Il ricercatore quantistico Leo Kouwenhoven lascia Microsoft

Il ricercatore quantistico Leo Kouwenhoven lascia Microsoft

Il professore di fisica Leo Kouwenhoven ha lasciato Microsoft. Lo conferma l’azienda tecnologica americana NRC dopo un un messaggio in di Volkskrant† Dal 2016, Kouwenhoven lavora su un computer quantistico per Microsoft. Inizio dell’anno scorso un gruppo di ricerca guidato da Kouwenhoven ha ritirato una pubblicazione scientifica a causa di problemi di elaborazione dei dati. Secondo lo stesso Kouwenhoven, la sua partenza da Microsoft non aveva nulla a che fare con questo.

I computer quantistici hanno potenzialmente un’enorme potenza di calcolo. Le società tecnologiche Google e IBM hanno già un computer quantistico funzionante. È ancora in fase di sviluppo presso Microsoft.

La società americana era entusiasta della ricerca sull’informatica quantistica di Kouwenhoven. Il professore di Delft ha cercato di confermare l’esistenza di particelle di majorana nei nanofili. Queste particelle potrebbero essere usate come qubit (bit che un computer quantistico usa per i calcoli). Secondo i teorici, esistono particelle majorana, ma non ci sono ancora prove sperimentali per questo.

Laboratorio Quantistico

Nel 2016, Kouwenhoven è diventato direttore di un nuovo laboratorio nel campus della TU Delft, dove è in fase di sviluppo il computer quantistico di Microsoft. Kouwenhoven ha lasciato Microsoft questo mese. “Ciò è correlato a un cambiamento nell’approccio alla scalabilità informatica quantistica“, un portavoce di Microsoft ha inviato un’e-mail. “Auguriamo a Leo ogni successo in futuro e lo ringraziamo per il suo tempo in Microsoft”.

La ricerca di Kouwenhoven è in discussione dallo scorso anno. Nel 2012 ha pubblicato la prima prova provvisoria dell’esistenza della particella majorana. Nel 2018 scrive in un nuovo studio sulla rivista Natura che, grazie a materiali di ricerca migliorati, ora l’aveva sicuramente trovato. Era una notizia mondiale. Ma lo scorso febbraio, il post del 2018 è stato rimosso. La ragione di ciò era che i ricercatori dell’epoca non affermavano che solo una parte dei dati confermasse la scoperta delle majorane. Ora ci sono dubbi anche su altri studi del suo dipartimento. Lo scorso febbraio, un comitato per l’integrità della TU Delft ha lanciato a secondo sondaggio come i ricercatori hanno elaborato i dati.

READ  Questa farfalla è volata direttamente da Mordor

Questi problemi che circondano l’indagine sono il motivo della partenza di Kouwenhoven da Microsoft? Lo stesso Kouwenhoven dice di no: “Microsoft si concentrerà meno sulla ricerca fondamentale e più sul lato industriale. Mi sono concentrato sui fondamentali. La partenza è avvenuta in buona consultazione. Il portavoce di Microsoft non ha detto nulla sul motivo della partenza.

La squadra di Copenaghen

Ha affermato un altro team Microsoft a Copenaghen inizio di questa settimana hanno fatto un passo avanti nella ricerca della particella di maggiorana. Questa squadra utilizza un approccio diverso rispetto alla squadra di Kouwenhoven. “Microsoft potrebbe stabilire un nuovo corso con altri ricercatori al timone”, dice Carlo Beenakker al telefono. È un fisico all’Università di Leiden. “Non ha nulla a che fare con il clamore attorno al post di Kouwenhoven”.

Negli ultimi anni Kouwenhoven è stato professore di fisica alla TU Delft senza appuntamento. Vale a dire, non è stato pagato dall’università. Questa situazione non è cambiata, ha informato QuTech NRC† QuTech è l’istituto quantistico di TU Delft e TNO. Kouwenhoven supervisiona dodici dottorandi presso QuTech. Continua così.

Aggiunta 19:10: Questo messaggio è stato completato con una reazione di Leo Kouwenhoven

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *