Non solo il nostro paese è alle prese con la violenza dei fan (e potrebbe peggiorare)

Non solo il nostro paese è alle prese con la violenza dei fan (e potrebbe peggiorare)

Innanzitutto un quadro generale: ci sono incidenti più visibili in tutta Europa. Così dice il giornalista di calcio Sjoerd Mossou di AD. Qual è la causa? “Corona viene spesso citata, ma è un’ipotesi. È una combinazione di fattori. La necessità di ottenere Mi piace sui social media è uno di questi. I fan e gli hooligan si scambiano costantemente video. È una motivazione per fare qualcosa”.

Per quanto riguarda i Paesi Bassi, Mossou menziona anche il ruolo della politica e l’irrigidimento della società. “Prendi le proteste dei contadini e l’aggressività che ne deriva. Puoi vederlo anche nel calcio”. Ma non dovremmo fingere che i Paesi Bassi siano una specie di zona di guerra, dice Mossou. “Senza giustificarlo, ma a volte le cose sono molto più estreme in altri paesi.

Türkiye: il derby è completamente fuori controllo

L’ultima affermazione di Mossu sembra vera se guardiamo alla partita turca Bursaspor-Amedspor di qualche settimana fa:

Quello che è successo non è niente di straordinario. I giocatori e lo staff dell’Amedspor, la più grande squadra curda della Turchia, sono stati attaccati dai giocatori del Bursaspor, dal personale di sicurezza e dai tifosi prima della partita.

La Turchia è uno stato di polizia

Secondo Pepijn Nagtzaam, giornalista di RTL Nieuws in Turchia, anche questa violenza estrema è un’eccezione in Turchia. “In generale, i tifosi sono molto fanatici, il calcio significa molto per le persone. A volte finisce con tensioni, risse e violenze. In linea di principio, i tifosi turchi non saranno molto più violenti di quelli olandesi, ma di tanto in tanto ci sono eccessi tempo.”

I turchi affrontano vigorosamente la violenza, dice Nagtzaam. Che si tratti di una manifestazione o di una partita di calcio, lo sforzo della polizia è enorme ovunque. “La Turchia è uno stato di polizia. Non solo nel calcio, anche se c’è solo un accenno di protesta, vedi anche che la polizia è lì come polli per mantenere la protesta il più piccola possibile”.

READ  MotoGP Rossi: "Mondiale aperto e divertente: anche Ktm regala il titolo"

Francia: ultras e teppisti

La violenza dei tifosi è un fenomeno persistente anche in Francia, afferma la corrispondente Eveline Bijlsma. “La tendenza è la seguente: la violenza è in aumento. Tra gennaio e ottobre dello scorso anno sono stati arrestati 211 sostenitori. Un anno prima erano 133. Si tratta principalmente di vandalismo, lancio di fumogeni sul campo”.

Bijlsma: “Secondo il DNLH, l’unità nazionale anti-teppismo, l’aumento è dovuto alla mancanza di guardie di sicurezza. È difficile trovare persone per questo”. Tuttavia, il corrispondente non vede “nessun ampio dibattito nazionale” sul problema in Francia. Gran parte della violenza avviene fuori dalla stazione, secondo Bijlsma. “I teppisti accettano di combattere da qualche parte. Dopo questi combattimenti, i feriti non vengono portati in ospedale”.

Anche il giornalista di calcio Mossou vede che i problemi in Francia sono grandi. Secondo lui, una grande differenza con l’Inghilterra, ad esempio, è che la polizia nei paesi dell’Europa meridionale agisce immediatamente con durezza. Si riferisce principalmente a Francia e Italia. Gas lacrimogeni, manganelli, vengono dispiegati rapidamente. “Ecco perché a volte vuole intensificare di più. In Inghilterra vanno di più per la riduzione dell’escalation”.

Inghilterra: leggi severe

L’Inghilterra è spesso citata come esempio lampante. Non perché abbiano misurazioni così originali lì, più a causa dell’app. In Inghilterra, il divieto dello stadio viene applicato in modo molto rigoroso, afferma la corrispondente Anne Saenen. Inoltre, negli stadi sono stati vietati i posti in piedi. “Di conseguenza, l’Inghilterra ha fatto molto bene contro la violenza negli stadi. Il pubblico negli stadi si comporta meglio”.

Perché c’erano abbastanza problemi. Soprattutto negli anni ’80, le cose spesso andavano male. Gli interventi hanno avuto successo, ma ciò non significa che non stia accadendo nulla. Mossou: “Di recente, un portiere del Tottenham Hotspur è stato preso a calci da un tifoso, quindi ci sono ancora incidenti”.

READ  Gazprom interrompe la fornitura di gas naturale russo all'Italia | Economia

E come detto prima, questi incidenti sono sempre più frequenti anche in Inghilterra. Lo si evince anche da un articolo del quotidiano britannico Il guardiano Settembre 2022. Durante la stagione 2021-2022, sono stati effettuati 2.198 arresti in giro per il calcio. Si tratta di un aumento del 59% rispetto alla stagione 2018-19. Saenen: “In Inghilterra pensano che abbia a che fare anche con l’aumento del consumo di droga”.

Non ci sono più incidenti in tutti i paesi del calcio. In Spagna si sente o si vede poco sui problemi dei tifosi. Il giornalista di calcio Mossu sa perché. “Ha a che fare con la cultura. Il calcio è più una gita in famiglia lì. Inoltre, andare in trasferta è molto più culturale”.

Ma c’è un altro motivo per cui le rivolte dei fan non avvengono lì, e potrebbe non sembrare molto piacevole. I biglietti per le partite di calcio in Spagna sono molto costosi, Mossou lo sa. Di conseguenza, le partite di calcio sono riservate all’élite. “Vedi succedere la stessa cosa in Inghilterra, dice Mossou. La Premier League sta diventando sempre più una festa per l’alta borghesia”.

Italia: la mafia in tribuna

La tensione a volte è alta in Italia tra tifosi rivali e ultras, dice il corrispondente Anouk Boone. “La violenza, che ha causato più di un morto, eruzioni e razzismo, ha raggiunto l’apice all’inizio di questo secolo, dopodiché il governo italiano ha introdotto ulteriori misure. Francoforte in Champions League concorso a Napoli.”

La mafia gioca un ruolo nel calcio italiano. Boone: “Capita regolarmente che nel gruppo ultra vengano inseriti estremisti o mafiosi. Un esempio noto è Rocco Dominello, un ‘ndranghetista (membro della mafia calabrese) che si è mescolato con vari gruppi ultra della Juventus. Vendita biglietti (illegale) , commercio Merci contraffatte e narcotraffico non sono estranei agli ultras”.

READ  Elsa (9) non sa parlare, non conosce un letto e non ha quasi cibo: la grave negligenza infantile sconvolge l'Italia | All'estero

Veicoli blindati e telecamere

In Italia sono già state prese misure contro la violenza. “Fiaccole, megafoni e tamburi sono ora vietati. Gli striscioni devono essere preventivamente approvati dai club. Su tutti i terreni sono presenti veicoli blindati e telecamere di sicurezza. I gruppi ultra avversari sono scortati nella loro sezione in vari momenti e non possono lasciare la loro sezione fino a dopo la partita fuori c’è silenzio, per evitare scontri diretti con i gruppi della squadra di casa”, spiega Boone.

Torna in Olanda per un po’. Perché può sembrare bello che non siamo gli unici ad avere problemi, non vanno via. La KNVB sta ora optando per un intervento più rigoroso e rapido. Resta da vedere se funziona, perché non è così che abbiamo avuto successo 20 anni fa, dice Mossou. “Intorno alla fine del secolo, negli stadi le cose andavano molto bene sotto molti aspetti, ad eccezione delle famose partite ad alto rischio. Poi c’era la possibilità di trattare i tifosi più spesso come persone normali. Ma anche allora abbiamo tenuto mettere i tifosi in gabbia e imporre tute da autobus obbligatorie. La normalizzazione richiede fegato ma è possibile, in Inghilterra è stato dimostrato per molto tempo, senza far capire che lì va sempre tutto bene”.

Mossou: “Sono a favore di un approccio incentrato sul perpetratore. Intervento duro, in combinazione con la normalizzazione. Questo è fondamentalmente quello che stanno facendo in Inghilterra. Ma temo che ora sia troppo tardi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *