Perché le varianti del coronavirus si stanno diffondendo in tutto il mondo

Nei paesi in cui si sono diffusi varianti mutate del coronavirus si osserva un corrispondente aumento esponenziale della trasmissione virale. Questo è stato trovato nel caso della variante inglese del virus, osserva come B.1.1.7 e denominato VOC 202012/01 da Public Health England (PHE), acronimo con cui l’agenzia governativa del Dipartimento per la salute e gli affari sociali del Regno Unito ha indicato la variante preoccupante (Variante di preoccupazione) identificato per la prima volta in Inghilterra, Londra e nel sud-est della capitale, dove divenne maggioritario da una minoranza, diffondersi rapidamente in tutta la Gran Bretagna.

Il vantaggio delle varianti mutate

I primi studi attribuivano questa velocità di diffusione a aumento della capacità infettiva, calcolato dall’Imperial College di Londra con un Rt (il numero di riproduzione che indica quante persone, in media, sono infettate da un individuo già positivo) tra 0,4 e 0,7 in più rispetto al virus originale. Ciò significa che una variante con ha un vantaggio dal 40 al 70% in termini di contagiosità “questo può portare a una crescita esponenziale dei casi e travolgere il sistema sanitario già esaurito nei paesi in cui il numero di casi di Covid-19 è in aumento, »Spiega in un articolo di La conversazione ricercatore Sarah Otto, professore di biologia evolutiva presso l’Università della British Columbia a Vancouver, Canada.

La selezione naturale gioca un ruolo decisivo. Alcune mutazioni o combinazioni di mutazioni possono conferire un vantaggio selettivo al virus, favorendo l’emergere di ceppi in grado di sopravvivere e diffondersi in modo più efficiente. Un esempio è dato dal vantaggio conferito dalle sostituzioni o delezioni del gene S che codifica per la proteina Spike utilizzata dal virus per entrare in contatto with the enzima di conversione dell’angiotensina-2 (ACE2), the via di ingresso nelle umane cell, like , Come le mutazioni N501Y e la delezione H69-V70 a cui i ricercatori attribuiscono rispettivamente una maggiore affinità di legame al recettore cellulare ACE2 e un più difficile riconoscimento da parte degli anticorpi, consentendo alla variante mutata di infettare le cellule con maggior successo.

READ  L'equazione di Dirac, simbolo di inguaribili romantici

Sebbene il significato funzionale delle mutazioni genetiche esistenti sia scarsamente compreso, ciò che è emerso finora suggerisce che i virus con i vantaggi visti nella variante inglese e presumibilmente in quella sudafricana (B.1351) e brasiliana (P .1) “travolgeranno molti paesi nei prossimi mesiHa aggiunto il professor Otto, riferendosi all’ultimo report dai Centers of Disease and Control (CDC) negli Stati Uniti, indicando come la variante B.1.1.7 abbia il potenziale peggiorare la situazione pandemica nei prossimi mesi negli Stati Uniti.

Siamo in una corsa contro l’evoluzione virale – conclude Otto -. Dobbiamo distribuire i vaccini il più rapidamente possibile e arginare la circolazione delle varianti, limitare le interazioni e il movimento, nonché controllare la diffusione, aumentare la sorveglianza e la tracciabilità dei contatti“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *