L’agricoltura intensiva è la causa del declino delle popolazioni di uccelli, praticamente nessun cambiamento climatico

L’agricoltura intensiva è la causa del declino delle popolazioni di uccelli, praticamente nessun cambiamento climatico

Pernice in autunno.  Immagine ANP / Mauritius Images GmbH

Pernice in autunno.Immagine ANP / Mauritius Images GmbH

Questa è la prima volta che gli scienziati hanno individuato le cause del declino degli uccelli in modo così dettagliato. L’agricoltura intensiva è di gran lunga la fonte di danno più importante, seguita di gran lunga dall’urbanizzazione.

Negli ultimi quattro decenni, le popolazioni di uccelli di prato si sono più che dimezzate, conclude il team guidato dai francesi di oltre cinquanta scienziati. Ma anche gli uccelli migratori e forestali e le specie che dipendono da vermi e insetti sono pesantemente colpiti dall’agricoltura. “Quindi questa è la stragrande maggioranza degli uccelli di tutti i giorni”, osserva seccamente il gruppo.

Come causa, gli scienziati indicano principalmente l’uso di pesticidi e fertilizzanti artificiali da parte degli agricoltori. Questi garantiscono meno insetti, larve e vermi. “Mentre gli invertebrati sono una parte importante della dieta di molti uccelli. In 143 delle 170 specie di uccelli che abbiamo studiato, sono particolarmente cruciali durante la stagione riproduttiva.

Circa l’autore
Maarten Keulemans è redattore scientifico presso di Volkskrant, specializzata in microvita, clima, archeologia e ingegneria genetica. È stato nominato giornalista dell’anno per i suoi reportage sulla corona.

Il cambiamento climatico non ha praticamente alcun effetto

Le specie urbane sono diminuite di oltre un quarto. Qui sono particolarmente colpiti gli uccelli che vivono tra gli alberi e gli uccelli che dipendono dagli insetti. Abbastanza sorprendentemente, il cambiamento climatico non sta avendo praticamente alcun effetto: gli uccelli freddi e soprattutto gli uccelli migratori ne sono colpiti, ma le specie che prosperano meglio a temperature più miti stanno effettivamente aumentando di numero.

È positivo che sia ormai “definitivamente” stabilito che l’agricoltura intensiva è la forza più distruttiva per l’avifauna in Europa, risponde l’istituto di conoscenza Sovon Bird Research in un rapporto.

“Non sorprende che nei Paesi Bassi, dove l’uso del suolo è relativamente intensivo, si registri anche un’enorme diminuzione degli uccelli nelle aree agricole. Dagli anni ’60, abbiamo visto diminuire il numero di uccelli nei terreni agricoli di oltre il 70%”, afferma la fondazione, a sua volta uno dei fornitori di conteggi di uccelli per lo studio.

Tra gli uccelli colpiti nel nostro Paese, Sovon cita in particolare lo Zigolo, la Pernice e la Pernice, uccelli quasi o del tutto scomparsi. Altre specie, come la beccaccia di mare, la pavoncella e la pittima reale, sono in rapido declino.

Solo poche specie beneficiano dei cambiamenti. Come il martello giallo, che, stranamente, è aumentato di numero solo nei Paesi Bassi. Colpisce anche il successo del putter e dell’oca. Quest’ultimo arreca fastidio anche nelle campagne, formandovi grandi colonie riproduttive.

Un passo meno che inconfutabile

Nella recensione PNAS gli stessi ricercatori parlano di un nesso “quasi-causale”, un passo più cauto che conclusivo. Dopotutto, è notoriamente difficile stabilire scientificamente una relazione causale tra agricoltura e popolazioni di uccelli.

Il team è andato a fondo confrontando gli avvistamenti di 170 specie europee comuni in 37 anni in 28 paesi con i cambiamenti nell’uso del suolo. Per la prima volta, siamo riusciti a districare i relativi contributi di agricoltura, urbanizzazione, clima e deforestazione.

Zigolo di mais a La Serena.  La Serena è una steppa arida e deserta nella Spagna occidentale.  Immagine ANP / Fotografia di Sijmen Hendriks

Zigolo di mais a La Serena. La Serena è una steppa arida e deserta nella Spagna occidentale.Immagine ANP / Fotografia di Sijmen Hendriks

Dove l’agricoltura si è intensificata, 31 specie comuni sono state colpite negativamente, mentre solo una manciata di specie ha chiaramente beneficiato. Il riscaldamento globale è stato dannoso per tante specie quante benefiche. L’urbanizzazione è stata dannosa per alcune altre specie.

Sebbene ci siano più foreste, gli uccelli della foresta sono in declino

La tendenza tra gli uccelli della foresta è sorprendente. Sebbene la superficie forestale sia aumentata in quasi tutti i paesi europei, le popolazioni di uccelli forestali sono diminuite di circa il 17%. Ciò sarà in parte dovuto al tipo di foresta che cresceva lì, pensano gli ambientalisti. Una foresta di produzione o una foresta di cattura di CO2 non è necessariamente piacevole per gli uccelli.

I risultati evidenziano quella che è già “la più grande sfida politica e tecnologica per la politica agricola europea”, scrive il gruppo di ricerca. “Ovvero, per bilanciare l’elevata produttività delle attività agricole con la protezione dell’ambiente”. Ma in seguito lo hanno detto duramente: “Il destino delle popolazioni di uccelli europei dipende dalla rapida attuazione di cambiamenti di vasta portata e riforme agricole.

Una conclusione condivisa da esperti non coinvolti nello studio. “Questo studio mostra quanto sia devastante la transizione di interi paesaggi verso monocolture omogenee e gestite in modo intensivo”, afferma l’ecologo tedesco Guy Pe’er. in un commento sulla ricerca.

Allodola nel prato.  Immagine ANP / Buiten-Beeld

Allodola nel prato.Immagine ANP / Buiten-Beeld

Tobbicchi

Allodola (Alauda arvense)

Un “fantasma del passato” è ciò che Sovon Netherlands chiama l’allodola, che cinquant’anni fa era ancora uno degli uccelli più normali dei terreni agricoli. Da allora, si è rapidamente deteriorato. Nel 2010, quasi i tre quarti delle coppie riproduttive erano scomparse, anche se negli ultimi anni c’è stata una certa ripresa.

Zigolo di mais (Emberiza calandra)

Lo strillozzo non era generalmente molto comune. Ma nelle zone dove nidificava, l’uccello che ama l’aperta campagna come le golene dei fiumi era piuttosto numeroso. ora il tipo in grave pericolo nel nostro paese: il numero di coppie nidificanti è sceso da circa 1.200 nel 1975 a meno di 10 intorno al 2010.

Pernice (Perdix perdix)

Una volta era un normale uccello di un contadino, ma è in caduta libera dal 1990. Oltre il 90% delle pernici è ora estinto. Motivo principale, secondo Sovon: “L’aumento di scala, la modifica della selezione delle colture, l’uso di pesticidi e altri fattori hanno privato le pernici di terreni di riproduzione, riparo e cibo”.

READ  6 regole per allenare il cervello

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *