"Tranquilli, italiani, non vi rinchiuderemo a casa"

“Tranquilli, italiani, non vi rinchiuderemo a casa”

«Sono stato uno di quelli che dall’inizio dell’emergenza ha seguito la strada della massima cautela con il massimo rigore. E ho sempre detto che la battaglia contro il Covid-19 non è stato e non è vinto e che è stato e deve essere tenuto in guardia. Ma sono ottimista e posso rassicurare gli italiani: non torneranno ad essere chiusi in casa, non adotteremo la misura estrema di lockdown totale. Come puoi scrivere a caratteri cubitali che le scuole riapriranno. E questo è tutto “. Intercettato di ritorno da una vacanza di tre giorni in Basilicata, il Ministro della Salute, Roberto Speranza, non appare particolarmente preoccupato dall’impennata dei contagi (ieri si sono superati i mille) che in alcune Regioni, come il Lazio, sono superiori a quelli registrati nella fase acuta del blocco.

Covid Italia, bollettino di oggi 22 agosto: 1.071 contagi in 24 ore. È la cifra più alta dal 12 maggio

Covid, già 231 positivo a Roma dalla Sardegna: un mistero quello che è successo in Costa Smeralda

LE RAGIONI DELL’OTTIMISMO

L’ottimismo di Hope, che ancora rimane “Prudente e prudente”, si basa sul fatto che “il Servizio Sanitario Nazionale è stato potenziato e non rischia più il collasso come quando c’erano solo 5.170 posti in terapia intensiva, di cui l’80-85% era già saturo. Adesso abbiamo raddoppiato i posti ». Inoltre “la situazione attuale non è paragonabile a febbraio-marzo, quando la situazione era fuori controllo, non avevamo un meccanismo di monitoraggio e un sistema per tracciare i contagi”. Ciò che rassicura il responsabile della Salute è anche e soprattutto il fatto che “è cambiato il numero di anagrafe dei contagiati”: “Adesso abbiamo un numero di giovani coinvolti molto più alto di prima, tanto che l’età media è scesa a 30-32 anni. Questo produce un impatto minore sul Servizio Sanitario Nazionale perché i giovani sono spesso asintomatici, a volte devono limitarsi a stare a casa con un po ‘di febbre e tosse, e questo non provoca ricadute negli ospedali, mentre prima “, quando l’epidemia ha colpito gli ultracinquantenni,” c’era una forte pressione sulle strutture sanitarie e sulla terapia intensiva “. Per il ministro, l’aumento delle infezioni è un fenomeno europeo: «È in atto una ripresa dell’epidemia, basta guardare cosa succede negli altri Paesi dell’Unione. In Francia e Spagna ci sono da tremila a quattromila nuovi casi al giorno e la Germania ne ha circa duemila. Questo è il risultato del graduale allentamento del blocco. Ma non è niente di sorprendente o sorprendente. Francesi e spagnoli stanno gestendo l’impennata senza ricorrere a nuove misure di contenimento, tengono la situazione sotto controllo. A maggior ragione l’Italia non va verso il blocco nazionale, che ha un quarto dei contagi ». In ogni caso, c’è un coordinamento con Parigi, Berlino e Madrid per evitare chiusure nazionali. Detto questo, il ministro della Salute chiede agli italiani “di comportarsi in modo serio e rigoroso”.

LE REGIONI

E a Regioni aumentare e implementare i controlli: «Negli aeroporti, dopo aver ordinato di controllare chi è rientrato da Spagna, Grecia, Malta e Croazia, stiamo riscontrando molti casi. Circa 200-300 al giorno. E questo ci permette, utilizzando la quarantena, di impedire a chi ha contratto il virus di andare in giro e infettare altre persone “. Il governatore del Lazio Nicola Zingaretti in questo momento ha chiesto al Ministero della Salute di tamponare i passeggeri prima che i traghetti partano dalla Sardegna. E Speranza risponde così: «Più controlli fai, meglio è. E stiamo lavorando per favorire un’intesa tra Sardegna e Lazio perché il compito è delle Regioni, non del mio dipartimento: la Sanità a livello esecutivo è organizzata a livello regionale base. E chiediamo a tutte le Regioni di intensificare i controlli, di aumentare il numero di tamponi nei porti, aeroporti e treni. Tuttavia non si tratta di ordinanza. In ogni caso, l’indagine di sieroprevalenza ha evidenziato che le Isole sono a Lo 0,3%, mentre in Lombardia il 7,5% della popolazione è entrata in contatto con il virus ». A maggior ragione” non ci sono le condizioni per chiudere i collegamenti tra le Regioni con mezza Italia in vacanza “.

“SCARICA IMMUNE”

Speranza lancia due ricorsi. La prima a tutti gli italiani: «Bisogna rilanciare l’app Immuni. Siamo arrivati ​​a circa 5 milioni di dispositivi che l’hanno scaricato, ma necessita di miglioramenti. Questo sarebbe un vantaggio per tutti ». Il secondo ai giovani: “Chiedo ai bambini di avere atteggiamenti responsabili per tenere sotto controllo la curva della malattia e per tutelare i genitori e i nonni che vedono rientrare dalle vacanze”. Il ministro poi fotografa la situazione: “Siamo in una fase di convivenza con il virus, in cui corriamo dei rischi sapendo che il rischio zero non esiste e che un tasso di circolazione tollerabile del Covid-19 è naturale. Ma devono esserci rischi inutili. evitato, ecco perché abbiamo fatto l’ordine di chiudere le discoteche. E sia chiaro: il governo non ne ha mai autorizzato l’apertura, si scrive in bianco e nero in tutti i Dpcm. Anche nell’ultimo del 7 agosto. alcune Regioni lo hanno fatto, costringendomi a intervenire con un’ordinanza ».

IL CASO TEDESCO

La scuola merita un capitolo a parte. In Germania sono già state chiuse più di cento scuole, appena riaperte: «Nelle prossime ore studierò attentamente il caso tedesco insieme al mio omologo Jens Spahn. Ma ripeto: a settembre apriranno le scuole e ci adopereremo per lasciarle aperte. Ciò che accade in Germania non può modificare in alcun modo la nostra valutazione. “



© RIPRODUZIONE RISERVATA

READ  Storica sconfitta del Barcellona, ​​umiliato da 8 gol di un super Bayern che vola in semifinale di Champions League - la Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *