Nuovo look tra le strisce di Encelado

Sono passati poco più di tre anni dallo spettacolo arrivederci Cassini. Era il 15 settembre 2017 quando il sonda Nasa-Esa-Asi affondato tra gli anelli di Saturno, che segna l’epilogo di una delle più famose e longeve missioni di esplorazione del sistema solare. Ma ancora oggi Cassini, che ha esplorato il gigante gassoso e le sue lune per saperne di più 13 anni, continua a occupare gli scienziati con la sua ricchezza di dati.

Ora i riflettori sono tornati Encelado, un piccolo satellite di Saturno, di cui si è già parlato molto per ilOceano che probabilmente si nasconde sotto l’involucro di ghiaccio sulla sua superficie. Ed è proprio la misteriosa superficie ghiacciata di Encelado ad essere oggetto di un nuovo studio condotto dalle immagini raccolte da Cassini. Ricerca, pubblicato su Icaro, è il risultato di una collaborazione tra ilUniversità di Nantes, il Jpl dalla NASA e Cnrs Francese.

Gli scienziati sono riusciti a creare ciò che è ancora il più dettagliato scheda a infrarossi della luna saturniana. Nell’immagine sopra puoi ammirare “5 profili»Da Encelado, corrispondente a diverse posizioni rispetto al suo pianeta. Quello in basso a destra risalta: è il Polo Sud, attraversato da suggestive venature rosse. Gli astronomi hanno osservato queste strutture in passato, definendole in modo molto suggestivo “strisce di tigre“Si tratta di fratture lunghe e parallele da cui, è stato ipotizzato, potenti pennacchi di vapore miscelare con ghiaccio.

La nuova carta conferma questa ipotesi, dimostrando così un intenso attività geologica al polo sud di Encelado. Non solo: secondo gli autori dello studio è presente anche un’attività simile Polo Nord. Ciò rivela informazioni preziose sull’età e sui possibili meccanismi della formazione lunare di Saturno.

READ  per questo le infezioni aumentano, parla VIROLOGA ILARIA CAPUA »ILMETEO.it

“Grazie a quegli occhi a infrarossi – commenta Gabriel a te dell’Università di Nantes e coautore dello studio, siamo stati in grado di tornare indietro nel tempo e vedere che una vasta regione dell’emisfero settentrionale di Encelado appare giovane come l’emisfero meridionale. Questa zona era probabilmente attiva non molto tempo fa, data una scala temporale geologica ”.

Tobie ei suoi colleghi hanno lavorato sui dati raccolti dallo spettrometro VIMS (Spettrometro di mappatura visibile e infrarosso) a bordo di Cassini. Durante la sua missione, la sonda ha volato attorno a Enceladus ben 147 volte, con 23 incontri ravvicinati. Durante questi incontri, VIMS ha raccolto molte informazioni su Temperatura e sul composizione della superficie del satellite di Saturno. Consentire oggi, dopo un’analisi di diversi anni, di entrare finalmente nei graffi della tigre di Encelado e non solo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *