La salute non sembra trarre beneficio dall’occasionale bicchiere di vino

La salute non sembra trarre beneficio dall’occasionale bicchiere di vino

Alcuni studi suggeriscono che le persone che bevono alcolici con moderazione vivono più a lungo delle persone che non bevono affatto alcolici. Ma chiunque utilizzi tali studi per giustificare il proprio consumo moderato si sbaglia di grosso, suggerisce una nuova ricerca. Perché questi studi sono sbagliati.

Questo può essere letto nella rivista GIAMA. I ricercatori basano la loro conclusione su una revisione e una meta-analisi di 107 studi di coorte che hanno coinvolto un totale di oltre 4,8 milioni di persone. In particolare, i ricercatori hanno esaminato la relazione tra consumo di alcol e mortalità per tutte le cause, ma hanno anche tenuto conto di altri fattori che potrebbero influenzare il rischio di morte, come l’età e il sesso dei soggetti. Questo porta ad alcuni risultati piuttosto deludenti. Ad esempio, i ricercatori non hanno trovato alcuna indicazione che le persone che bevono occasionalmente (meno di 1,3 grammi di etanolo al giorno, o circa 1 drink a settimana) o le persone che consumano tra 1,3 e 24 grammi di etanolo al giorno) abbiano un minor rischio di morire. rispetto alle persone che non bevono affatto alcolici. Non vi è quindi alcun beneficio per la salute nel bere piccole quantità di alcol, scrivono i ricercatori.

Non sorprendente
E nello stesso studio rivelano anche che il consumo di bevande alcoliche, anche in piccole quantità, ha un effetto negativo sulla salute. “Anche un consumo ridotto e moderato di alcol può avere effetti negativi sulla salute”, conclude il ricercatore Jinhui Zhao. Questo non lo sorprende. “L’ingrediente principale dell’alcol è l’etanolo e che, insieme ai prodotti metabolici che genera, può danneggiare il corpo umano”.

READ  I centri di assistenza residenziale segnalano molti altri "eventi gravi" a Care and Health

Ricerca precedente
Anche se i risultati potrebbero non sorprendere Zhao, sicuramente potrebbero sorprendere gli altri. Precedenti studi hanno suggerito che un consumo moderato di alcol – da un drink a settimana a non più di due drink al giorno – può giovare alla salute. Questi studi, per lo più osservazionali, hanno rilevato che le persone che bevevano alcolici con moderazione avevano meno probabilità di morire rispetto alle persone che non bevevano alcolici. Questa conclusione è, ovviamente, in contrasto con ciò che Zhao ei suoi colleghi stanno dicendo ora. Zhao pensa di poter spiegare questa contraddizione; gli studi precedenti erano sbagliati.

Cattivi studi
Questi studi precedenti hanno anche esaminato un’associazione tra consumo di alcol e mortalità per cause specifiche o per tutte. Ma sono stati commessi degli errori, scrivono Zhao e i suoi colleghi. Ad esempio, l’insufficiente considerazione di altri fattori che (oltre al consumo di alcol) influenzano la probabilità di morire. Anche i bevitori a volte venivano classificati erroneamente.

Classificazione errata
Nella loro analisi, ad esempio, i ricercatori si sono imbattuti in studi in cui le persone che avevano smesso di bere erano classificate come non bevitori. Sebbene ciò possa essere vero, non è del tutto accurato, affermano i ricercatori. Perché quando le persone smettono di bere, spesso è a causa di problemi di salute. A causa di questi problemi di salute, questi ex bevitori hanno un rischio di mortalità molto più elevato rispetto ai non bevitori in generale. Collocare questi ex bevitori tra gli astemi totali aumenta il rischio di mortalità di questo gruppo e – erroneamente – può dare l’impressione che l’astinenza totale sia meno salutare e sia associata a un rischio di mortalità più elevato rispetto al bere poco alcol.

READ  Abbiamo trovato ossigeno su un pianeta: cambia tutto

Altri fattori
Inoltre, studi precedenti che hanno indagato la relazione tra consumo di alcol e rischio di mortalità spesso non hanno considerato sufficientemente altri fattori che possono influenzare il rischio di mortalità (possibilmente in aggiunta al consumo di alcol). Ad esempio, considera l’età, il sesso, il reddito e lo stile di vita (inclusi dieta ed esercizio fisico).

Questo diventa rapidamente svantaggioso, soprattutto per le donne
Come accennato, il nuovo studio non solo mostra che il consumo moderato di alcol non ha benefici per la salute; la ricerca fornisce anche maggiori informazioni su quando il consumo di alcol diventa dannoso. Per le donne, quel punto di svolta è già a 25 grammi di etanolo al giorno. Abbastanza sorprendentemente, è un po’ più alto per gli uomini: a 45 grammi di etanolo al giorno. “La nostra meta-analisi mostra che le donne che bevono hanno un tasso di mortalità significativamente più alto rispetto ai maschi”, conferma Zhao. “Non sappiamo davvero perché. Secondo alcuni studi pubblicati in precedenza su specifiche condizioni di salute e consumo di alcol, le donne possono essere più suscettibili ai problemi di salute indotti dall’alcol come infiammazione del fegato, malattie cardiovascolari, svenimenti, postumi di una sbornia e alcuni tipi di cancro, come il cancro al seno.

Sulla base della ricerca, Zhao offre consigli chiari. “I bevitori dovrebbero bere di meno o smettere di bere. Non ci sono ingredienti nell’alcol che possono proteggerci dalle malattie e anche un consumo moderato di alcol può essere dannoso per l’uomo. Ecco perché non dovresti incoraggiare le persone a bere, nella speranza che ne traggano benefici per la salute.

READ  È così brutto bere alcolici al sole | Salute

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *