L’aspettativa di vita olandese è leggermente diminuita dal 2019

Generale

NL Come per tutto il resto, anche le tariffe dell’assicurazione sanitaria aumenteranno il prossimo anno, in media di 10,10 euro. Il che, tra l’altro, fa sorgere la domanda: come va realmente la salute dei Paesi Bassi?

Il fatto che l’assicurazione sanitaria aumenti in media di 10,10 euro non ha molta importanza per molti olandesi: il premio sanitario è comunque già troppo alto per loro. Anche se i 10,10 euro in più sono una nuova battuta d’arresto per loro, non c’è molto che possano fare al riguardo. Così come non possono fare molto per il fatto che c’è ancora un problema: nel 2023 non ci saranno più sconti di gruppo sull’assicurazione di base. Ora è ancora al massimo del 5%, ma scomparirà e presto sarà intorno ai 5 euro al mese.

Assegno di assistenza sanitaria

Aumenta invece l’assegno sanitario. È certo che il prossimo anno più persone avranno diritto all’assegno di cura. Lo è, come si legge sul sito dell’Agenzia delle Entrate, perché sono stati alzati i massimali reddituali. Senza un convivente, hai diritto all’assegno di assistenza l’anno successivo se il tuo reddito non supera i 38.520 EUR all’anno. Nel 2022 era di 31.998 euro l’anno. Se hai un partner beneficiario hai diritto all’assegno di cura se il reddito comune non supera i 48.224 euro annui. Quest’anno è stato di 40.994 euro all’anno. La franchigia rimane a 385 euro.

Sano

Visto in questa luce, è positivo che, secondo l’Ufficio per la pianificazione sociale e culturale (SCP), la stragrande maggioranza degli olandesi consideri la propria salute “buona”. Secondo i dati RIVM, il 78,4% degli olandesi valuta la propria salute da buona a molto buona. Weesp è leggermente sopra con il 79,6%.

READ  pronto sulla rampa di lancio per i test e il "volo"

Le persone con meno istruzione hanno una salute peggiore

Non sorprende che i giovani abbiano un’opinione migliore della propria salute. Ciò che colpisce è che sembra esserci una correlazione tra il livello di istruzione e la salute percepita. Le persone con un livello di istruzione inferiore riferiscono di essere in buona salute molto meno spesso rispetto alle persone con redditi più elevati. I dati indicano che il 58,8% delle persone con un’istruzione bassa si sente in buona salute, il 75,0% delle persone con un’istruzione intermedia e l’84,3% delle persone con un’istruzione superiore.

Divario tra uomini e donne

Il divario nell’aspettativa di vita si sta riducendo

È anche notevole che, sebbene le donne abbiano un’aspettativa di vita più alta alla nascita, queste differenze sono attenuate. Secondo il CPS, è aumentato di 2,1 anni in più per gli uomini tra il 2008 e il 2019, rispetto a 1,3 anni per le donne. Il divario nella speranza di vita tra uomini e donne si sta quindi riducendo, passando da un divario di 4 anni nel 2008 a 3,1 anni nel 2019.

Comportamento al fumo

Secondo l’SCP, il fatto che il divario tra donne e uomini si stia riducendo è in gran parte dovuto alle abitudini al fumo di donne e uomini. Gli uomini hanno sempre fumato più delle donne, ma il divario si è ridotto nel corso degli anni. Nel 2019 fumavano più di un quarto degli uomini e il 18% delle donne.

Aspettativa di vita

L’aspettativa di vita alla nascita nel 2021, secondo i dati di Statistics Netherlands (CBS), è di 79,7 anni per gli uomini e di 83,0 anni per le donne. Questo è leggermente diminuito rispetto al picco del 2019, quando Statistics Netherlands ha registrato un’aspettativa di vita di 80,5 anni per gli uomini e 83,1 anni per le donne. La CBS non cita una causa, ma ci sono buone probabilità che sia correlata alla corona.

READ  "Pensare intensamente avvelena il tuo cervello"

Viviamo più a lungo, ma viviamo
non più in buona salute

Viviamo più a lungo, ma non viviamo più in buona salute. Secondo l’SCP, una persona nata nel 2018 può aspettarsi di essere sana per circa 63 anni. Ciò rappresenta l’80,1% dell’aspettativa di vita. Nel 2008, questa cifra era ancora dell’81,3%. Per le donne, le percentuali sono del 77,2% nel 2008 e del 75,2% nel 2018, il che rappresenta una diminuzione.

Si osserva invece un aumento del numero di anni in buona salute tra le persone di età pari o superiore a 65 anni. Gli uomini di 65 anni vivono altri 12 anni in buona salute, rispetto ai 10,4 anni del 2008, e le donne anziane hanno 12,6 anni in buona salute davanti a loro nel 2018 dopo il loro 65° compleanno, rispetto agli 11,4 anni nel 2008.

Limitazioni fisiche

Una delle conseguenze di una cattiva salute può essere che le persone devono affrontare limitazioni fisiche, come limitazioni nella mobilità, nel movimento, nell’udito e nella vista. Anche qui, oltre all’età, il reddito è uno degli indicatori. Misurato secondo il cosiddetto indicatore OCSE, quasi il 12% della popolazione ha una o più limitazioni nel funzionamento fisico. Le differenze per età, istruzione e reddito sono le più importanti. La percentuale con una o più disabilità fisiche è più alta tra gli ultrasessantacinquenni ei meno istruiti, e più bassa tra gli under 35 (raramente evidenti), i più istruiti ei redditi più alti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *