Perché dopo 17 anni c’è ancora una battaglia per il depolder di Hedwigepolder

Sembrava una corsa finita, l’Hedwigepolder in Zelanda sarebbe stato senza dubbio allagato. Ma poiché la Schelda occidentale è inquinata da pfa, la resistenza contro il depolder sta crescendo.

Gli alberi erano stati abbattuti, le case erano state demolite e non restava che aspettare che la diga venisse sfondata e che l’acqua scorresse. Almeno questo era il piano.

17 anni fa

L’appaltatore incaricato dell’allagamento del polder aveva già avviato i preparativi nel 2020. Ma la scorsa estate si è appreso che l’acqua era contaminata da pfa: sostanze chimiche (sostanze poli e perfluoroalchiliche) create dall’uomo, che possono essere dannose per la salute e l’ambiente.

Di conseguenza, la discussione sulla depolding della duchessa Hedwigepolder si riaccese. Da quando è stato deciso nel 2005 che il polder sarebbe stato allagato, c’è stata una forte resistenza.

anche guardare

Ritardo

“Non avremmo mai voluto che questo polder venisse sommerso. Ma ora abbiamo l’opportunità di indicare che questa decisione deve essere rivista”, afferma il consigliere di Hulst Jos van Eck.

A nome del suo partito HulstPlus, dell’intero consiglio comunale e di B&W del comune, Van Eck ha scritto una lettera al ministro Harbers delle infrastrutture e della gestione dell’acqua. Il messaggio di questa lettera: rimandare il depolder al 2024. “Crediamo che la diga debba rimanere intatta e che prima si debba fare uno studio sanitario”.

Bagno di fango

Il fatto che la Schelda occidentale sia inquinata da PFA è dovuto all’impianto chimico 3M di Zwijndrecht, in Belgio. La fabbrica ha scaricato per anni sostanze tossiche nella Schelda.

“Se l’Hedwigepolder viene allagato, alimentato con l’acqua della Schelda occidentale, l’intera area sarà completamente distrutta. Cosa otterremo? Lo chiamiamo un bagno di fango che verrà creato, che sarà completamente inquinato dalle varie sostanze tossiche “, afferma Van Eck.

READ  Coronavirus, l'analisi della Gimbe Foundation: "Inizio terza ondata"

ritorno alla natura

Nel 2005 si decise di approfondire la Schelda occidentale, in modo che il porto di Anversa fosse accessibile anche alle navi più grandi.

Ma poiché la natura è andata perduta durante questo approfondimento, i Paesi Bassi e il Belgio hanno convenuto che questa natura dovrebbe essere compensata. Decisero che l’Hedwigepolder doveva essere allagato e quindi restituire alla natura.

anche guardare

Nessuna riserva naturale

Dopo anni di discussioni sul depolder, la Corte Suprema ha deciso nel 2018 che il governo centrale potesse perseguire l’espropriazione dell’Hedwigepolder. Ma l’ex proprietario non si è ancora rassegnato al fatto che il polder sarà allagato.

“Abbiamo avviato un procedimento sommario con il Consiglio di Stato per fermare il depolder. Solo ora si è avverato quanto abbiamo sempre detto, ovvero che non si tratterà di una riserva naturale ma di una discarica, inquinata da pfas “, afferma Hans Mieras, l’avvocato dell’ex proprietario Gery de Cloedt.

“Peccato eterno”

Mieras ha chiesto al tossicologo Jacob de Boer ricercare alla qualità dell’acqua della Schelda occidentale. “Dimostra che ci sono davvero molti pfas nell’acqua.”

“Ha scoperto che c’era così tanto pfa vicino all’Hedwigepolder che corrispondeva a un impianto di trattamento delle acque reflue. È un vero peccato che un’area così pulita sia inquinata”.

anche guardare

Prenditi cura della salute

C’è resistenza al depolder anche a livello provinciale. Il deputato dell’SP Ger van Unen è anche residente locale preoccupato per la salute dei Zealanders a causa della presenza di pfas nella Schelda occidentale.

“Ho combattuto molto duramente per un’indagine sulla popolazione, che arriverà ma non c’è ancora. Si tratta di non fare breccia finché non sapremo cosa sta realmente succedendo nella Schelda occidentale e cosa fa alla salute dei residenti locali”.

READ  Apice di freddo, a volte neve in pianura. Situazione e previsioni «3B Meteo

Petizione

Durante una visita del ministro Harbers of Infrastructure and Water Management nella provincia della Zelanda, Van Unen ha presentato una petizione con 800 firme chiedendo l’arresto del depolder.

“Mi tocca davvero emotivamente il fatto che la salute pubblica delle persone che vivono qui, a cui non importi affatto. La salute pubblica è prima di tutto legislazione per quanto mi riguarda”.

Ger van Unen

“Non abbiamo ancora finito con noi”

La diga intorno all’Hedwigepolder può essere attraversata solo a settembre perché il rospo natterjack cerca solo un posto per ibernarsi. Questo dà agli avversari il tempo di fermare il depolder attraverso un’azione legale.

“Il ministro non ha affatto chiuso con noi e questa non è solo la nostra opinione. Qui è ampiamente supportato”, afferma Van Eck.

Fiducia

L’ex proprietario spera di poter recuperare la sua terra e ristrutturarla come una volta. “Ha sempre avuto questo come suo obiettivo. Era contrario al depoldering, è contrario al depoldering e rimane contro il depoldering”, spiega il suo avvocato Mieras.

E se il giudice è d’accordo con il ministro e che il dépolderage può continuare? Van Eck: “Quindi non lo so più neanche io, speriamo che la gente si renda conto che non è possibile”.

Vedi il rapporto qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.