Materiale di lettura: ‘La democrazia sta crollando’ è la riflessione di Kees Verhoeven sulla Camera dei Rappresentanti – Computer – Geeks

Dì “politico” e “ICT” ed è probabile che ti ritroverai con Kees Verhoeven. Da quando il deputato D66 ha lasciato la Camera dei rappresentanti nelle precedenti elezioni, ha lavorato a un libro. La democrazia sta crollando è uno sguardo a volte frustrante, ma spesso illuminante dietro le quinte della politica.

Per anni, Kees Verhoeven è stato il volto della digitalizzazione alla Camera dei Rappresentanti. Di certo non era l’unico parlamentare esperto di tecnologia; Astrid Ostenbrug ha lasciato la politica delusa e Ton Elias ha suggerito ha nominato un intero comitato per indagare sui progetti ICT del governo. Grazie alla sua agilità Cinguettio E il suo posizioni sul referendum wiv Tuttavia, Verhoeven è diventato uno dei volti più importanti nel regno digitale. Ha lasciato la politica l’anno scorso. Ha avviato una società di consulenza, ma ha anche scritto il libro The Democracy Crashes sul suo periodo alla Camera dei Rappresentanti. Offre una buona visione, a volte cinica, del dietro le quinte della politica olandese, con una digitalizzazione più che sufficiente per affascinare il tweaker medio.

Schemi di pensiero e difetti

A proposito di questo libro

Kees Verhoeven, La democrazia sta crollando
Editore: contatto professionale
Rilasciato: 23 gennaio 2023
272 pagine
Disponibile in formato e-book e cartaceo
ISBN: 978 90 470 1601 4

Mentre leggi, noterai che Democracy Collapses è soprattutto una riflessione sul tempo di Verhoeven alla Camera. Nei primi capitoli, cerca di mettere le cose in prospettiva. Non si discute né di politica né di digitalizzazione, ma di modelli di pensiero e difetti. Descrive fenomeni come bias di conferma e inventa formule come “obiettivo + mezzo + controllo = legge”, su cui ritorna regolarmente più avanti nel libro. Come, ad esempio, il rumore nasce in una discussione sull’autorizzazione del software Kaspersky all’interno del governo. L’intero libro è pieno di tali cornici. Ad esempio, una parte significativa riguarda la creazione del Wiv 2017, il famigerato emendamento all’Intelligence and Security Services Act discusso nel 2017. si tenne un referendum. Verhoeven non solo scrive come e cosa è successo, ma cita anche vari quadri e processi di pensiero in cui è stata istituita tale legge, come il pensiero sulla sicurezza tra i politici.

READ  Registratori di cassa Carrello 2023 - Registratore di cassa

No succo

chi succoso succo aspettati strette di mano o affari squallidi dietro le quinte a L’Aia, non hai bisogno di leggere The Democracy Crashes. Il libro è soprattutto un monito di Verhoeven alla società e ai politici. Mette in guardia contro l’influenza dei social media e la mancanza di conoscenza delle TIC alla Camera dei Rappresentanti. Non lo descrive in termini astratti, ma lo mette in relazione con esempi concreti. La maggior parte di loro potrebbe non essere sorprendente o rivelatrice per il tweaker medio. Ad esempio, Verhoeven mostra come Huawei sia stata in grado di continuare a operare nei Paesi Bassi perché i responsabili politici non sono riusciti a comprendere la differenza tra apparecchiature edge e core nelle reti di telecomunicazioni. Da ciò nasce la lunga discussione sulla presenza del produttore cinese in Olanda, che Verhoeven interpreta poi in modo interessante attraverso il proprio coinvolgimento nella vicenda.

Un altro esempio è lo shock alla Camera dei Rappresentanti quando nel 2022 si è scoperto che lo spyware Pegasus veniva utilizzato nei Paesi Bassi. Verhoeven descrive nel suo libro come in precedenza avesse presentato una legge di iniziativa per vietare lo spyware, ma fallì a causa della mancanza di conoscenze politiche.

Fai il giro del Wiv

Il libro non tratta solo di pensare a errori e schemi. È anche un riflesso dello stesso Verhoeven sul suo lavoro. Una parte importante di questo è la sua “svolta” molto criticata attorno al Wiv. Inizialmente, Verhoeven era un convinto oppositore della “legge sul dragaggio”, ma quando è arrivato il referendum, ha effettivamente invitato le persone a votare a favore della nuova legge. È stato criticato per questo, soprattutto da blog come GeenStijl, ma anche da Arjen Lubach. Lo hanno accusato di politica partigiana e disonestà. In The Democracy Crashes, Verhoeven discute a lungo questo processo di pensiero. Racconta come si è reso conto che la legge era necessaria, ma anche che aveva bisogno di una migliore supervisione. Riguarda anche le critiche che ha ricevuto, che vanno nella direzione della cratizzazione mediatica della politica, che vede come un grosso problema.

READ  Esperti preoccupati per la carenza di gas per il prossimo inverno: "Sarà entusiasmante"

Problemi politici

Il crollo della democrazia riguarda generalmente i principali problemi che Verhoeven vede in politica nel 2023. Questi sono in parte problemi emersi nei Paesi Bassi negli ultimi anni, come una frammentazione della Camera dei Rappresentanti con fazioni più piccole che hanno collettivamente meno conoscenza. Per alcuni di questi problemi, Verhoeven aggiunge una componente digitale, che a volte sembra un po’ forzata. Spiega in parte il carico di lavoro dei parlamentari, ad esempio, dal fatto che nel 2023 saranno permanentemente online con i loro smartphone, mentre questo carico di lavoro ha anche molte altre cause, come le suddette frazioni di diminuzione.

Soluzioni

Fonte: Sebastian ter Burg

La cosa grandiosa di The Democracy Crashes è che non è solo una cinica biografia del periodo politico di Verhoeven; è un’affermazione chiara di quelli che vede come i problemi della politica, ma offre anche soluzioni immediate per loro. Questi sono l’argomento degli ultimi due capitoli. Alcune soluzioni sembrano abbastanza ovvie e sono più facili da scrivere che da implementare. Ad esempio, Verhoeven sta sostenendo maggiori investimenti nella sicurezza informatica e il rafforzamento delle infrastrutture vitali nei Paesi Bassi. Aziende ed esperti lo hanno voluto per anni. Verhoeven sostiene anche lo scioglimento delle grandi aziende tecnologiche e vuole una “tassa digitale”. Questi sono i piani che ci sono il programma elettorale del D66 che si stanno sviluppando anche a livello europeo.

Di conseguenza, parti di The Democracy Crashes possono avere contenuti “duh” piuttosto alti per un tweaker. Non sorprende che un importante ex politico del D66 voglia più soldi per la sicurezza informatica. Anche alcune leggi e progetti di legge descritti da Verhoeven vi suoneranno familiari, ad esempio su progetti ICT come CoronaMelder e SyRI. Tuttavia, questo non è affatto il caso ovunque. In molti casi è anche utile poter sbirciare dietro le quinte e vedere come vive un singolo politico e cerca di influenzare la creazione di una legge. Questo rende Democracy Crashes interessante per tutti, anche se segui già ampiamente la tecnologia in politica.

READ  Ciao @ANanninga, ti piacerebbe trasformare questo argomento in domande Weesperknip?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *