Sempre più economisti si aspettano una leggera contrazione, “ma è necessaria”

Sempre più economisti si aspettano una leggera contrazione, “ma è necessaria”

PAPÀ

Notizie ONS

  • Carli Kooijman

    redattore di economia

  • Carli Kooijman

    redattore di economia

Dopo Rabobank, ora anche Ing si aspetta una leggera recessione: la banca prevede una contrazione di mezzo punto percentuale nella seconda metà di quest’anno, secondo le previsioni richieste dal NOS. Rabobank ha precedentemente segnalato a leggera recessione fornire. Per l’intero anno 2022, le banche prevedono ancora una leggera crescita, poiché le cose sono andate ancora relativamente bene nella prima metà dell’anno.

La Nederlandsche Bank (DNB) non parla di recessione, ma pensa che la crescita economica quasi si ferma† La maggior parte degli economisti sembra concordare sul fatto che l’economia rallenterà comunque un po’.

“Se c’è una recessione, sarà una recessione anomala”, afferma Marieke Blom, capo economista di ING. “In una recessione le persone spesso pensano a un’elevata disoccupazione, ma non ce lo aspettiamo. Vediamo che quasi tutti stanno soffrendo finanziariamente a causa degli alti prezzi dell’energia, in particolare dei bassi redditi”.

Una recessione potrebbe anche essere necessaria per combattere l’inflazione elevata, pensa Lex Hoogduin, professore di economia ed ex membro del consiglio della DNB: “È difficile immaginare che possiamo sbarazzarci dell’attuale inflazione senza una recessione”.

Recessione ancora prevista

Secondo ING, tra l’altro, i forti aumenti dei prezzi sono ora il motore di una lieve recessione. Energia, carburante e cibo, tra l’altro, continuano a diventare più costosi – anche a causa della guerra in Ucraina – e gli aumenti salariali concordati in vari settori non sono sufficientemente elevati per assorbire questi costi crescenti.

L’inflazione è così alta che devi fare pressione sulla domanda per far scendere i prezzi.

Lex Hoogduin, Professore di Economia all’Università di Groningen

“Se guadagni così tanto ma i prezzi salgono, o i prezzi salgono più velocemente del tuo stipendio, ti rimarranno meno soldi e sarai costretto a tagliare le spese o risparmiare di meno”, afferma Marcel Klok, responsabile della stima di ING. . “Mangiare meno nei ristoranti, una vacanza in meno all’anno, soprattutto per i redditi più alti”. Per chi ha i redditi più bassi, tagliare questo tipo di spesa per il lusso spesso non è un’opzione perché è già difficile cavarsela, secondo Klok. Una ricerca del Central Planning Bureau mostra che in uno scenario di prezzi costantemente elevati, 1,2 milioni di famiglie problemi di pagamento può ottenere.

READ  Rutte convoca il gabinetto anziano per ulteriori consultazioni sulla sconfitta elettorale

Il calo della domanda che tutto questo genera significa che anche le aziende stanno realizzando meno vendite e profitti, il che potrebbe portare a una contrazione dell’economia. ING ne vede già i primi segnali: da a analisi I pagamenti mostrano che gli olandesi hanno speso il 3% in meno a giugno rispetto a maggio.

La recessione è un farmaco con effetti collaterali

Anche l’aumento dei tassi di interesse annunciato dalla Banca centrale europea (BCE) gioca un ruolo, secondo l’ex direttore della DNB Hoogduin. Ciò rende l’indebitamento più costoso per le imprese, i governi e le famiglie. Quindi stanno spendendo meno soldi, si pensa, il che farà scendere i prezzi.

“L’obiettivo di aumentare i tassi di interesse è di portare l’inflazione al 2%”, ha affermato Hoogduin. Questa è la percentuale a cui punta la BCE.

Accumuleranno personale.

Marieke Blom, capo economista di ING

L’inflazione può quindi essere controllata a scapito della crescita economica. Secondo Hoogduin, è persino necessario. “L’inflazione è così alta che devi fare pressione sulla domanda per far scendere i prezzi”.

Un atterraggio morbido, in cui l’aumento dei tassi di interesse porta a una riduzione dell’inflazione ma non a una recessione, sembra irrealistico a Hoogduin: “L’economia non è un aeroplano, dove puoi calcolare con la fisica quale sia l’atterraggio ottimale. Non sai mai esattamente come reagiscono le persone a un aumento dei tassi di interesse”.

Tuttavia, vale la pena provare a recuperare la nostra economia sovraccaricata da un’inflazione elevata e da un mercato del lavoro teso a lungo termine, afferma: “Una recessione a breve termine è una medicina. Ma con effetti collaterali”.

Precariato autonomo

Fa due osservazioni: la situazione dei lavoratori autonomi sta diventando molto incerta e più a lungo durerà la recessione, più i datori di lavoro dovranno licenziare.

“Ora abbiamo un mercato del lavoro rigido, ma una recessione potrebbe ribaltare la situazione”, afferma Hoogduin. “Forse tra qualche anno torneremo a parlare di disoccupazione eccessiva”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *