo sviluppo del virus attraverso misurazioni delle acque reflue. Ci sono relativamente molte particelle di virus nelle acque reflue di Amsterdam, Rotterdam e L’Aia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *