Il lato opposto della Luna ha molti più crateri, gli scienziati affermano di sapere perché |  Scienza e pianeta

Il lato opposto della Luna ha molti più crateri, gli scienziati affermano di sapere perché | Scienza e pianeta

Possiamo sempre vedere solo un lato della luna, non importa dove siamo nel mondo. L’altro lato ha sempre voltato le spalle al nostro pianeta e questo lato ha molti più crateri del lato che possiamo vedere. Gli scienziati ora affermano in un nuovo studio pubblicato su Science Advances che ha qualcosa a che fare con i flussi di lava.

Il lato della luna che possiamo vedere è coperto di mari lunari, che sono grandi distese di basalto vulcanico che appaiono come macchie scure quando guardiamo un satellite. Il motivo dell’aspetto ambiguo è rimasto un mistero da quando il primo veicolo spaziale ha volato in orbita attorno alla luna negli anni ’60. Ma gli scienziati affermano che una nuova simulazione potrebbe ora aver risolto il puzzle dell’era Apollo.

I modelli al computer hanno ricostruito le diverse caratteristiche, supportando l’idea che un massiccio impatto lunare una volta emerse sulla faccia della luna nei flussi di lava. Le differenze non sono solo superficiali, ma si riflettono anche nelle diverse composizioni geologiche su entrambi i lati della luna.

La collisione della SPA

Gli astronomi sospettano da tempo che la faccia della luna fosse un tempo ricoperta da un mare di magma che raffreddava e levigava il paesaggio roccioso, creando le macchie scure che vediamo oggi. Ma la causa di questa attività vulcanica è controversa. Secondo gli scienziati, un enorme cratere al polo sud della luna, noto come South Pole-Aitken Basin (SPA), potrebbe spiegare le differenze.

Questo bacino è un residuo di una delle più grandi e antiche collisioni sulla Luna. Le simulazioni mostrano che la collisione della SPA, avvenuta circa 4,3 miliardi di anni fa, è avvenuta al momento giusto nel posto giusto per innescare cambiamenti su un solo lato del mantello lunare. L’immenso calore prodotto dall’impatto avrebbe riscaldato il vicino mantello superiore a tal punto che gli scienziati ritengono che avrebbe portato a una concentrazione di potassio, elementi di terre rare, fosforo ed elementi che producono calore come il torio.

READ  Gli insegnanti mantovani prenotano AstraZeneca ma il sito regionale parte male

Finora, questa è esattamente la composizione che gli scienziati hanno trovato nei campioni di roccia lunare delle setole che possiamo vedere, in particolare nel Procellarum KREEP Terrane (PKT), una vasta area nota per questa anomalia compositiva. “Quello che mostriamo è che in tutte le condizioni plausibili nel momento in cui si forma la SPA, finisce per concentrare questi elementi che producono calore sul lato vicino”, afferma lo scienziato planetario Matt Jones della Brown University. “Ci aspettiamo che questo abbia contribuito allo scioglimento del mantello, creando i flussi di lava che vediamo in superficie”.

Centinaia di milioni di anni

Le ricadute dell’evento SPA sarebbero probabilmente durate centinaia di milioni di anni. Nelle simulazioni, la più antica pianura vulcanica sul bordo è eruttata 200 milioni di anni dopo l’impatto. In effetti, intense ondate di attività vulcanica sono continuate sul lato opposto della luna per 700 milioni di anni dopo l’impatto.

Il motivo per cui questo lato della luna ha reagito maggiormente all’impatto, affermano gli scienziati, è dovuto sia al punto in cui l’impatto ha centrato il trasporto di materiali che producono calore, sia a lievi variazioni di gravità.

In ogni scenario osservato dai ricercatori, il mantello superiore dell’emisfero australe si riscaldava e gli elementi iniziavano a fluire verso l’emisfero settentrionale, attraverso il lato vicino. Nel frattempo, il mantello superiore, invece, è rimasto troppo freddo per disperdere lo stesso materiale nello stesso modo. Questa differenza potrebbe essere all’origine dell’asimmetria osservata sulle due facce della Luna. “Come è nato PKT è probabilmente la questione aperta più importante nella scienza lunare”, ha detto Jones. “E l’impatto tra Polo Sud e Aitken è uno degli eventi più significativi nella storia della luna. Questo lavoro unisce queste due cose e penso che i nostri risultati siano molto eccitanti.

READ  La straordinaria immagine del telescopio spaziale James Webb accende la frenesia scientifica

LEGGI ANCHE:

Gli scienziati affermano che ci sono vulcani di ghiaccio sul pianeta nano Plutone

Il suono suona in modo diverso su Marte che sulla Terra

Oltre 5.000 pianeti scoperti al di fuori del nostro sistema solare

ANCHE REVISIONE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *