Questo è il potere della gratitudine nei festival

La salute mentale dei giovani è stata duramente colpita dal coronavirus negli ultimi due anni. Cifre concrete: circa mezzo milione di giovani ha dovuto fare i conti con disturbi mentali nel 2021, secondo ricerca da CBS† Cosa possiamo fare per migliorare la salute mentale? Secondo l’iniziativa “We Spark The World”, ha tutto a che fare con la gratitudine. “La gratitudine non viene dalla testa, viene dal cuore. » Lo scorso fine settimana questo è stato testato al Defqon.1 Weekend Festival a Biddinghuizen e Metropolitana era qui.

We Spark The World è stato creato, tra gli altri, da Levi van Dam, pedagogo del rimedio e scienziato dell’Università di Amsterdam. Dice che l’iniziativa è nata dopo il secondo coronalockdown. “In collaborazione con l’agenzia creativa Public Cinema, abbiamo ricevuto una proposta da Thrive mentalmente sano e dal comune di Amsterdam per incoraggiare i giovani”.

Van Dam è anche il creatore e co-fondatore della JIM Foundation, una fondazione che si concentra sul miglioramento dell’assistenza ai giovani. “Sappiamo fin dalla fondazione che la gratitudine e la gratitudine verso le persone intorno a voi hanno un effetto positivo sui giovani. È un farmaco potente ed è ben documentato. Ma come lo formi da giovane?

Gratitudine alle feste

Van Dam si è messo subito in contatto con Wouter Tavecchio, membro del consiglio di ID&T Group. Questo scatto gli suonava come musica da festival. “Circa un milione e mezzo di giovani attraversano i nostri eventi ogni anno, rendendo i festival un luogo ideale per presentare questa forma di gratitudine ai giovani. La gratitudine è una delle cose migliori che puoi fare per migliorare la tua salute mentale aumento dare.”

READ  Ecco il primo panorama a 360 ° della perseveranza della NASA dai tempi di Marte

Concretamente, l’idea si concretizza in un “Gratitude Booth”: un luogo all’interno di un festival dove i visitatori possono manifestare la loro gratitudine attraverso un videomessaggio o una foto. Van Dam spiega che questa è una variazione moderna della lettera di gratitudine. “È stato studiato che scrivere una lettera di gratitudine in cui ringraziare una persona cara funziona molto bene. Ma richiede anche molto sforzo allo stesso tempo. Non è realistico in un festival.

Ma i partecipanti al festival si aspettano davvero una tale espressione di gratitudine tra due feste? “Resta da vedere”, ammette Tavecchio. “È anche un esperimento per noi, guardiamo a cosa funziona. Se vogliamo cambiare l’atteggiamento dei giovani, dobbiamo dar loro tempo. Ma se mostriamo sempre ai festival che il potere della gratitudine è enorme, speriamo che influenzerà questi giovani”.

Grato durante Defqon.1

Lo scorso fine settimana l’iniziativa è stata al festival degli stili più duri Defqon.1 a Biddinghuizen per tutto il fine settimana. Metropolitana era lì per provare il sentimento di gratitudine verso se stesso. In questo momento non è proprio burrascoso, ma è probabilmente dovuto all’ora in cui siamo presenti: venerdì, all’inizio del pomeriggio. Il sito del festival è aperto solo per poche ore in questo momento. Ci si aspetta che la maggior parte dei visitatori diventi curiosa nel tardo pomeriggio, quando bevono un drink (o due) nei loro corpi. Scopriamo che le persone che vengono a dare un’occhiata, tuttavia, continuano a visitare il sito del festival con il sorriso sulle labbra.

suscitiamo il mondo, gratitudine ai festival, defqon.1
Foto: Sharon van der Werf per Metro

Una bella aggiunta in più sono gli adesivi gratuiti con espressioni di gratitudine e complimenti che vengono distribuiti. Li abbiamo visti in molti posti inaspettati a fine giornata, come sulle magliette, negli armadietti e sulle porte di vari Dixies.

READ  Ingrediente mancante della ricetta della materia oscura: spazio e astronomia

L’impatto della gratitudine sui giovani

Ritorno a Tavecchio e Van Dam. Quale impatto sperano che questa azione a lungo termine abbia sui giovani? “Sarebbe il meglio che potremmo fare se gli stessi partecipanti al festival esprimessero la loro gratitudine. Non solo al festival, ma anche nella loro routine quotidiana”, condivide Tavecchio.

“Il nostro obiettivo finale è ambizioso, ma vorremmo che desse ai giovani le capacità per sentirsi più grati”, aggiunge Van Dam. “Ci auguriamo che questo possa far sentire meglio i giovani con se stessi, in modo che non debbano bussare alla porta di uno psicologo o di un consulente così rapidamente. Vedete un tale aumento della richiesta di aiuto in questo momento, e sarebbe fantastico se potessimo avere una qualche influenza su questo.

Altri articoli sulla salute (mentale) su Metropolitana Giglio? Li troverai qui.

Manon è un nutrizionista: ‘Una dieta? Non funziona affatto!’

Hai visto un errore? Mandaci una email. Ti siamo grati.

Risposta all’articolo:

Ballo, drink e gratitudine ai festival: ‘Svalutiamo il potere della gratitudine’

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.