La salute è un grande inquinatore e questo deve cambiare

Se vogliamo raggiungere gli obiettivi climatici concordati a livello globale, dobbiamo lavorare sodo. La salute è uno dei settori con la maggiore impronta ecologica. “Pensiamo alle emissioni di CO2 causate dal riscaldamento degli edifici ospedalieri, ai gas serra di anestesisti e asmatici, al trasporto di pazienti, visitatori e dipendenti, ma anche ai residui di medicinali che finiscono nelle acque reflue e provocano cuore e danno ai reni. nel pesce”, afferma Evelyn Brakema, presidente della Groene Zorg Alliance.

La chiave, secondo Brakema, è evitare trattamenti non necessari. Lo sta già provando nel suo studio medico di base, dove si allena: “Ieri un uomo è venuto a trovarmi e voleva una misurazione del testosterone. Quando ho chiesto, si è scoperto che non riusciva più ad avere un’erezione perché era ancora nervoso. Ora abbiamo fatto un piano insieme per risolvere questo problema. In ogni caso, questa determinazione del testosterone non ha al momento alcun valore aggiunto.

Il fatto che le cose debbano essere fatte in modo diverso sta iniziando a permeare il mondo medico, afferma Brakema. “Alcuni anni fa l’atmosfera era ancora il motivo per cui ne stiamo parlando, ma l’anno scorso è emersa un’enorme ondata di verde. Sempre più fornitori di assistenza vogliono rendere più ecologico il proprio reparto o la propria specialità. La crisi del coronavirus ha distolto tutta l’attenzione dall’invisibile crisi climatica a lungo termine, ma il covid ha anche mostrato cosa possiamo fare nel settore sanitario. Come abbiamo creato tutti i tipi di soluzioni innovative ai problemi in breve tempo e come siamo stati in grado di adattare anche il nostro comportamento. Dà speranza per ciò che è possibile.

READ  Il bacillo della lebbra aiuta la rigenerazione del fegato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *