la siccità mette sotto pressione l’offerta di formaggio, prosciutto e frutta

la siccità mette sotto pressione l’offerta di formaggio, prosciutto e frutta

Il Nord Italia sta vivendo sempre più una siccità estrema. Questa è una brutta notizia per gli agricoltori, ma anche per gli amanti dei prosciutti e dei formaggi italiani. Anche la metà del riso europeo proviene dalla regione. “Niente può crescere qui senza acqua.”

Con appena un filo d’acqua nel canale di irrigazione di un’azienda agricola di kiwi nel nord Italia, Alessandro Salmoiraghi deve mantenere in salute il suo raccolto. “La mancanza d’acqua è una costante qui”, dice. “Anche se cambi cultura di tanto in tanto, è ancora un problema. In effetti, è semplice: se non c’è acqua, allora non c’è davvero acqua. E poi non c’è vita, e certamente non c’è raccolto.

Nella sua famiglia, Salmoiraghi, 49 anni, fa parte della quarta generazione di contadini che arano i campi intorno all’azienda agricola Cascina San Donato. Il terreno è di 24 ettari. Coltivano principalmente cereali, verdura e frutta – il kiwi è la specialità – che vendono in loco. Troverai i terreni agricoli normalmente rigogliosi a circa un’ora di auto a ovest di Milano.

“Prima avevamo grandi volumi d’acqua”, dice. “Ora c’è davvero solo un rivolo in più. E se domani un altro contadino della zona dovesse irrigare i suoi campi? Allora dovrò fare a meno anche di quel poco d’acqua.

Clima europeo estremo

Vediamo gli effetti della crisi climatica in tutta Europa: il tempo è più estremo, la siccità più persistente, le ondate di caldo durano così a lungo che possono distruggere interi raccolti.

Lo vedono contadini come Salmoiraghi e milioni di altri europei che dipendono dal settore agricolo per produrre cibo e guadagnarsi da vivere. La crisi climatica sta inoltre costringendo il governo italiano a compiere nuovi passi per mediare le controversie sull’acqua e rinnovare le infrastrutture.

«Il clima è completamente cambiato nell’ultimo decennio», nota anche Salmoiraghi: gli inverni sono meno rigidi, le mattine meno fredde. La sua fattoria dipende dall’acqua glaciale delle Alpi svizzere. Questi ghiacciai sfociano nel Ticino, uno dei maggiori affluenti del Po, il fiume più lungo d’Italia.

READ  Inizia il richiamo vaccinale in Italia, Pfizer riduce le dosi alle Regioni

Lo scorso inverno non ha piovuto quasi e sulle Alpi non c’era quasi neve. Le riserve idriche italiane non sono state reintegrate. E ora che la primavera è già arrivata, la siccità minaccia di nuovo. La primavera del 2022 era già la più secca da settant’anni.

Getty

Le valli che circondano il Po coprono un’area lunga circa 650 chilometri, dalle Alpi a sud fino al confine italiano con la Francia a ovest e la costa adriatica a est. Il paese dipende da circa un terzo della regione per l’approvvigionamento alimentare.

L’anno scorso è stato possibile attraversare il fiume in alcuni punti. Ad esempio, il livello dell’acqua era così basso che una barca affondata durante la seconda guerra mondiale galleggiava in superficie, immersa nel fango.

Hai bisogno di pioggia continua

L’Italia non è un caso isolato. Anche l’industria alimentare e l’agricoltura in Spagna e Francia sono sotto enorme pressione. Secondo lei Agenzia alimentare delle Nazioni Unite 3,2 miliardi di persone vivono attualmente in aree dove l’acqua scarseggia.

In Lombardia, la regione intorno a Milano, il mese scorso il governatore Attilio Fontana dichiarato che le riserve idriche sono meno della metà di quelle degli altri anni.

L’associazione degli agricoltori locali Coldiretti afferma che il settore ha perso sei miliardi di euro di entrate l’anno scorso. L’Unione predetto che 300.000 aziende falliranno se questa siccità continua.

Secondo gli esperti, attualmente c’è bisogno di piogge ininterrotte entro maggio o giugno, quando la maggior parte degli agricoltori irriga i propri campi. «Se non piove a fine primavera, dovremo razionare come l’anno scorso», spiega Massimo Sertori, responsabile della distribuzione idrica in Lombardia. “Allora partiamo quando irrighiamo.”

Meno riso, mais, prosciutto e formaggio

L’Italia produce circa la metà di tutto il riso che produciamo nell’Unione Europea. Di questi, il 94% cresce in Lombardia e Piemonte, la regione intorno a Torino. Quest’anno il Paese potrà produrre meno a causa della siccità, avverte la Coldiretti.

READ  Heerenveen e Kongolo finalmente si separano: "Spero in una grande avventura in Italia"

Ma anche altre culture sono minacciate. «Siamo particolarmente preoccupati per le colture primaverili, frutta e verdura», spiega Lorenzo Bazzana, che lavora come economista per Coldiretti. “Normalmente, gli agricoltori seminano e piantano mais, girasoli, riso, pomodori e patate durante questa stagione. Tutte queste culture ora rischiano di scomparire.

Se gli agricoltori seminano meno, ciò potrebbe influire sull’intera catena di approvvigionamento. Il mais è importante per l’alimentazione animale e l’Italia è conosciuta in tutto il mondo per i suoi prosciutti e formaggi.

L’anno scorso l’Italia ha esportato cibo e altri prodotti agricoli del valore di 61 miliardi di euro. Ciò rappresenta il 15% del PIL.

Salmoiraghi afferma di essere riuscito a coltivare il 30% in meno di mais l’anno scorso. Teme che questi numeri stiano diventando la nuova norma. L’ultimo rapporto del Climate Panel delle Nazioni Unite indica già che la pioggia nella Pianura Padana nei prossimi anni è difficile da prevedere perché ci sono eventi meteorologici più estremi arrivare a.

Il sei per cento dei paesi lombardi e piemontesi soffre già la siccità. Diciannove villaggi soffrono di gravi carenze idriche, ha affermato Utilitalia, una federazione di servizi pubblici. Secondo la federazione, ci sono già villaggi che hanno l’acqua consegnata con i camion. “La situazione è estremamente critica” trampoli Alessandro Bratti, responsabile per la Pianura Padana.

L’importanza dei laghi

Nel 2022 l’acqua dei grandi laghi del nord Italia è riuscita a limitare l’impatto della siccità. Ma l’acqua del Lago di Garda finisce per sfociare nel Po. Il livello dell’acqua del lago è attualmente a la metà rispetto allo scorso anno.

Il primo ministro italiano Giorgia Meloni il mese scorso sorveglianza del livello dell’acqua. Nominerà un commissario incaricato di monitorare da vicino il fascicolo.

READ  M5s, Conté eletto presidente. Il videomessaggio dell'ex presidente del Consiglio: "Farò del mio meglio per ridare dignità alla politica. Da settembre sarò in tournée in Italia"

Dovrebbe indirizzare la gestione dell’acqua nella giusta direzione oltre i confini regionali. La scorsa settimana, l’azienda ha avuto una serie misurazioni approvato a breve. L’intento è quello di facilitare le procedure e stimolare i lavori di infrastruttura idraulica. Chi continua a pompare acqua illegalmente ora rischia anche multe fino a 50.000 euro.

Uno dei problemi principali è la mancanza di capacità di immagazzinare l’acqua. Un nuovo studio della Fondazione Energia e Acqua, in collaborazione con la società Proger, rivela che l’Italia riceve 301 miliardi di metri cubi di pioggia, ma riesce a utilizzarne solo l’11%.

Lo studio sostiene che le 531 dighe del paese potrebbero avere una capacità molto più elevata. Si investe troppo poco per eliminare i difetti tecnici nelle dighe.

A livello locale, il governo della Lombardia compagnie idriche chiesto di consumare il meno possibile. “Vogliamo raggiungere un equilibrio per riempire i nostri laghi senza intaccare la nostra produzione di energia”, ha affermato il governatore Sertori. Crede che i laghi saranno la soluzione a lungo termine per aumentare la capacità idrica. L’area è attualmente concentrata su lavori di ristrutturazione.

Gli agricoltori come Salmoiraghi non possono aspettare. Il quarantenne ha acquistato l’anno scorso un nuovo sistema di irrigazione più efficiente. Inoltre, è stato in grado di vendere i suoi raccolti a un prezzo più alto, il che compensa la perdita di numeri. Quest’anno semina colture a minor consumo idrico, come la soia.

“D’ora in poi mi concentrerò sulle colture più facili da coltivare. E se qualcosa va storto, perdo solo un raccolto e tutta la mia stagione non è persa.

Questo articolo è stato precedentemente pubblicato dal partner IPS Thomson Reuters Information Foundation

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *