Psicologia della folla, opinione degli esperti: un desiderio pericoloso per la normalità e il cinismo

In poche ore, ci siamo ritrovati a sperimentare alfa e omega. L’entusiasmo del rallentamento delle restrizioni e di nuovo l’incubo della chiusura. Zona gialla, shopping natalizio, invito a spendere con cashback, i ristoranti aperti hanno spinto i cittadini in piazza, creando pericolosi raduni. Il governo ha capito che ci stiamo dirigendo direttamente verso una terza ondata, ancora più disastrosa. Ma che effetto hanno avuto questi messaggi contrastanti?

**** Iscriviti alla nostra newsletter speciale sul Coronavirus

“ESCI E CONSUMA” IN MODO CHE L’INVITO AL TEMPO LIBERO SIA PER TUTTI

La folla che ha invaso i centri cittadini, i ristoranti, i bar, i negozi questa domenica in una sorta di allegro “tutto libero” destano legittimamente perplessità e preoccupazione tra coloro che leggono i numeri della pandemia con la sua inarrestabile catena di morti. Tuttavia, non era difficile aspettarselo e non può essere attribuito esclusivamente o principalmente alla sconsideratezza di coloro che pensano che non sarà il suo turno. Se, nonostante l’incidenza di contagi e decessi, non si accenna a diminuire, il governo, sotto la pressione della maggioranza dei parlamentari e dei presidenti regionali, dichiara “gialla” gran parte delle regioni e sollecita consumo con cashback, qual è il messaggio ai cittadini? Esci e consuma. A maggior ragione se il messaggio arriva dopo una lunga astinenza e dopo il Natale. Anzi, è anche possibile che accompagnando l’invito al consumo all’evocazione di una terza ondata, peggio, come conseguenza del “tutto gratis” di oggi, rischi di spingere le persone a trarne il massimo vantaggio. libertà, perché non sanno cosa succederà domani. . L’obiettivo non è la folla, che è piuttosto il prezzo da pagare, come le lunghe file per entrare in un ristorante che normalmente sarebbe il più scoraggiato. L’obiettivo è prendere un po ‘di libertà. Se tutti, o più, vogliono fare le stesse cose negli stessi luoghi e nello stesso momento, sii paziente.

READ  Correnti turbolente nell'oceano di Encelado?

Infantile? Irresponsabile? Può essere. Ma parte della colpa risiede nei messaggi schizofrenici della politica e principalmente dei governi nazionali e locali (comprese le scuole chiuse e il consumo aperto). E anche una comunicazione che, anziché chiedere a tutti di assumersi la responsabilità, utilizza il linguaggio più che paternalistico di un sovrano assoluto: “Permettiamo, permettiamo, vietiamo”. Forse anche per questo, quando suona la campana della rientranza, tutti si danno da fare per uscire dall’aula.
CHIARA SARACENO (sociologa)

I MORTI NON SONO SERVITI, DIAMO IL BENVENUTO A UN CINISMO CHE DEVE ESSERE UMANO

Le persone mediocri osservano, le persone intelligenti prevedono. Cerchiamo di uscire dalla mediocrità di chi invade le vie dello shopping, altrimenti sarà un disastro. Non voglio fare un fascio di tutta l’erba, ma provo una profonda disillusione con coloro che si riversano nel fruscio e nella vita notturna della città perché avrei sperato che 65.000 morti di Covid ci avrebbero insegnato qualcosa. E al contrario, stiamo assistendo a manifestazioni di cinismo di cui dovremmo vergognarci, a cominciare dal cinismo di chi non ha organizzato servizi adeguati nel sistema sanitario. Il cancelliere Merkel, con meno morti di noi, ha parlato alla nazione con voce tremante, mentre i nostri politici non possono nemmeno chiedere scusa per gli errori commessi. Per non parlare del cattivo esercizio della libertà dei cittadini. Le persone lasciano le loro case e partecipano a folli manifestazioni per un malinteso esercizio di libertà. Senza capire che la libertà è espressione di responsabilità e rispetto come accade nell’amore. Assistiamo invece al cinismo di chi non teme di diventare un vettore di contagio per i più fragili come gli anziani. Un atteggiamento che nasce anche dal fatto che il lavoro e l’economia sono considerati più importanti di ogni altra cosa. Ma mi chiedo: come lavora un operaio malato o un manager o un commerciante? Dovrebbe essere chiaro che l’aspetto più importante è la salute. Nei media assistiamo all’onnipresenza di virologi ed epidemiologi a scapito di chi ha a cuore la dimensione psicologica delle persone. Quest’ultimo ha bisogno di maggiori attenzioni, perché se continuiamo a non capire le prove dei raduni ci stupiremo, domani, per il rifiuto di tante persone di farsi vaccinare contro il coronavirus per il semplice gusto di fare il marameo. nello stato.

READ  È stata identificata una nuova mutazione virale

PAOLO CREPET (psichiatra)

testo raccolto da Grazia Longo

IL DESIDERIO DELLA NORMALITÀ CI MANCA DI PAURA. MA QUESTO È MOLTO PERICOLOSO

Ci sono molte ragioni per cui le persone affollano i centri delle città. Dalla comunicazione non lineare delle istituzioni. Perché quando dai il via libera alle uscite, devi immaginare che porterà alla folla. Inoltre la voglia di normalità, per rituali come lo shopping natalizio può essere molto forte, il che aiuta a dare una sensazione di normalità a chi ha paura del coronavirus. È una sorta di meccanismo di difesa che, tuttavia, può diventare molto pericoloso. Allo stesso tempo, c’è un forte desiderio di libertà, soprattutto legato all’ansia, all’incertezza sul futuro perché a causa della comunicazione non lineare delle istituzioni, le persone tendono a sfruttare i permessi per uscire perché temono di non poterlo fare nel prossimo futuro. Purtroppo, è sorta un’ulteriore confusione tra isolamento e solitudine. Se l’isolamento è utile, soprattutto per gli anziani, per difendersi dal virus, la solitudine è sinonimo di ansia e carenze emotive. È quindi necessario rafforzare la rete familiare per evitare che l’isolamento diventi sinonimo di solitudine. Ad esempio, le tecnologie come le videochiamate possono aiutare. Ma soprattutto bisogna ricordare che ciò che conta più della quantità è la qualità. Sempre senza tralasciare il significato più ampio di libertà: le regole sono per chi non sa regolamentare. È chiaro che gli atteggiamenti di massa irresponsabili devono essere evitati. Occorre un maggior senso di responsabilità individuale a favore del gruppo. I giovani che invadono le strade della movida non lo fanno per indifferenza verso chi è più a rischio, ma per superficialità, mancanza di responsabilità.

READ  Il modo rivoluzionario per smettere di fumare. La scienza trova una cura

ALBERTO SIRACUSANO (psichiatra)

testo raccolto da Grazia Longo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *