Il mio rapporto di ricerca, parte 1: non scienza ma dogma

Riepilogo articolo

La principale critica alla politica non era nel rapporto OVV. Come gli scienziati hanno gestito male la scienza.

Leggi l’articolo completo: Il mio rapporto di ricerca, parte 1: non scienza ma dogma

Momento della lettura: 6 minuti

Cosa non c’era nel rapporto OVV

anche se il rapporto del Consiglio di sicurezza olandese da mercoledì scorso, che riguarda solo la parte 1 (fino a settembre 2020), penso – dopo aver letto il testo – che nemmeno le parti 2 e 3 affronteranno il problema principale di questa crisi.

Vale a dire che, pur affermando il contrario, il RIVM/Van Dissel ei membri dell’UNWTO hanno fatto di tutto tranne che la condotta scientifica.

Sono partiti da vecchi dogmi, hanno imparato poco dalle nuove ricerche, non hanno agito in modo trasparente e non hanno lasciato spazio alla discussione. I dati non sono stati utilizzati per ottenere e condividere informazioni, ma sono stati principalmente uno strumento per giustificare la posizione scelta.

Il fatto che Jaap van Dissel fosse al centro di tutta questa operazione, indossando molti doppi cappelli come descrive il rapporto, ha solo rafforzato quanto sopra. Non solo per la posizione in cui si è trovato, ma anche per le scelte sbagliate del governo, come descritto nel rapporto. Non è diventato un consigliere del governo, che ha poi fatto una scelta in base al suo consiglio (come indicato nel consiglio dell’UNWTO) e ad altri consigli. No, è diventato una specie di capo del governo.

Il parere dell’UNWTO è stato reso vincolante e sono stati apportati solo aggiustamenti marginali.

E se hai guardato da vicino il metodo di lavoro dell’UNWTO e hai ascoltato i membri dell’UNWTO nei media (e spesso erano presenti), è stato soprattutto Van Dissel a prendere le decisioni ea far redigere i consigli. Se necessario adattato o integrato con i desideri del ministero, al quale era di fatto responsabile.

La testardaggine di Van Dissel

Il fatto che solo una persona finisca in questa posizione è estremamente indesiderabile, poiché il rapporto OVV a volte lo descrive quasi letteralmente. Ma c’era anche una caratteristica personale di Van Dissel che esacerbava molto tutto questo: la sua testardaggine.

Non è certo un peccato se stai ancora cercando i primi due mesi e sei su una specie di pilota automatico. Ciò che hai imparato in passato, combinato con le informazioni dell’OMS, ti consente di fare scelte che, in buona coscienza, sono le scelte migliori in queste circostanze.

READ  Gli studenti di tutto il mondo sono rimasti indietro di mesi nell'apprendimento a causa della corona | Scienza

E poi rispondi alle domande dei parlamentari, a volte critiche o portando informazioni dall’estero (più volte sono state poste domande, che erano basate su informazioni da articoli su questo sito).

Risposte che indicano che non sei a conoscenza di queste nuove informazioni o che ritieni che non corrispondano ai consigli che hai fornito.

E, come detto, resta comprensibile e accettabile per i primi due mesi.

Ma se diventano disponibili sempre più informazioni che indicano che le cose stanno funzionando diversamente da come pensavi, allora sei a un bivio importante.

Stai accettando nuove informazioni, modificando il tuo approccio, definendolo una “prospettiva avanzata”? O scegli di mantenere il tuo vecchio lavoro. (E al massimo piccoli passi invisibili da compiere in un’altra direzione)?

Sfortunatamente, Van Dissel ha sempre scelto di aggrapparsi al vecchio e ignorare o negare il nuovo.

Ciò è in parte dovuto al fatto che, come accennato, i dati non sono stati utilizzati per apprendere e scambiare informazioni, ma per supportare la politica scelta.

Questa combinazione fatale si riflette chiaramente nei modelli di Wallinga, con scenari fin troppo cupi che hanno pochissime possibilità di realizzarsi. Ma sono serviti come base per fermi interventi del governo su consiglio della stessa UNWTO.

Non ripeterò qui alcune vecchie parti del nostro sito, ma farò un riassunto, dove anche allora le persone avrebbero potuto sapere rapidamente che era la realtà reale, ovvero sulla base di analisi di dati internazionali e d importanti studi condotti all’esterno. Ma poiché queste analisi e studi non corrispondevano all’approccio scelto e alle spiegazioni fornite, si sono rifiutati di utilizzare queste nuove informazioni rilevanti. Qualcosa che un bravo scienziato dovrebbe fare.

E la cosa triste è che molti scienziati, che già sapevano il contrario, non l’hanno fatto, perché volevano conformarsi al corso stabilito. E/o perché le persone avevano paura delle conseguenze per la propria posizione.

A causa del fatto che anche i media mainstream non hanno fatto molto con questa nuova conoscenza, i membri di Van Dissel, Wallinga e UNWTO hanno ricevuto pochissime domande critiche.

Il riassunto

Concluderò con una dichiarazione di conoscenza importante che è stata raccolta da gennaio 2020 e che non è stata inclusa o solo molto tardi da Van Dissel / UNWTO. Non pretende di essere completo. Aggiungo sempre quando questo punto è diventato così chiaro che avrebbe potuto essere incluso nella politica/approccio.

  • Il virus provoca principalmente gravi sequele negli anziani e soprattutto se le persone hanno altre “comorbilità” (marzo/aprile 2020)
  • Il tasso di mortalità dei contagiati è ben al di sotto dello 0,5% e molto più basso di quanto si pensasse (aprile 2020)
  • La diffusione del virus avviene principalmente per via aerea (aprile/maggio 2020)
  • La diffusione del virus praticamente non passa attraverso gli oggetti (aprile/maggio 2020)
  • La diffusione del virus all’esterno è pressoché inesistente (aprile/maggio 2020)
  • Gli eventi superspreader sono i principali driver di infezioni (maggio/giugno 2020)
  • Il virus persiste a lungo in uno spazio interno con ventilazione insufficiente e/o umidità troppo bassa (maggio/giugno 2020)
  • La misura in cui una persona sviluppa sintomi è correlata alle dosi virali che ingerisce (maggio/giugno 2020)
  • Esistono diversi farmaci che possono essere utilizzati con un effetto positivo all’inizio del trattamento (aprile/giugno 2020)
  • Un livello elevato di vitamina D protegge da infezioni e malattie meglio di un livello inferiore (estate 2020)
  • I test PCR, soprattutto con un valore CT elevato, forniscono molti risultati positivi per gli individui che non sono più in grado di infettare gli altri (estate 2020)
  • L’infezione passata fornisce una buona protezione contro le nuove varianti (autunno 2020). A Omikron è più basso tra l’altro
  • Tenere d’occhio i livelli di saturazione dell’ossigeno nelle cure primarie è un buon approccio per portare meno pazienti negli ospedali (autunno 2020)
READ  Ecco cosa sono le donne per rendere felici gli uomini, secondo la scienza

Questa tendenza è continuata nel 2021 quando sono iniziati i vaccini:

  • Ci sono stati più effetti avversi della vaccinazione di quanto inizialmente pensato. Ciò è particolarmente vero nell’area della coagulazione del sangue e dei disturbi cardiaci (che erano più comuni nei giovani uomini) (primavera 2021)
  • L’effetto della vaccinazione per la protezione contro le infezioni è diminuito rapidamente. Quella contro le malattie gravi è rimasta più a lungo (Primavera 2021) ma è anche finita
  • Per i giovani, il rischio di conseguenze dell’infezione è tale che la vaccinazione non è la scelta giusta per loro (autunno 2021). E questo potrebbe essere il caso (soprattutto con Omikron) per i gruppi di età più avanzata.
  • L’infezione passata protegge meglio della vaccinazione (primavera 2021)
  • Con un’iniezione di richiamo, la protezione può essere nuovamente aumentata, ma per un tempo ancora più breve (autunno 2021)
  • Un pass di accesso Corona, in cui le persone vaccinate non devono essere testate (cioè con 3G e 2G) dà un falso senso di sicurezza, perché le persone vaccinate possono contagiare gli altri (agosto/settembre 2021)

E negli ultimi mesi, ci è voluto del tempo prima che quanto segue diventasse chiaro ai modellisti/RIVM:

  • Omikron è significativamente meno patogeno
  • Omikron non porta a un forte aumento del numero di pazienti in terapia intensiva
  • I pazienti Omikron rimangono in ospedale in media più brevi
  • Sebbene il numero di infezioni cresca in modo esponenziale senza precedenti all’inizio, raggiunge anche il picco abbastanza rapidamente, seguito da un rapido calo.
  • La rapida diffusione di Omikron sta inoltre sviluppando rapidamente l’immunità nella popolazione
  • Le misure per ridurre il numero di infezioni con Omikron funzionano a malapena o non funzionano. È proprio a causa di questo alto grado di contagiosità che le persone entrano in contatto con il virus in molti luoghi.
READ  Sta finalmente accadendo? I ricercatori di Harvard sviluppano un cocktail contro l'invecchiamento – Wel.nl

Molto di quanto sopra esposto è stato riconosciuto solo tardivamente o per nulla da Van Dissel/RIVM/OMT e quindi l’effetto delle misure è stato – molto – più debole di quanto suggerito, se avesse avuto qualche effetto. E hanno anche preso regolarmente misure non necessarie, che nel complesso hanno avuto un effetto molto più negativo di quello che hanno prodotto.

Valutazione da parte degli scienziati

Dubito che questo argomento si trovi nelle parti 2 e 3 del rapporto OVV. La gente parlerà ovviamente della scarsa organizzazione della vaccinazione nei primi giorni e del momento molto tardi in cui hanno iniziato a potenziare.

Anche se questo è certamente il caso, la causa risiede anche nel fatto che le persone non volevano imparare molto, se non del tutto, da nuove scoperte ed esperienze all’estero.

Sarebbe così bello se, a parte l’approccio OVV, gli scienziati olandesi valutassero quanto sopra. Cercano anche di determinare come sia possibile che gli scienziati, quando sapevano e pensavano diversamente, rimanessero in silenzio. E come sia possibile che coloro che hanno aperto siano stati almeno dirottati.

Solo allora possiamo ridurre il rischio che la stessa cosa si ripeta la prossima volta.

Perché mai in vita mia ho sentito così tante volte l’affermazione erronea che la Scienza è stata invocata.

Finché non succede lì, dobbiamo continuare a farlo. Continua a sostenerci con una (piccola) donazione occasionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *