Si moltiplicano le critiche ai modelli climatici: “Sono ipotesi folli e futuristiche”

Si moltiplicano le critiche ai modelli climatici: “Sono ipotesi folli e futuristiche”

“Futuri possibili”. Così Detlef van Vuuren chiama i risultati degli studi modello con cui studia la politica climatica e abbozza scenari per la riduzione delle emissioni di gas serra. Van Vuuren è considerato uno dei principali scienziati del clima sulla base di ciò che viene chiamato modelli di valutazione incorporati (IAMs) mostra come si possono raggiungere gli obiettivi dell’Accordo sul clima di Parigi. È stato uno dei due principali autori olandesi che hanno contribuito al rapporto dell’IPCC, il panel di scienze climatiche delle Nazioni Unite, che sarà pubblicato questo lunedì pomeriggio.

Secondo Van Vuuren, i modelli che usa sono “utili per impedirti di abbozzare qualcosa, per evitare che diventi fantascienza”, ha detto in una videochiamata. “In tal modo, inserisci il risultato di questo tipo di calcoli del modello in un dibattito sui futuri possibili e desiderati. I modelli aggiungono conoscenza sulla coesione e possibilità tecniche. »

Ma critichiamo anche questi modelli climatici integrali. Non terrebbero sufficientemente conto del comportamento umano e del processo decisionale politico. Sarebbero troppo ottimisti sulle soluzioni tecnologiche. E non possono spiegare tutti i tipi di sviluppi imprevedibili. Prendiamo, ad esempio, i due più grandi eventi sociali degli ultimi anni, la crisi del coronavirus e la guerra in Ucraina. Possono avere un impatto notevole sulle emissioni, ma non puoi vederli arrivare, quindi non sono inclusi nei modelli di Van Vuuren.

La scienza del clima era troppo lenta per me

Wolfgang Knorr ricercatore

storie

“I modelli di computer raccontano solo storie”, afferma il climatologo tedesco Wolfgang Knorr. Suona in qualche modo peggiorativo, ed è inteso in questo modo. “Sono considerati modelli matematici e quindi hanno un tocco scientifico, perché vi si inseriscono dei dati e perché contengono equazioni sulla domanda e sull’offerta, sull’elasticità del prezzo. Ma vengono fatti tutti i tipi di ipotesi arbitrarie e vengono fatte scelte fondamentali sull’elaborazione di questi dati. Ad esempio, un’equa distribuzione dei diritti di emissione e delle materie prime non è mai un’opzione e il consumo di energia è esclusivamente guidato dalla domanda e non basato su decisioni democratiche. Le persone possono usare tutta l’energia che possono permettersi. I modelli assomigliano a un gioco di Monopoli, che non puoi mai vincere in base al principio dell’equa distribuzione. »

FotoGetty Images

Knorr ha scritto sul sito web della scienza due anni fa, insieme ai colleghi James Dyke e Robert Watson La conversazione un articolo critico su questi tipi di modelli di computer – la storia ha raggiunto rapidamente 500.000 lettori durante la Giornata della Terra tramite Apple News. Secondo gli autori, i modelli creano un mondo che sembra logico e accattivante perché fa sembrare tutti gli obiettivi realizzabili. Di conseguenza, i modelli forniscono un falso senso di controllo.

READ  L'immagine unica dell'astronauta della NASA cattura le tracce stellari e la Terra dalla Stazione Spaziale Internazionale | Scienza

Ajay Gambhir è ricercatore presso il Grantham Institute for Climate and Environment dell’Imperial College di Londra. Sebbene lavori anche lui con gli IAM, pensa ancora che la loro importanza sia sopravvalutata. “Sono trattati come solide prove scientifiche, ma sono astrazioni della realtà”, ha detto Gambhir in una videochiamata. “Si affidano troppo al modello neoliberista di crescita, crescita, crescita. Ma i risultati non si riferiscono necessariamente al mondo reale. Anche i suoi sviluppatori sono nel paese modello.

Gambhir cita l’esempio del bilancio del carbonio, che è la quantità di CO2 che l’umanità può ancora emettere prima che venga superato il grado e mezzo di riscaldamento. “C’è un budget di circa 400 gigatonnellate per rimanere al di sotto di 1,5 gradi Celsius. E ora emettiamo circa 40 gigatonnellate all’anno. Allora sai che devi scendere molto velocemente. Non hai bisogno di modelli complicati per questo. La complessità del mondo reale non può essere catturata dai modelli.

Leggi anche: Il grado uno e mezzo è morto

Fai tutto il puzzle

Van Vuuren conosce i critici. Sa anche che i modelli hanno i loro limiti, ma per lui questo non toglie nulla al valore. “La cosa bella dei modelli è che ti costringono a mettere insieme l’intero puzzle della riduzione delle emissioni”, dice. “Posso dire che posso risolvere il problema climatico solo con le turbine eoliche. Ma se devo lavorarci su un modello, devo pensare a tutto. La sola elettricità è sufficiente o sono necessarie anche altre forme di produzione di energia? Posso progettare un impianto elettrico basato sull’energia eolica che sia sufficientemente stabile? Di quanta terra ho bisogno? La forza del modello è che alla fine devi scrivere l’intera storia. E così lo facciamo per diversi futuri, compreso il cambio di modo di vivere e restrizione della crescita fisica.

Diventa più difficile, ammette Van Vuuren, una volta che inizi a pensare a un futuro lontano. “In definitiva, molto è concepibile nel 2100.” Inoltre, secondo lui, i modelli climatici lottano anche con “futuri radicalmente diversi”. Prendi un flusso di corrente come ‘decadimento‘, un concetto che presuppone una riduzione dei consumi e quindi una contrazione economica. Per uno scenario del genere, il passato ha poco da ricordare, afferma Van Vuuren. “E questo va a scapito della potenza del modello, perché è difficile delineare in dettaglio come sarà un simile futuro. Ma questo non si applica solo ai modelli di computer. Tutti coloro che sostengono la decrescita affrontano lo stesso problema. Non è mai stato provato, quindi sai meno di come sarà un futuro del genere.

READ  Prurito ed eruzioni cutanee dal bruco raso bastardo? Devi farlo

Wolfgang Knorr concentra le sue critiche principalmente sulla cattura e lo stoccaggio dell’anidride carbonica. Questo accade in molti scenari modello in quantità così grandi che è del tutto irrealistico, secondo Knorr. “In alcuni scenari IAM, 665 gigatonnellate di CO2 essere rimosso dall’atmosfera. Circa la metà dovrebbe essere immagazzinata in formazioni geologiche idonee e giacimenti di gas esauriti, mentre il resto dovrebbe essere occupato da foreste appena piantate. Sai quanto CO2 è stato sepolto sottoterra tra il 1996 e il 2020? 0,2 gigatonnellate. E per ottenere abbastanza CO2 per catturare sugli alberi, hai bisogno del 25-80% dell’attuale terreno coltivato, o 1,2-3,7 volte più grande di tutta l’India.

Sono storie fantastiche, dice Knorr, piene di “presupposti folli e futuristici”. E fintanto che i modelli climatici continuano a suggerire che gli obiettivi sono ancora raggiungibili, avranno un effetto ritardante sulla politica climatica, secondo Knorr. Porterà i politici a sedersi e pensare che le cose non stanno andando così in fretta.

Un’ispirazione per ‘Parigi’

Van Vuuren è fortemente in disaccordo con questo. “Gli studi sui modelli esplorano molti futuri e dobbiamo metterci al lavoro rapidamente in ognuno di essi. Nelle formulazioni dell’Accordo di Parigi, riconoscerai molti testi che attingono ai risultati di Questa è l’unica ragione per cui i decisori hanno osato fare formulazioni così ambiziose, per esempio sull’obiettivo a lungo termine di un grado e mezzo, ma anche sull’obiettivo delle zero emissioni nette entro la metà del secolo, formulabili grazie agli scenari modello che lo dicevano tecnologicamente ed economicamente fattibile. Parigi è stata un’ispirazione per i governi e le imprese. Il fatto che abbiamo così tante notizie sul clima è dovuto all’accordo di Parigi. I modelli hanno sicuramente contribuito in modo positivo a ciò che siamo oggi”.

Van Vuuren ha notato che ai responsabili politici piace nascondersi dietro i risultati dei suoi modelli. “Ridurre i gas serra è un compito molto difficile. Devi spiegare alla società che dobbiamo fare molte cose in modo diverso rispetto a prima, a costi considerevoli, certamente a breve termine. È quindi piacevole per un decisore dire: non l’ho inventato io, devo farlo. È interessante assolutizzare l’opinione degli scienziati.

READ  La NASA invia altri due piccoli elicotteri su Marte | Tecnologia

Ma alla fine, dice Van Vuuren, queste sono scelte politiche. È qui che risiede il mandato della politica climatica. “Ecco perché cerco di descrivere i pro e i contro delle scelte nel modo più neutrale possibile. Penso che sia proprio per questo che riesco a convincere più persone che questa è la strada giusta. È anche un ruolo che mi si addice. più scienziati stanno iniziando a sentirsi a disagio perché pensano che la politica climatica si stia muovendo troppo lentamente.

Wolfgang Knorr è una persona del genere. Quando ha scritto l’articolo per The Conversation due anni fa, lavorava ancora come ricercatore di geografia fisica ed ecosistemi presso l’Università di Lund. Ora vive in Grecia, dove gestisce un uliveto con sua moglie. Si definisce un attivista per il clima. “La scienza del clima è stata troppo lenta per me. A questo ritmo, il riscaldamento non si fermerà in tempo.

Leggi anche: Chiunque capisca la calotta glaciale antartica può dirlo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *