Mugello Roberto Giuntini premiato dall’Accademia delle Scienze slovacca

Giuntini, primo da sinistra, con altri ricercatori © Università di Cagliari

Buone notizie per il Mugello. L’Accademia delle Scienze slovacca ha conferito a Roberto Giuntini (originario del Mugello e docente all’Università di Cagliari) la prestigiosa medaglia dedicata al matematico Jur Hronec. Giuntini ha collaborato allo sviluppo di un nuovo algoritmo relativo alla meccanica quantistica con possibili applicazioni in biomedicina (clicca qui per le notizie sul sito dell’Università di Cagliari). I motivi del premio evidenziano “il contributo dato alle scienze matematiche durante la sua carriera scientifica”. Questo riconoscimento è motivo di grande orgoglio per l’università e per l’intera comunità accademica. Un altro elemento prezioso per la reputazione e l’accreditamento dell’Università degli Studi di Cagliari in aree di alto livello scientifico. Ma anche sinonimo di qualità e sviluppo di una formazione sempre al passo con i tempi. Ovvero una garanzia e motivazioni speciali per studenti e laureati.

Professore ordinario di logica e filosofia della scienza, il professor Giuntini insegna presso il Dipartimento di Psicologia, Pedagogia e Filosofia, Facoltà di Scienze Umane dell’Università della Capitale. La cerimonia di premiazione, che avrebbe dovuto svolgersi a Bratislava, è stata rinviata a causa dell’emergenza Covid. Il professor Giuntini, per le sue ricerche nel campo dell’informatica quantistica, ha ricevuto negli ultimi anni il prestigioso “Premio Birkhoff-von Neumann” dall’International Association of Quantum Structures (Iqsa). Lo scienziato ha anche collaborato con Anvur (Agenzia Nazionale per la Valutazione del Sistema Universitario) dal 2011 al 2014.

OK, il Mugello ha già parlato del professor Giuntini, combattuto tra Sant’Agata e Cagliari. Lo abbiamo fatto nel giugno 2017 in occasione della sua nomina a Presidente della Silfs (Società Italiana di Logica e Filosofia della Scienza, clicca qui per l’articolo di OK! Mugello).

READ  Estrarre ossigeno dalla CO2: la perseveranza lo ha fatto su Marte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *