L’estrema destra minaccia il diritto all’aborto in Italia

L’estrema destra minaccia il diritto all’aborto in Italia

Martina Avanzare Come sociologa, ha lavorato per anni sui movimenti per la vita e sull’accesso all’aborto. “L’obiezione di coscienza esiste anche altrove che in Italia, spiega. Ma qui è massiccia. Spesso i medici provengono da ambienti conservatori e cattolici, soprattutto capi dipartimento, e reclutano medici che sono d’accordo con loro”.

La sociologa Martina Avanza: “Molti obiettori di coscienza non sono attivisti antiabortisti. Semplicemente non vogliono essere guardati di traverso’

“Molti obiettori di coscienza non sono attivisti contro l’aborto. Non vogliono essere disprezzati in un paese dove l’aborto è ancora uno stigma o rischiare di ostacolare le loro carriere. Inoltre, non vogliono semplicemente eseguire aborti come uno dei pochi medici che sono ancora d’accordo”.

Per il ricercatore il concetto di obiezione di coscienza si è notevolmente ampliato. “Normalmente riguarda solo l’atto in sé. Alcuni medici si rifiutano di prescrivere una pillola abortiva o di curare una donna che sta sanguinando dopo il parto. questo uso ideologico dell’obiezione di coscienza va ben oltre quanto inizialmente previsto dalla legge, che è solo una misura eccezionale.

In questo contesto, Marte Manca passa il tempo che non lavora come meccanico sui macchinari della sua fabbrica tessile, girando per la regione con il suo compagno per aiutare le ragazze che vogliono abortire. Li assistono nel processo e li portano nei rari luoghi in cui tale pratica è ancora possibile.

“Conosciamo i pochi medici sicuri che praticano ancora aborti nella regione e oltre. E attraverso il crowdfunding, finanziamo test di gravidanza, ecografie e altro, così l’aborto rimane gratuito e accessibile agli studenti poveri o migranti, alcuni dei quali arrivano incinti perché arrivano durante il loro viaggio sono state violentate”, spiega.

L’ospedale di Ascoli Piceno, un comune medio delle Marche, a circa 100 chilometri a sud di Ancona, eseguiva ancora aborti. Anche se questo era possibile solo una volta ogni due settimane il sabato, grazie all’italiano Associazione per l’educazione della popolazione (AIED) e alcuni medici impegnati venuti apposta per questo da Milano, Bologna o Perugia.

Tiziana Antonucci (AIED): “La Regione Marche non garantisce più, come dovrebbe, che qui le donne possano abortire”

“Tutti i medici dell’ospedale di Ascoli sono obiettori di coscienza”, dice Tiziana Antonucciil 65enne responsabile dell’associazione Aied per le Marche, che ha assicurato che l’ospedale di Ascoli concedesse loro l’accesso una volta ogni due settimane.

READ  L'Italia vuole sfrattare gli orsi dopo l'attacco mortale al jogger | All'estero

«Ma l’accordo che avevamo dal 1980, cioè 43 anni, è stato bruscamente ritirato all’inizio dell’anno dalla Regione guidata da Fratelli d’Italia. Da allora nessun aborto è stato praticato all’ospedale di Ascoli. La Regione Marche non garantisce più, come dovrebbe, che qui le donne possano abortire».

Marina Toschi, 67 anni, è un ginecologo in pensione. Abita a Perugia, a più di due ore da Ascoli. Da anni ci va a sabati alterni per eseguire questi aborti che sono diventati impossibili. “Come medico, è insopportabile per me vedere queste giovani donne messe a rischio limitando il numero di posti in cui possono abortire”, dice.

“Ma è anche insopportabile vedere le opzioni di aborto medico, meno complicate della chirurgia, essere limitate, o il crescente rifiuto di utilizzare il metodo di aspirazione meno doloroso di Karman”.

Il ricorso all’aborto farmacologico è stato autorizzato in Italia solo nel 2010. «E solo nel 2016 nelle Marche, perché purtroppo non esiste una politica sanitaria nazionale», precisa Marina Toschi. “Questa regionalizzazione della sanità è un disastro nell’attuale contesto politico. Tre anni fa, l’allora governo di centrosinistra ha consentito la consegna di pillole abortive ai consultori familiari e ha esteso il periodo di assunzione della pillola da sette a nove settimane.

Ma, continua, “quella che è stata considerata una grande vittoria, perché io, come medico, ho rischiato fino a cinque anni di carcere per aver dato la pillola abortiva fuori dal quadro legale, era solo un’illusione. Tre anni dopo, siamo in una situazione in cui solo tre regioni hanno accettato di seguire la direttiva e distribuire la pillola abortiva RU-486 nei centri di pianificazione familiare.

“E la Regione Marche, guidata dall’estrema destra, ha votato contro la proroga del termine a nove settimane. Il tempo qui è quindi rimasto di sette settimane, che è molto breve, tanto più che ci deve essere una settimana di riflessione tra l’ottenimento della prescrizione e l’esecuzione dell’aborto.

Fai avanzare la vita professionale

In campagna elettorale e da quando si è insediata, il premier Giorgia Meloni ha ribadito che non toccherà la legge 194. Ma “non le serve per impedire alle donne italiane di abortire”, spiega la sociologa Martina Avanza.

READ  ragazza ferita alla gamba. Video sui social network

“La legge 194, varata nel 1978, non dà alcun diritto reale all’aborto. Si tratta di una legge sulla “protezione sociale della maternità e dell’aborto”, il cui primo articolo stabilisce che l’aborto deve essere evitato in primo luogo. Ha ragione la Meloni a dire che non vuole mettere in discussione la legge, ma che la vuole applicare integralmente, e che difende anche il “diritto a non abortire”.

Martina Avanza: “La legge 194 non dà alcun diritto reale all’aborto. È una legge sulla “protezione sociale della maternità e dell’aborto”

Secondo il sociologo Avanza, l’attuale governo ha molte opzioni per rendere più difficile l’accesso all’aborto e per districare i diritti all’aborto. “E questo senza apportare grandi modifiche legislative che farebbero urlare l’Europa e dove il governo rischierebbe di rivoltare l’opinione pubblica contro di essa. Non dobbiamo dimenticare che la Meloni è stata eletta in un contesto di bassissima partecipazione e che non è necessariamente nel suo interesse attaccare una legge approvata dalla maggioranza degli italiani”.

Martina Avanza spiega che nelle Marche, come altrove in Italia, le associazioni per la vita stanno prendendo piede negli ospedali. Danno la colpa alle donne che chiedono di abortire. “Sul posto, negli ospedali, si fa lezione, si fa ascoltare il cuore dell’embrione. Questo è un abuso istituzionale. »

Queste associazioni pro-vita ora si sentono autorizzate e vedono aumentare i loro finanziamenti. Soprattutto in un contesto in cui Maurizio Gasparrisenatore del partito al potere Forza Italia, van Silvio Berlusconiha recentemente introdotto un disegno di legge per garantire che la “capacità giuridica” che ora ricevi come neonato sia già data alla fecondazione per “proteggere” gli embrioni…

Alcuni gruppi pro-vita si sono persino spinti fino a salvare i resti umani dagli aborti per la sepoltura e una cerimonia cristiana.

“Negli Stati Uniti abbiamo visto commando rubare resti umani dagli ospedali. Ma in Italia c’è una scappatoia che impedisce che ciò sia illegale e consente alle associazioni pro-vita di accordarsi con i direttori degli ospedali compiacenti”, spiega Martina Avanza.

francesca Tolino, una donna romana sottoposta a un aborto terapeutico, ha scoperto una croce che porta il suo nome in un cimitero della capitale italiana. Ha deciso di lottare contro queste pratiche lanciando una campagna per la libertà dell’aborto…

READ  Qui in Haarlemmerstraat si può mangiare una fantastica focaccia guarnita

«La situazione è ancora più difficile per le donne che devono sottoporsi a un aborto terapeutico, eseguito a fine gravidanza, anche se la gravidanza era voluta», spiega Martina Avanza. “In Italia ci sono ancora meno medici disposti a fare questo tipo di intervento rispetto agli aborti. Molte donne italiane furono costrette ad andare a Londra o in Svizzera.

“La sopravvivenza dell’Italia”

Per Tiziana Antonucci dell’Aied, queste restrizioni all’accesso all’aborto sono tanto più ripugnanti perché legate a “un discorso sulla natalità che pretende di placare l’ansia demografica della nazione. Ma questo paragone tra aborto e basso tasso di natalità è semplicemente sbagliato!

“La Francia ha i più alti tassi di aborto, contraccezione e fecondità perché le donne lavorano, sono autonome e sono sostenute da assegni familiari e asili nido… Le giovani italiane, invece, vanno all’estero perché le prospettive di lavoro qui sono insufficienti in un Paese che rimane molto sessista”.

Federica Recanati, studentessa: “Sento una pressione costante per avere figli. Ho l’impressione che tutti mi dicano che da questo dipende la sopravvivenza dell’Italia”

Chiara Saracenoeminente sociologo della famiglia, fa la stessa osservazione: “I nostri politici non hanno capito, o non capirebbero, che esiste una relazione positiva tra fecondità e parità di genere. Tutti i confronti empirici con altri paesi mostrano che questa uguaglianza supporta il modo migliore per sostenere il tasso di natalità, fornendo buoni servizi pubblici e consentendo alle donne di avere buoni lavori ben retribuiti.

Federica Recanati, studentessa di filologia classica di 26 anni, è venuta all’evento ad Ancona come residente in zona, poiché vive a pochi chilometri dal capoluogo marchigiano. “Sento una pressione costante per avere figli. Mi sembra che tutti mi stiano dicendo che la sopravvivenza dell’Italia dipende da questo”.

“Se devo comprare la pillola anticoncezionale, perché nelle Marche non è gratis, mi sento come se stessi sbagliando qualcosa. Per questo oggi protesto. Ho davvero paura che il mio diritto all’aborto scompaia ora che il l’estrema destra è al potere”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *