Il modo in cui le persone si allontanano dalla politica è un processo graduale

Il modo in cui le persone si allontanano dalla politica è un processo graduale

A volte la padrona di casa metteva improvvisamente una pila di panini sul tavolo. A volte gli veniva preparato un intero pasto. E sempre, dice il sociologo Roy Kemmers, le conversazioni che ha avuto con gli elettori del PVV e le persone che non votano affatto sono state “molto belle”.

Kemmers ha conseguito il dottorato all’Università Erasmus di Rotterdam all’inizio di giugno per la sua ricerca sull’insoddisfazione degli elettori populisti e sui non elettori. Il sociologo, che insegna all’University College nel centro di Rotterdam, ha lavorato per dieci anni alla sua ricerca. Ha setacciato i forum di Internet e all’epoca Hyves alla ricerca di un totale di diciotto persone che ha poi intervistato per ore.

“Ho cercato di evitare il loro scetticismo sulla scienza dicendo che ero davvero interessato a ciò che pensavano. E questo è un argomento populista, ma è vero: che le loro voci non si sentono nella scienza. Gran parte della ricerca sul populismo riguarda gli elettori, dice Kemmers, non con loro. Ha lavorato con una “lista di argomenti”, non un questionario fisso, per dimostrare che era “veramente interessato” alle loro risposte.

“Alcune scuole di sociologi sono molto attaccate ai problemi teorici. Mi sento più vicino a persone come Arlie Hochschild, che ha fatto un lungo sondaggio sugli elettori di Trump in Louisiana. Provo ad aprire la finestra. Poi sorprendentemente spesso vedi che ciò che accade nella società è molto più vario di quanto presuppone una teoria.

READ  Perché le varianti del coronavirus si stanno diffondendo in tutto il mondo

In altre parole: molte ipotesi sugli elettori populisti e sulle persone che non voteranno affatto sono state confutate nelle conversazioni di Kemmers.

L’idea è spesso che se spieghi loro come funziona effettivamente, le persone torneranno.

Kemmers è particolarmente critico nei confronti dell’idea popolare che gli elettori populisti siano i “perdenti della globalizzazione”. “Presume che le persone siano espulse dalla società da forze sociali strutturali come una specie di palla da biliardo.In effetti, il sociologo ha osservato un processo molto graduale in cui gli elettori, provenienti da ambienti molto diversi, si sono allontanati dalla politica consolidata.

Questa “carriera anti-establishment” inizia con una “introduzione”. “Per alcune persone è stata l’apparizione di Pim Fortuyn. Poi arriva un periodo di convalida: le persone cercano informazioni, leggono molto e cercano persone che la pensano allo stesso modo. Alla fine, il loro disagio per la politica consolidata si solidifica e iniziano a organizzare di più la propria vita intorno alle loro opinioni.

Uno esclude l’altro? Un perdente della globalizzazione può essere più sensibile a tale introduzione perché sente già più fortemente che la globalizzazione lascia troppo poco potere alle politiche nazionali per risolvere i loro problemi.

“Sicuramente è possibile. Ma le storie delle persone erano diverse. Non è una forza strutturale che spinge le persone in una certa direzione. Se sposti la tua prospettiva sulle persone stesse, si tratta di come danno un senso alla politica e come cambia la loro posizione. Cerco di accogliere le diverse forme che il disagio può assumere. Contrasto questo con approcci basati sulla forza come la globalizzazione.

Di conseguenza, Kemmers confuta un’ipotesi comune sui non elettori. “Spesso si presume che siano indifferenti alla politica. Ma con le persone con cui ho parlato, spesso era il contrario. Avevano la sensazione del fatto che non avrebbero votato, avevano un messaggio con quello.

READ  “La salute dell'oceano è la chiave per la sopravvivenza”

Un’altra ipotesi smentita: gli elettori scontenti sono in realtà irrazionali e sanno troppo poco. Kemmers: “Spesso l’idea è che se spieghi loro come funziona davvero, le persone torneranno all’ordine stabilito. Questo è stato il caso, ad esempio, durante la campagna del 2002. Il leader del PvdA Ad Melkert ha costantemente presentato fatti scientifici che avevano lo scopo di confutare il populismo.

Le persone danno un senso ai fatti in un modo diverso

Ma quello che Kemmers ha sentito nei saloni era qualcos’altro: “Le persone hanno fatto la stessa identica ricerca, sono solo ben informate. Ma danno un senso ai fatti in un modo diverso. Se riconosci che le persone si sono allontanate dalla politica stabilita sulla base della propria raccolta di conoscenze, allora capisci anche che non possono essere semplicemente persuase da un sito web del governo che spiega nuovamente l’importanza delle elezioni.

Ignorare questa conoscenza “alternativa” porta a un ulteriore disagio, secondo Kemmers tra gli intervistati. Nella sua tesi, quindi, sostiene che i partiti politici ei media affermati dovrebbero diventare più attenti ai cittadini che hanno abbandonato gli studi.

Dal 2002, i politici ei media affermano spesso di voler ascoltare con più attenzione gli elettori populisti. I critici dicono che si ascolta troppo.

“Non credo che il modo in cui le persone ascoltano abbia abbastanza profondità. Raramente è veramente messo in discussione. Manca la profondità per prendere le persone sul serio. Hochschild parla di a muro di empatiail muro attraverso il quale non capisci davvero gli altri e attraverso il quale puoi passare solo se ti immergi nella posizione di qualcuno.

READ  Heidi d'Essen cerca un acquirente per la sua mensa: "La mia salute non mi permette più questo tipo di lavoro"

Secondo Kemmers, ciò è dovuto al fatto che alcuni elettori populisti e non votanti hanno un’esperienza diversa. “Ci sono diversi orientamenti di potere, in cui le persone mettono il potere”.

Le persone sono molto accessibili, ma devi prenderle sul serio

Le persone li collocano all’Aia con rappresentanti eletti? Kemmers chiama questo “l’orientamento trasparente del potere”. Le persone con un “orientamento al potere opaco” credono che il potere appartenga a grandi società o organizzazioni che le persone sospettano siano coinvolte in cospirazioni, come il Gruppo Bilderberg. Questo orientamento chiarisce, ad esempio, perché gli elettori sono attratti dal Forum per la Democrazia: non a dispetto, ma a causa della loro avversione al lavoro parlamentare. “FVD vuole vincere una battaglia culturale più che conquistare punti politici alla Camera dei Rappresentanti. Ciò corrisponde a persone che credono che il potere non risieda all’Aia. »

Questi orientamenti di potere rendono difficile coltivare la comprensione reciproca. “Le persone con potere opaco si stanno allontanando dall’ordine stabilito che credono non voglia vedere i fatti in faccia. Al contrario, le persone che detengono il potere all’Aia pensano che i non elettori siano irrazionali.

Tuttavia, i due dovrebbero continuare a parlare, pensa Kemmers. “Cerca di capirci a vicenda. Cerca di capire da dove viene l’altro. Le persone sono molto disponibili, ma devi prenderle sul serio. Lo dico sempre agli intervistati e agli studenti. Non ci sono risposte buone o cattive, ci sono solo risposte significative, ma devi volerlo ascoltare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *