La notte della Luna Blu con i pianeti giganti IN DIRETTA ALLE 20:30 – Spazio & Astronomia

Dopo le stelle cadenti della notte di San Lorenzo, il cielo si offre un altro spettacolo imperdibile: l’appuntamento è per domenica 22 agosto con la notte della Luna Blu. Ma sul nome non sbagliatevi: non c’entra niente con il colore del nostro satellite, che rimarrà lo stesso di sempre, ma solo una curiosità di calendario, definita come la terza luna piena di una stagione che ne ospita quattro. Un evento insolito ma non raro, che si ripete ogni due anni e mezzo circa: il prossimo sarà nel 2024.

Brillante e spettacolare, la luna piena del 22 agosto illumina il cielo in compagnia dei due pianeti giganti, Giove e Saturno, che sono in periodo di massima visibilità. Il trio può essere osservato ad occhio nudo da tutta Italia, tempo permettendo, e può essere ammirato sfilando Roma e i suoi monumenti grazie alle immagini in diretta dal VirTelescopio realee, in onda anche su Ansa Science & Technology Channel dalle 20:30.

“In media abbiamo una Luna Piena al mese, perché il nostro satellite impiega 29,5 giorni, ovvero poco meno di un mese, per completare il suo ciclo. Per questo – spiega l’astrofisico Gianluca Masi, responsabile del telescopio virtuale – accade che, da di volta in volta all’ora, abbiamo 13 volte la luna piena in un anno”. E così, per designare questa luna “aggiuntiva”, il nome “Blue Moon” è entrato in uso nel mondo anglosassone. Negli anni ’30, il Maine Peasant Almanac usava questo termine per riferirsi specificamente alla terza luna piena di una stagione che ne ospita quattro. Questa definizione è stata poi fraintesa negli anni ’40 da un autore della rivista Sky & Telescope, che ha finito per diffondere la definizione di Blue Moon come la seconda luna piena dello stesso mese.

READ  il RISCHIO diminuisce notevolmente dopo la SECONDA DOSE. Le ragioni »ILMETEO.it

Quella del 22 agosto 2021 è una vera Luna Blu, secondo il significato originario del termine: è la terza luna piena di questa estate 2021, che ci ha già regalato due lune piene (24 giugno e 24 luglio) e ha ancora Ho un mandato per il 21 settembre.

“La Luna del 22 agosto – aggiunge Paolo Volpini diUnione Astrofili Italiani (Uai) – permette anche ai meno esperti di poter riconoscere più facilmente i due pianeti giganti del cielo, Giove e Saturno, che nelle ore centrali della notte culmineranno a sud: pochi giorni dopo la loro opposizione, appaiono più grandi e più luminoso dell’abitudine.” Per facilitare l’osservazione, anche senza disturbare la Luna, l’UAI organizza l’iniziativa ‘Notti dei Giganti’, con serate di osservazione in tutta Italia in programma il 27, 28 e 29 agosto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *