Pericolo invisibile di missili ipersonici |  Scienza

Pericolo invisibile di missili ipersonici | Scienza

Pericolo invisibile di missili ipersonici |  Scienza

‘Ipersonico’ o ‘ipersonico’, come si dice, è una specie di superlativo di ‘sonus’, la parola latina per ‘suono'”, afferma l’esperto Patrick Bolder del think tank HCSS. “Ciò significa che sei ‘eccessivo’ molto più veloce del ‘suono’. Da cinque a venti volte. Quindi da 6.000 a 24.000 km/h, che va da Mach 5 a Mach 20.

L’ex tenente colonnello dell’Air Force dubita che Vladimir Putin abbia effettivamente sparato un missile ipersonico. Un deposito di armi è ai suoi occhi un obiettivo molto piccolo per una cosa così costosa.

“Ce l’hanno, ma non l’ho visto schierato”, ha detto lo specialista di armi ad aria compressa. “Penso che sia un bluff, un segnale. Un missile del genere può percorrere una distanza di 2000 km, quindi l’Occidente non pensa che sia sicuro”.

Gioiello

Si riferisce al missile Kindzhal, che viene lanciato da un caccia MiG. Un altro fiore all’occhiello supersonico è lo Tsirkon, che è stato testato da un sottomarino lo scorso ottobre ma era stato precedentemente lanciato da una fregata. Questo missile da crociera, utilizzabile principalmente contro le navi, vola a una velocità di Mach 7 (8400 km/h) ma ha una gittata “solo” da 250 a 500 km. E poi i russi hanno l’Avangard, che arriva a Mach 20 e viene sparato da un’installazione a terra.

La guerra ipersonica combina due proprietà dei missili “tradizionali”: la velocità di un missile balistico, che è anche più veloce del suono, e la manovrabilità di un classico missile da crociera. Ma per raggiungere questa velocità, un’arma ad aria ipersonica, a differenza di un missile balistico, non deve lasciare l’atmosfera in un’orbita parabolica fino a 250 km di altitudine.

READ  12 fenomeni naturali, uno al mese, da vedere almeno una volta nella vita

Atmosfera

“Rimane a circa 80 chilometri di altitudine, appena al di sotto del limite dell’atmosfera ed è così manovrabile che può persino cambiare orbita”, spiega Patrick Bolder. “Ciò gli consente di aggirare il sistema di difesa missilistica statunitense. Poiché vola così basso, entra nella zona di rilevamento del radar di terra solo all’ultimo momento e c’è troppo poco tempo per reagire”.

Americani ed europei stanno sviluppando contrappesi ipersonici ai missili russi e cinesi. Tuttavia, non sono ancora operativi.

Obiettivi in ​​mare

Il media online francese Meta-Defense ha riferito a febbraio che il Pentagono vuole utilizzare il missile SM-6 per contrastare le minacce ipersoniche il più a lungo possibile. Un SM-6 può, attraverso il suo radar di bordo, ingaggiare bersagli oltre l’orizzonte radar della rampa di lancio. Inoltre, può anche attaccare obiettivi navali e missili balistici nell’atmosfera.

È un momento interessante ma preoccupante per gli specialisti della difesa perché i missili supersonici possono essere equipaggiati con testate nucleari. “Sì, ci sono molte sfide”, riconosce il tenente colonnello bd

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *