La sfida: 1.352 km in un giorno con il VW.ID.3

Pronti per un altro test: 1.253 km in un giorno con l’ID.3, per vedere se si possono fare lunghi viaggi.

La sfida: 1.352 km elettrici in un giorno. Un test impegnativo per la Volkswagen ID.3 con una batteria da 62 kWh (58 kWh netti) e la rete di ricarica rapida di IONITÀ.

L’obiettivo è verificare la reale possibilità di affrontare un lungo viaggio nel tempo corto a bordo di un’elettrica come la nuova VW. Realizza ricariche ripetute fino a 100 kW e ad una velocità media (tenendo conto anche delle fermate) non molto diversa da quella di un’auto endotermica. Tutto questo è possibile sulla carta. Ma in realtà?

La sfida: ecco il percorso, ci hai un consiglio?

la sfida
Google Maps pianifica questo percorso per un’auto elettrica, stimando un viaggio di 14 ore e 50 minuti

Partenza per Trenta, direzione Andorra (SV) in Liguria, con tappa a Binasco (ME); Mi allungo a Foiano della chiana (AR) in Toscana con tappa a Brugnato (SP). E poi Forlì, Carpi (MO) in Emilia-Romagna e ritorno Riva del Garda (TN) in Trentino. Perché esattamente questo percorso? Vediamo di capire se e come è possibile viaggiare elettrico su lunghe distanze utilizzando colonnine di ricarica ultrarapide. Ionity supporta espansione la tua rete molto rapidamente. Abbiamo quindi scelto un percorso su cui già oggi sono attive le colonne Ionity. Con un’auto capace, sulla carta, di ricaricarsi alla potenza di 100 kW. Google Maps indica un tempo di percorrenza di 14 ore e 50 minuti (con un’auto endotermica). ABRP, strumento di pianificazione del viaggio elettrico, parla invece di 16 ore e 7 minuti, solo 1 ora e 17 minuti in più. Ma è davvero così? Ciò significherebbe che con un’auto che carica a tale potenza e con una corretta pianificazione sulle colonne Ionity, muoversi elettricamente non richiederebbe più compromessi.

La sfida: ricaricare un po ‘a 100 kW, poi …

La prima curva di carica ID3 rilevata da Fastned

Un viaggio come questo, anche se su un percorso ben definito e dotato di ricariche ioniche ad alta potenza, dovrebbe essere ben pianificato. Secondo i test effettuati, la curva di carica dell’ID3 consente generalmente la carica alla massima potenza (100 kW) quando lo stato di carica è compresa tra 0 e 33/34%. Ricaricare a 100 kW fino al 33/34% significa questo nei primi 12 minuti possiamo mettere abbastanza energia per viaggiare, alla velocità dell’autostrada, circa 100 km. Da lì, il potere accettato inizia a diminuire, ma ci permette di raggiungere 50% di carico con ancora ca. 75 kW di potenza erogata. La corrente cade inferiore a 50 kW solo quando lo stato di carica è maggiore dell’80%, continuando a scendere lentamente. Ma sopra 20 kW anche quando siamo molto vicini alla carica completa. È ancora sulla carta.

READ  Il nuovo regolamento europeo sui noleggi a breve termine

1352 km in un giorno: possibili imprevisti? Il Rapidgate

la sfida

Può essere un’influenza negativa su questi tempi di ricarica soprattutto la temperatura. Se le batterie sono troppo alte o troppo scariche, l’auto comunica alla colonnina di ridurre la potenza di carica per non danneggiare le celle. Questo ovviamente allunga i ritardi. La temperatura può aumentare a causa dell’uso intenso dell’auto ad alta velocità in autostrada, a causa della temperatura ambiente (ma forse non in questa stagione). O a causa di ricariche precedenti e chiuse veloci o ultra veloci (e questo potrebbe piuttosto essere il nostro caso): il rapidgate. Fondamentalmente se sottoponiamo la batteria a grandi e prolungati assorbimenti di corrente e ricariche ad alta potenza, potremmo alzare troppo la temperatura.

1352 km elettrici in un giorno: è possibile?

Le colonne di ionità sono colonne di potenza da 350 kW. Le stazioni si trovano generalmente a meno di 3 km dalle uscite autostradali e quasi mai in autostrada (anche se qualcosa cambia). Hanno 4 o 6 stazioni di carico. Sono sempre posizionati vicino a centri commerciali o ristoranti, per garantire la possibilità di rinfrescarsi durante l’attesa. Quindi dovremmo stare bene. Ma l’auto?

la sfida
ABRP stima un tempo di percorrenza di poco più di 16 ore per questo percorso in un elettrico come l’ID3.

Lapp ABRP (ABetterRoutePlanner) ha pianificato la sfida di Elettrico in questo modo:

  • Partenza da Trento con la batteria completamente carica. Prima tappa a Binasco (MI) (arrivo previsto con il 14% di batteria). 29 minuti di ricarica (fino al 77%) e ripartenza per Andora (SV). Ricarica 25 minuti allo Ionity di Rinovo Nord (dove arrivi con l’1% e riparti con il 65%). Prossimo passo Brugnato Ovest e ricarica 48 minuti (arrivo con 2% e ripartenza con 96%).
  • Poi dritto verso la Valdichiana dove si finisce con l’1%. Ricarica 16 minuti, ripartenza 46% verso Forlì. Arrivo a Forlì con 1% di batteria, ricarica 18 minuti, ripartenza con 49% di carica. Carpi si raggiunge con 1% di batteria, 22 minuti di ricarica e ripartenza al 59%. Poi vai dritto a casa. Arrivo previsto a Riva del Garda (TN) con 1% di batteria e ricarica, questa volta lenta, pernottamento, finalmente.
READ  Tampone in aeroporto, per i voli nazionali sarà necessario arrivare due ore prima. Fino a 4 per l'intercontinentale

Programma pazzo o è possibile?

la sfidaOra è un programma molto fitto e l’auto è davvero pressante. Soprattutto, pianifica di raggiungere fasi intermedie con 1% di batteria potrebbe non essere realistico. Nella realtà di tutti i giorni, probabilmente eviteremmo di farlo e manterremo un margine maggiore. Ma in effetti lo sappiamo anche l’applicazione è molto molto conservativa, e fa una proiezione dello scenario peggiore: possiamo essere fiduciosi, la sfida può iniziare.

I tempi elettrici ed endotermici quasi si pareggiano

Ionity HPC
Le nuove colonne Ionity, le HPC, fino a 350 kW di potenza. Sono alti 2,60 metri.

la sfida

Anche a bordo di un’auto diesel probabilmente non percorreremo mai 1352 km. Ciò significherebbe solo una fermata per fare rifornimento. Il tempo di 14 ore e 50 minuti indicato da Google Maps è quindi irrealistico. Probabilmente lo faremo almeno due o tre fermate per pasti e servizi igienici e di almeno 20 minuti ciascuno. Significa circa un’ora in più. ABRP calcola un’ora e 17 minuti in più per il nostro viaggio elettrico rispetto a quanto calcolato da Google per le termiche. Riteniamo che viaggiando con l’elettrico possiamo approfittare delle soste per ricaricare pasti e servizi igienici. Assolutamente i tempi di percorrenza diventerebbero sovrapponibili. Abbiamo simulato, ricordo, un viaggio lineare, per raggiungere una meta oltre i 1300 km. La traiettoria simulata, tuttavia, è circolare e non lineare per due motivi:

  • per il momento la rete Ionity non ha in Italia tale capillarità da consentire di spostarsi su un percorso di questo tipo in una direzione
  • il tempo a disposizione per la prova prevede il rientro alla base lo stesso giorno

la sfida La sfida inizierà molto presto. Ovviamente vi racconteremo come è andata, anche con un video: suggerimenti o domande? –

READ  SpaceX recupera il primo stadio del Falcon 9 per la settima volta: record

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *