La lotta alla criminalità grave passa attraverso una migliore applicazione dei corsi di italiano

La lotta alla criminalità grave passa attraverso una migliore applicazione dei corsi di italiano

Con l’arresto e l’estensione della custodia cautelare dell’importante avvocato Inez Weski, la lotta contro i reati gravi nei Paesi Bassi è entrata in una nuova fase. Sembra inoltre che la Procura della Repubblica (OM) abbia lavorato a stretto contatto con il sistema giudiziario italiano. Il risultato è stato l’arresto dell’avvocato penalista gotico di Rotterdam Inez Weski.

L’unica spiegazione plausibile che mi viene in mente per il “ruolo di messaggero canaglia” è che Weski è stato ricattato da Taghi e dalla sua famiglia per molto tempo. Ciò sarà confermato da parole sulla base di messaggi crittografati negli atti giudiziari. Il giornale ha indagato sulle notizie del cosiddetto affare 26Mandel, che ruotava attorno all’avvocato Youssef Taghi, cugino di Ridouan Taghi. Youssef Taghi è stato condannato lo scorso anno a 5 anni e mezzo di carcere per il suo ruolo di staffetta in un’organizzazione criminale.

famiglia mafiosa

Si diceva anche che Weski fosse in possesso di un telefono predisposto con il quale si potevano inviare messaggi crittografati. Dal momento in cui Ridouan Taghi era nell’Extra Secure Establishment (EBI), uno dei suoi figli e sua sorella hanno fatto pressioni sull’avvocato Inez Weski affinché inviasse messaggi al suo cliente. Potrebbe essere utile stabilire che abbiamo a che fare con una famiglia criminale mafiosa. Nonno Taghi era già a capo di un giro di droga.

Notizie RTL riporta anche che Weski avrebbe passato informazioni al boss della mafia italiana Raffaele Imperiale. Viveva a Dubai quando anche Taghi soggiornava lì. Anche Imperiale è imprigionato e ha firmato un accordo di testimone della corona con il governo italiano. La sua dichiarazione è di almeno 600 pagine.

Imperiale ha svolto un ruolo chiave in un sistema bancario alternativo per i criminali. Secondo il traffico di messaggi decifrati, Taghi è accreditato di 17 milioni da Imperiale. Nel febbraio 2021, 2,5 milioni di euro sarebbero stati trasportati su camion dall’Italia ai Paesi Bassi in tre rate. Queste informazioni concordano con la conclusione di una recente sentenza del tribunale di Amsterdam, che afferma che Imperiale, Taghi e suo figlio sono membri di un’organizzazione criminale che si occupa, tra l’altro, di traffico di droga e riciclaggio di denaro.

READ  Senza Berlusconi, la Meloni è ancora più salda in sella

È risaputo che i combattenti del crimine olandesi sono rimasti indietro per anni. La battaglia impari della polizia giudiziaria contro i criminali professionisti può essere paragonata a una partita di calcio tra FC Barcelona e IJsselmeervogels. All’inizio della partita i tifosi erano già sotto 3-0.

Serve una legislazione speciale

Dopo l’attacco e l’omicidio di Peter R. de Vries il 6 luglio 2021, il giudice istruttore italiano Nicola Gratteri ha annunciato che i Paesi Bassi devono adottare leggi speciali e non perdere tempo con esse. Anche la lotta alla criminalità richiede un approccio globale. In Italia, i defunti possono essere chiamati testimoni chiave solo dopo essere stati tenuti in completo isolamento per sei mesi. Solo allora si valuterà in che misura la loro piena collaborazione possa essere utile alla magistratura.

Al fine di impedire a indagati e condannati di continuare le loro attività criminali durante i loro procedimenti legali, i Paesi Bassi hanno annunciato alla fine del 2021 che avrebbero inasprito le proprie leggi e regolamenti, in modo simile al regime italiano 41Bis. L’ex Ministro della Tutela Giudiziaria ha fatto appello a tal fine anche al Centro per la Ricerca e la Documentazione Scientifica (WODC) del Ministero della Giustizia.

Questa lotta porta inevitabilmente a dilemmi morali. I Paesi Bassi vogliono rispettare le leggi e i regolamenti europei, anche quando si tratta dei criminali più pericolosi. In parte a causa di un reale rischio di fuga, Taghi, Holleeder e altri gravi criminali rimangono all’EBI di Vught. Possono mangiare, fare esercizio e prendere aria insieme. I sospetti hanno anche diritto ad assistenza illimitata. In conformità con l’articolo 36 della legge sui principi penitenziari, possono anche corrispondere tra loro. L’isolamento completo non è possibile, disumano e contrario alla Convenzione europea dei diritti dell’uomo (CEDU).

La Corte europea dei diritti dell’uomo ha più volte rimproverato l’Olanda, ma anche l’Italia. La risposta delle autorità italiane è che la criminalità organizzata va combattuta con mezzi seri. I mafiosi possono vedere un membro della famiglia designato per un’ora al mese, ma questo incontro è filmato e il visitatore è dietro il plexiglass. Questi familiari non devono avere precedenti penali.

READ  "Se non sono utile, mi ritiro" - Libero Quotidiano

Anche i comuni cittadini stanno tremando

In un’intervista (NRC, 30 agosto 2008) Inez Weski afferma di essere inorridita da un governo che perseguita, origlia e sorveglia i cittadini in tutti i modi. Ma questo cittadino rabbrividisce anche per quel tipo di delinquenti come Taghi che incrociano righe e quadri, assassinando anche possibili avversari, che lui chiama “addormentarli”. E i cittadini comuni sono anche inorriditi dai migliori avvocati come Weski, sospettati di essere usati e maltrattati dai criminali.

“Questi sospetti logorano gli avvocati più velocemente delle scarpe. A loro non importa nemmeno quanto sia importante un avvocato”, dice Oscar Hammerstein nello show televisivo. Cuore per i Paesi Bassi. Ma anche gli avvocati possono esaurirsi. All’inizio di quest’anno, Hammerstein è stato definitivamente rimosso dal film perché, come avvocato anonimo di Nabil B., ha violato il suo obbligo di riservatezza.

Il controverso arresto di Weski mette ulteriormente a dura prova i rapporti tra l’accusa e la professione legale. Ecco come ha risposto un collega avvocato: “Flicking una donna di 68 anni con una disabilità, orribile.” Il processo di ciò che viene chiamato gestione Inoltre, è già iniziata la pubblica condanna dell’avvocato Weski. L’avvocato penalista Peter Plasman si è opposto in uno show televisivo Khalid e Sofia. Alla richiesta di spiegazioni, Plasman mi informa via e-mail: “Ciò che mi interessa è che l’OM dica ai media che il sospetto è forte, ma che lo stesso OM zittisca la difesa, che poi non ha il diritto di dire che è non troppo grave o che sta succedendo qualcos’altro.

È generalmente accettato che gli avvocati che assistono le persone siano “non morali”. Rappresentano gli interessi dei loro clienti e, in linea di principio, non tengono conto dell’interesse generale. Questo ruolo amorale è giustificato perché accresce l’autonomia dell’individuo. La menzogna consapevole, tuttavia, non è consentita.

READ  i blucerchiati scacciano la paura, la squadra di Sheva va a rotoli - Corriere.it

Gli avvocati devono essere indipendenti, partigiani, esperti e onesti. Hanno anche un obbligo di riservatezza e un diritto di non divulgazione. Un avvocato può invocare il diritto alla riservatezza, anche se si oppone all’accertamento della verità. Può essere revocato solo in circostanze del tutto eccezionali. Tuttavia, gli avvocati non dovrebbero farsi coinvolgere nell’interesse dei familiari degli indagati, in quanto ciò pregiudica la loro integrità.

Lezioni di italiano

Una domanda ovvia è se dovremmo limitare i diritti fondamentali di questo tipo di sospetto? Assolutamente no. Penso che dovremmo essere tutti meno ingenui. Vanno anche applicate meglio le “lezioni di italiano” con criminali scellerati. Ciò significa che il testimone chiave deve essere preso molto sul serio. Dopotutto, conosce a fondo la malavita ed è in grado di valutare meglio la gravità delle minacce. Questo chiaramente non è accaduto con il testimone chiave del processo Marengo, Nabil B.. Il risultato è stato il drammatico assassinio di suo fratello Ridouan. Il pubblico ministero ha poi definito questo mega errore un “errore di giudizio”.

Durante il processo, tutti i legami del sospettato imprigionato con il mondo esterno devono essere risolutamente recisi. Gli avvocati non devono lasciarsi usare come “fattorini” da familiari e criminali. La terza lezione è colpire duramente il portafoglio del criminale. Niente è più inaccettabile per un tossicodipendente che dover consegnare i propri soldi e beni. Lascia che queste entrate tornino alla comunità, ad esempio finanziando una campagna nazionale contro la droga.

Hans Werdmolder è criminologo e antropologo. È autore del libro ‘L’ineguale lotta alla criminalità grave. Investigazione, combattimento e inseguimento’. Walburg Press, 2023.

La settimana di Wyniaappare 104 volte all’anno con rapporti indipendenti quanto necessario. I donatori lo rendono possibile.Ci stai?Grazie!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *