Integrazione dei medici di origine immigrata: “La formazione conta!

Integrazione dei medici di origine immigrata: “La formazione conta!

Immagini Getty
Immagini Getty

“Il luogo di nascita di qualcuno conta non solo, ma anche dove sei stato formato come medico o studente di medicina, perché ha un’influenza formativa su come quella persona vede la professione del medico e su come gli altri vedono questo medico”, dice lo psicologo. Piet Groot. Recentemente ha difeso il suo all’Università di Utrecht tesisull’integrazione dei medici di origine immigrata.


“Una somma di fattori fa sì che qualcuno si adatti. L’ho studiato a molti livelli – individuale, di gruppo e istituzionale – e il messaggio è: l’educazione conta! disse Piet Groot. L’integrazione può essere vista come il processo di reciproca accettazione. “Ciò che rende unica la mia tesi è che ho studiato l’integrazione dal punto di vista della psicologia e della storia”. Una combinazione notevole. Eppure c’è un terreno comune.

stereotipo medico

Innanzitutto, un viaggio nella memoria. La formazione chirurgica ha avuto luogo all’interno di una comunità molto unita in una città. “Eravamo curiosi di sapere come la gilda trattava i nuovi arrivati.” Per questo ha attinto agli archivi della città di Amsterdam. Ad esempio, Groot scoprì che la corporazione dei chirurghi ad Amsterdam nel XVIII secolo accettava molte persone provenienti da fuori città, ma un’istruzione ad Amsterdam determinava se uno studente potesse effettivamente salire al gradino più alto: maestro chirurgo. “È così che abbiamo scoperto che dove hai preso la tua formazione è importante.”

Per scoprire di cosa si tratta oggi, ha contattato gli studenti di medicina nei Paesi Bassi attraverso vari canali. “In primo luogo, abbiamo chiesto agli studenti la loro immagine della professione medica, quello che io chiamo lo stereotipo medico. Sembravano attribuire un valore elevato ai loro modelli di ruolo medici e credono che anche i pazienti abbiano grandi aspettative nei confronti dei medici. Ciò significa che i medici devono essere sia morali che competenti, oltre che comprensivi. Non c’era alcuna differenza tra studenti immigrati e non immigrati.

READ  Cento giorni di guerra ha esercitato molta pressione sul sistema sanitario ucraino

Groot ha utilizzato la definizione CBS per il background migratorio: una persona nata fuori dai Paesi Bassi e/o con almeno un genitore nato fuori dai Paesi Bassi. In questo campione di circa 434 studenti, un quarto ha origini immigrate. Ciò è coerente con il quadro nazionale.

Un’immagine ancora più nobile

“La storia positiva è che puoi dire che il programma apparentemente porta tutti questi studenti a sviluppare la stessa immagine positiva della professione medica. Ma c’è anche un campo di tensione. Non sai quale processo lo precede. Alcuni potrebbero pensare di doversi conformare a questa opinione della maggioranza. Alcuni studi dimostrano che gli studenti con un background di immigrazione si sentono obbligati a essere all’altezza di questa immagine positiva.

Ha anche trovato indicazioni per questo nella sua ricerca. Oltre alla definizione della CBS, Groot ha anche chiesto fino a che punto qualcuno si identifichi con un’identità olandese o non olandese. “Abbiamo visto un effetto lì. Più si identificavano con la loro origine immigrata, più veniva valorizzata la loro immagine della professione medica, mentre era già molto apprezzata tra i loro compagni di studio. Sembra che gli studenti che sono molto consapevoli del loro background migratorio siano maggiormente sotto pressione per fare del loro meglio e fissare obiettivi ancora più alti rispetto allo studente medio.

Temperare un po’

Una bellissima immagine della professione medica. Gli studenti di medicina non fissano l’asticella molto in alto? “Sembrano trovare molto importanti la moralità, la competenza e la cordialità. È realistico? Se guardi a come si valutano, sentono di poter essere all’altezza delle alte aspettative di moralità e cordialità, ma dicono che la loro competenza non è all’altezza dell’immagine nobile di un medico.

READ  I numerosi vantaggi del coworking per migliorare la tua salute mentale e concentrazione

A questo proposito, Groot ha visto una differenza tra studenti junior e senior. “Non ho monitorato nessuno studente, quindi non posso dire come cambia di anno in anno, ma ho chiesto loro in che anno erano. Poi, hai visto che gli studenti che erano alla fine degli studi hanno in qualche modo temperato l’immagine della competenza dei loro modelli. Si potrebbe dire che le loro aspettative sono diventate più realistiche con il progredire dello studio. Ma rimangono aspettative molto positive.

Più competente

Groot ha anche condotto un esperimento in cui ha chiesto ai partecipanti – i “pazienti” – quale medico avrebbero scelto se avessero avuto bisogno di un nuovo medico di base. “Abbiamo dato loro la possibilità di scegliere tra quattro profili fittizi di medici generici con più o meno le stesse qualifiche, ma questi profili differivano a seconda del paese in cui sono nati e si sono formati. Poi abbiamo visto che i partecipanti, che erano britannici, inizialmente preferivano un medico britannico. Ma si è rivelato anche importante dove questo dottore aveva studiato. Quindi, se il medico è nato all’estero ma si è formato in Gran Bretagna, lo sceglieranno rispetto a un medico migrante formatosi all’estero. Groot si aspetta che ciò si applichi anche nei Paesi Bassi. “Abbiamo esaminato il meccanismo sottostante. Abbiamo visto che le persone si aspettano che un medico formato in Gran Bretagna sia più competente di un medico formato fuori dalla Gran Bretagna.

Di recente, è scoppiata di nuovo la discussione sulla lotteria e sulla selezione decentralizzata per l’educazione medica. Secondo Groot, istituzioni come le università hanno il compito di garantire che siano il più possibile accessibili agli studenti di origine immigrata. “Quello che emerge da tutta la mia tesi è che il luogo della formazione è valorizzato dall’ambiente, dai pazienti e dagli studenti stessi, quindi il mio messaggio è: assicuratevi che le persone immigrate nel paese in cui vivono, ad esempio i Paesi Bassi , hanno accesso agli studi medici, in quanto ciò contribuisce all’accettazione di medici di origine immigrata.

READ  Il bacillo della lebbra aiuta la rigenerazione del fegato



Leggi anche


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *