Il verde da solo non basta per una città sana, quindi usa le piante come legame sociale

È un mito che più spazio verde sia sufficiente per migliorare notevolmente la salute degli abitanti delle città. Ma se il verde in città diventa un agente di legame sociale per aumentare la partecipazione e risolvere i problemi socio-economici, alberi, arbusti e parchi hanno improvvisamente un impatto molto maggiore sulla salute.

Questo è diventato chiaro durante l’incontro di conoscenza The Healthy Green City di Stichting Steenbraak, la rivista di settore Groen e la rivista di settore ROm.

“Overvecht è il quartiere più verde di Utrecht, quindi perché i residenti non sono più sani? Gli abitanti del nord-est vivono dodici anni in salute migliore di quelli di Overvecht, mentre lì c’è meno verde. La risposta è che il verde ha solo un effetto limitato sulla salute. Questo l’argomento di Jaap Toet, che ha lavorato per molti anni presso il GGD e il comune di Utrecht come epidemiologo.

Tuttavia, c’è una sfumatura da fare. Nella definizione di verde viene conteggiato solo il verde comunale. Mentre gran parte del verde è su terreno privato. I giardini verdi non sono inclusi, anche se hanno un effetto proprio come il verde comunale. E ci sono più giardini verdi a Noordoost, con quartieri come Tuinwijk, Wittevrouwen, Tuindorp e Tuindorp-Oost, che a Overvecht.

Certo, il verde è importante, dice Toet. “Le persone in ospedale che guardano l’ambiente verde si riprendono più velocemente dei pazienti che guardano un muro bianco”. Inoltre, secondo lui, il verde riduce lo stress, riduce l’inquinamento acustico, migliora la qualità dell’aria, regola il calore e l’umidità e riduce le inondazioni.

Greening significa molto networking

Ecco perché anche una città dovrebbe essere incoraggiata a diventare verde. Utrecht lo fa. “Lavoriamo qui da vent’anni per rendere la città più verde”, afferma Jeroen Schenkel, consulente senior per il programma verde pluriennale del comune. Va passo dopo passo. “Vuoi coinvolgere tutti: residenti, imprese. Ciò significa molto parlare e fare rete. Anche con i comuni limitrofi, le province e il governo nazionale.

READ  Che tipo di amante sei? Questo test psicologico lo rivela

Secondo Schenkel, è fondamentale integrare il verde nella politica. “Utrecht si è prefissata degli obiettivi. Ad esempio, è stato stabilito che ci devono essere 75 metri quadrati di spazio verde per nucleo familiare. Ci deve essere anche il quaranta per cento di vegetazione in ogni quartiere ed è stato determinato quale dovrebbe essere la distanza massima dalla vegetazione”, afferma. “Così anche il consiglio comunale può controllare la politica”.

Raggiungere le sue ambizioni è un compito pesante che non gli rende le cose facili. Schenkel riceve molti suggerimenti dalla città per l’inverdimento. A volte è troppo graduale e qualcosa deve essere invertito. Questo gioca un ruolo a livello di strada, ma anche con desideri più grandi. Ad esempio, la città vorrebbe un parco di utilità vicino a Overvecht, ma ai residenti locali non piace. “Non vogliono che i prati scompaiano, quindi ora prestano attenzione alle mucche al pascolo”. Schenkel ha ancora molto da dire anche lì.

L’inverdimento da solo non è sufficiente

L’attenzione all’ecologizzazione per rendere la città più sana è buona, ma non sufficiente, dice Toet. Per la salute, fattori come la partecipazione e la posizione socioeconomica giocano un ruolo molto più importante. È meno ben organizzato a Overvecht. “Le persone del nord-est, che sono spesso altamente istruite, organizzeranno le cose da sole. Ad esempio, la manutenzione di un parco giochi.’ È qui che si trova il più grande guadagno di salute, dice Toet.

L’architetto paesaggista Hans Dekker è d’accordo con Toet. I costi sanitari sono alle stelle, avverte. “Oggi, 1 olandese su 7 lavora nel settore sanitario. Se continuiamo così, sarà 1 su 3. È insostenibile! Dekker afferma che il rapporto con l’ambiente di vita deve essere molto più sviluppato. “Lo sviluppo degli orti urbani. Poi nascono le relazioni. Generazioni, nazionalità, classi sociali… tutti si connettono. La collaborazione è quindi una cosa ovvia. Le persone imparano, producono e sono radicate.

READ  Questo pianeta appena scoperto è più caldo della lava fusa

“Non si tratta del layout, si tratta di creare un luogo dove trascorrere del tempo insieme”

Jan Janse, membro del consiglio dell’Associazione olandese per l’architettura dei giardini e del paesaggio (NVTL), lo spiega in questo modo: “Non si tratta di abbellire il paesaggio, si tratta di creare un luogo in cui trascorrere del tempo insieme”. Il fattore più importante è un coinvolgimento significativo. “Le iniziative che hanno successo sono piccoli progetti come l’orto comunitario di una chiesa. Tutti gli strati sociali partecipano al giardinaggio, bevono caffè e si conoscono. Un’area così piccola fa molto per la salute di un quartiere.

Ad esempio, Janse fornisce la politica della città belga di Gand. “Hanno esperienza lì con un approccio stradale residenziale. Il comune dà un bilancio agli abitanti e lascia che lo facciano da soli. Questo è gestito in modo molto diverso. I posti si creano, a volte le macchine devono partire. C’è un obbligo: le persone coinvolte devono registrare le proprie esperienze e annotare chi non partecipa e perché”, afferma Janse. “Non una strada residenziale, ma una strada di apprendimento!

I Comuni devono pensare con partecipazione

Questo tipo di partecipazione è possibile solo se il comune collabora e se si “ripensa”, dice Janse. “A Zutphen è stata posta la domanda: di cosa abbiamo veramente bisogno in termini di strada? Molte strade parallele sono state successivamente rimosse e gli alberi sostituiti. Si trovano negli uadi e sono molto benestanti. A Tilburg, l’approccio ecocompatibile si è rivelato meno soddisfacente. “C’è stato troppo poco monitoraggio di cavi e condutture. La città voleva gli alberi, ma era possibile solo in forno.

“La cosa principale”, dice Janse, “è dare alle persone l’iniziativa. Lo spazio per poter fare qualcosa ed essere affidati con responsabilità. Sta o cade con i precursori. Persone che indicano la strada e danno continuità. Dove queste persone sono nel nord-est, è più difficile a Overvecht, dice Toet. “Questo non succede a Overvecht. Quindi come comune devi organizzare qualcosa.

READ  FIO-TOR, le statistiche mostrano il predominio viola

Questa idea vive anche a Utrecht. Dieci anni fa, Schenkel ha contribuito a creare Food for Good, piccoli orti urbani vicino al Transwijk Park, tra blocchi residenziali con molti studenti da un lato e il variegato Kanaleneiland dall’altro. Il progetto è stato avviato, ma con il supporto di persone esperte di Stichting de Wending. L’anno scorso, l’orto cittadino è stato trasferito a Utrecht Naturally, che fornisce supporto professionale ai volontari.

I volontari vengono da soli

Food for Good è uno dei cinque orti urbani e sei fattorie urbane a Utrecht. Tutti sono invitati a partecipare al progetto di giardinaggio. Circa novanta volontari aiutano regolarmente con la semina, la cura e la raccolta. “Arrivano da soli”, dice Liselot Thijssen. È coordinatrice e supervisore di orticoltura urbana organica sociale.

A volte nuove persone vengono introdotte da volontari esistenti. E a volte le persone vulnerabili vengono indirizzate al giardino da un medico di famiglia o da un team della comunità. “Vengono qui con lamentele di burnout o altri problemi, per esempio, e trovano pace e regolarità lavorando in giardino”. Thijssen non sa perché le persone si iscrivono come volontari. Non le importa. Ognuno fa quello che può. “Faccio una lista di compiti e i volontari possono occuparsene, secondo le loro capacità”.

Il settore orticolo è un’importante funzione sociale e fornisce alle persone una rete. “Lavoriamo insieme, impariamo insieme e talvolta mangiamo zuppa con verdure dell’orto”, dice. “È la loro casa per molte persone”. E questo porta a una salute migliore di quella che Toet stava già sostenendo. Non si tratta di verde, dice Thijssen. “Il giardino è il mezzo. Queste sono persone felici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.