L’esercizio migliora il cervello e la salute mentale

L’esercizio, insegnano, ha effetti profondi sulla struttura del cervello stesso, insieme ad altri benefici più sottili, come la concentrazione, un senso di realizzazione e talvolta la stimolazione sociale, che sono tutti di per sé terapeutici. E mentre di più è generalmente meglio, anche piccole quantità di attività fisica, come la camminata quotidiana, possono avere significativi benefici per la salute mentale.

“Essere fisicamente attivi è un intervento molto potente”, ha affermato Anders Hovland, psicologo clinico dell’Università di Bergen in Norvegia.

Questa conoscenza sta appena iniziando a tradursi in pratica, afferma Joseph Firth, ricercatore di salute mentale presso l’Università di Manchester nel Regno Unito. Basta chiedere alle centinaia di persone che ricevono cure per la salute mentale quante ricevono prescrizioni di esercizi come parte di tali cure. “Non troverai molto”, disse Firth.

strumento antidepressivo

Alcune delle prove più evidenti dei benefici mentali dell’esercizio si sono concentrate sulla depressione. Nel 2016, Hovland e colleghi hanno cercato nella letteratura pubblicata e hanno identificato 23 studi clinici che hanno testato l’efficacia dell’esercizio nel trattamento della depressione. L’esercizio è stato chiaramente efficace I ricercatori hanno concluso in alcuni studi che è paragonabile agli antidepressivi.

E l’esercizio ha molti vantaggi. Per cominciare, di solito ci vogliono diverse settimane prima che gli antidepressivi mostrino il loro pieno effetto. L’esercizio fisico può migliorare l’umore quasi immediatamente, rendendolo un’aggiunta preziosa ai trattamenti iniziali come i farmaci o la terapia, afferma Brett Gordon, psicologo sportivo del Penn State College of Medicine. Inoltre, dice, l’esercizio fisico può contrastare alcuni dei cattivi effetti collaterali degli antidepressivi, come l’aumento di peso.

Inoltre, l’esercizio ha pochi degli effetti collaterali negativi comunemente associati ai farmaci. “Molte persone con problemi di salute mentale non sono motivate ad iniziare il trattamento per il resto della loro vita e sono interessate ad altre opzioni. L’esercizio fisico può essere una di queste opzioni”, ha affermato Jacob Meyer, psicologo dell’esercizio presso la Iowa State University.

READ  Ku? Dit è l'effetto ervan op je lichaam

Ma i ricercatori stanno ancora cercando di capire come lo sforzo muscolare influisca sul cervello per migliorare la salute mentale. Per la maggior parte delle domande biomediche come queste, gli esperimenti sugli animali sono il primo passo, ma non sono utili negli studi sui problemi di salute mentale.

“La salute mentale è così umana che può essere difficile fare un buon salto dai modelli animali”, afferma Mayer.

Basta graffiare la superficie

Non sembra avere molto a che fare con il fitness cardiovascolare o la forza muscolare, che sono i vantaggi più evidenti dell’esercizio. Smith dice che deve succedere qualcos’altro che è più importante della semplice forma fisica.

Una possibilità è che l’esercizio rafforzi sia il cervello che il corpo. L’esercizio rilascia una proteina nota come fattore neurotrofico derivato dal cervello (BDNF). Il BDNF stimola la crescita di nuove cellule cerebrali, tra cui molto probabilmente l’ippocampo, una regione del cervello importante per la memoria e l’apprendimento. Poiché l’ippocampo è in genere più piccolo o distorto nelle persone con depressione, ansia e schizofrenia, l’aumento del BDNF attraverso l’esercizio può essere un modo in cui l’attività fisica può aiutare a gestire queste condizioni.

Certamente, gli studi dimostrano che le persone depresse hanno livelli più bassi di BDNF – in particolare, uno degli effetti di alcuni antidepressivi è quello di aumentare la produzione di questa molecola. I ricercatori non hanno dimostrato direttamente che un aumento del BDNF correlato all’esercizio riduce i sintomi depressivi, ma è una possibilità promettente, afferma Hovland.

L’esercizio fisico può anche aiutare a curare i disturbi d’ansia. I cambiamenti cerebrali stimolati dal BDNF sembrano migliorare l’apprendimento, che è una parte importante di alcuni trattamenti anti-ansia, quindi è possibile che l’esercizio fisico migliori l’efficacia di questi trattamenti. Ad esempio, un trattamento per il disturbo da stress post-traumatico comporta l’esposizione dei pazienti a uno stimolo spaventoso in un ambiente sicuro, in modo che i pazienti imparino a reimpostare le loro risposte ai segnali associati al trauma – e meglio imparano, più a lungo può durare la risposta.

READ  Superconductor, ha scoperto una tipologia considerata impossibile da produrre

Kevin Crombie, neuroscienziato dell’Università del Texas ad Austin, e i suoi colleghi hanno testato questa idea in 35 donne con PTSD. Dopo aver imparato ad associare una forma geometrica specifica a una leggera scossa elettrica, i volontari hanno visto la stessa forma più e più volte senza che la scossa sapesse che l’allarme era ormai al sicuro. Dopo pochi minuti, metà dei volontari ha corso per 30 minuti o ha camminato su un tapis roulant, mentre l’altra metà ha fatto solo movimenti leggeri.

L’esercizio fisico stimola anche il rilascio di cannabinoidi, molecole importanti per modulare le connessioni tra le cellule cerebrali. Può essere un altro modo per rafforzare l’apprendimento alla base del trattamento di successo della depressione, del disturbo da stress post-traumatico e di altre condizioni di salute mentale.

L’attività fisica modera anche la risposta del corpo allo stress e riduce l’infiammazione, aiutando così allo stesso modo le persone con malattie mentali. “Abbiamo solo graffiato la superficie”, dice Hovland.

Cambiare la struttura del cervello non è l’unico modo in cui l’attività fisica può giovare alla salute mentale. Smith dice che l’abitudine all’esercizio da sola può aiutare.

Per le persone con problemi di salute mentale, fare qualsiasi cosa, qualsiasi cosa, può distrarle dal rimuginare. Una revisione della letteratura pubblicata ha rilevato che l’esercizio con placebo – cioè uno stretching leggero, troppo leggero per produrre un effetto fisiologico – ha avuto Quasi la metà dell’effetto benefico sulla salute mentale Ho fatto anche esercizi pesanti.

Le sessioni di allenamento regolari danno anche agli atleti un’idea chiara dei progressi man mano che la loro forza e forma fisica migliorano. Gordon dice che la sensazione di realizzazione può aiutare ad alleviare parte del peso dell’ansia e della depressione.

READ  Concentrati su un ambiente di vita sano

Anche un’attività leggera, in effetti, muoversi durante il giorno piuttosto che stare seduti per ore alla volta, può aiutare.

In uno studio su più di 4.000 adolescenti nel Regno Unito, Aaron Kandola, un epidemiologo psicologico presso l’University College di Londra, e i suoi colleghi hanno scoperto che i giovani adulti che si dedicavano ad attività più leggere durante il giorno, Ridotto rischio di sintomi depressivi di coloro che hanno trascorso la maggior parte del loro tempo sedentario.

L’esercizio fisico ha potenti benefici per le persone con malattie mentali che vanno oltre gli effetti delle malattie stesse. Firth dice che molti lottano con problemi correlati come il ritiro sociale e una ridotta capacità di divertirsi. I farmaci standard riducono alcuni sintomi, ma non fanno nulla per trattare questi altri problemi. L’esercizio, soprattutto in gruppo, può aiutare a migliorare il loro umore e arricchire la loro vita.

È importante notare che le persone con gravi malattie mentali come depressione maggiore e schizofrenia hanno anche maggiori probabilità di avere gravi problemi di salute fisica come obesità, malattie cardiache e altre malattie croniche. Di conseguenza, la loro aspettativa di vita è da 10 a 25 anni inferiore a quella delle persone non affette.

“Ridurre questi rischi per la salute è davvero essenziale in questo momento”, afferma Candola. “Questo è il grande grido dell’esercizio: sappiamo già che può migliorare la salute fisica. Se ha anche benefici per la salute mentale, potrebbe essere un’aggiunta molto importante al trattamento.

Bob Holmes è uno scrittore di scienze che vive e pratica a Edmonton, Alberta. Questo articolo è apparso originariamente nota rivistauna società giornalistica indipendente di riviste annuali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *