La base molto traballante dell’1,5 metri

Riepilogo articolo

Il meta-studio sulla grande importanza di mantenere le distanze, a cui si riferisce Maarten Keulemans, è di livello molto dubbio. Così come alcuni dei suoi tweet degli ultimi giorni.

Leggi l’articolo completo: La base molto traballante dell’1,5 metri

Momento della lettura: 7 minuti

In cerca di vendetta

Da marzo 2020 cerco la giustificazione per la regola della distanza di 1,5 metri. Si è detto (es. nel regio decreto del 13 novembre 2020 circa questo metro e mezzo come distanza di sicurezza) che questo era basato su uno studio di Wells del 1955. Ma quando ho guardato questo studio, era una grossa goccia, che usciva dalla bocca o dal naso, cadendo a meno di un metro da terra.

Questo non era uno studio in cui era stato stabilito sperimentalmente o meno che molte più persone erano state infettate a una distanza di 50 centimetri che a 1 metro o 1,5 metri.

Proprio perché le dosi virali sono di grande importanza nel Covid-19 e in esso gioca un ruolo importante il fattore tempo (la durata dell’inalazione del virus), non sarà vero che chi viene finalmente contagiato sia continuamente alla stessa distanza trovato dalla persona che ti infetta. Se l’infezione dovesse derivare dal contatto con una sola goccia di questa persona infetta, sarebbe più facile determinare la relazione tra la distanza e il rischio di contrarre il contagio. Quando ho sentito gli esperti, spesso hanno descritto l’infezione come se ne bastasse una sola goccia. Ma negli ultimi tempi questo è drasticamente diminuito, a causa della crescente consapevolezza che il virus viaggia (in gran parte) nell’aria.

Negli ultimi 2 anni non avevo trovato una buona giustificazione per questa distanza.

Mentre chattavo su Twitter, mi sono imbattuto in questo grafico, che Maarten Keulemans ha usato per indicare che la distanza era un fattore molto importante nel rischio di infezione. Da questo grafico è facile vedere come questo rischio fosse significativamente inferiore se la distanza di 10 centimetri passava da 1 metro a 2 metri.

Bingo, ho pensato, finalmente uno studio in cui il fattore distanza era stato misurato così bene da poter realizzare questo grafico, dopodiché persone come Keulemans lo presero come prova della grande importanza della distanza. Ma è stato anche dimostrato che quasi tutte le infezioni avvengono entro 2 metri.

Il meta-studio 2020

Ho esaminato questo studio per vedere come hanno realizzato questo grafico interessante. E quello che ho trovato allora era – purtroppo – coerente con l’esperienza che avevo maturato negli ultimi due anni. Vale a dire, che gli studi su cui sono state tratte molte conclusioni importanti erano di qualità così scarsa che sembrava effettivamente che gli autori conoscessero già in anticipo la conclusione che volevano trarre e che avessero introdotto i dati per “vendere” questa conclusione. .

È questo studio di Lancet di giugno 2020 in particolare dai ricercatori canadesi. Il titolo recita come segue: Distanziamento fisico, mascherine e protezioni per gli occhi per prevenire la trasmissione da persona a persona di SARS-CoV-2 e COVID-19: una revisione sistematica e una meta-analisi”. La ricerca è stata finanziata dallo stato dell’OMS al momento dell’introduzione.

READ  Conseguenze sulla salute delle inondazioni – Dagblad Suriname

Una meta-analisi è uno studio che combina i risultati di un gran numero di studi. La qualità degli studi è esaminata criticamente. La sfida delle meta-analisi è spesso quella di allineare questi studi nell’analisi. Perché l’attuazione di tutti questi studi può differire leggermente. E anche la popolazione della ricerca può essere diversa, ad esempio gli infermieri o la popolazione generale. Allo stesso tempo, significa che devi essere molto critico quando esamini i meta-studi. Quindi è saggio esaminare una serie di studi sottostanti per vedere se i ricercatori erano troppo bassi.

Riguardo al tema della “distanza”, ero molto curioso di sapere come fosse misurata in questi diversi studi di queste meta-analisi. E come hanno affrontato il fatto che il contagio da Covid-19 non è un evento che si verifica attraverso un singolo contatto con una persona infetta, ma dove giocano un ruolo chiaro anche il fattore tempo e le dosi virali.

Alla fine, nella meta-analisi remota sono stati utilizzati 32 studi. Questa è la panoramica totale.

Numero di studi Numero di persone contagiate Numero di contatti
COVID-19[feminine] 7 31 477
MARE 8 39 1158
SARS 17 738 9101

Per ogni singolo studio, la meta-analisi contiene una panoramica del numero di persone infette nel gruppo totale in relazione al fattore distanza. Questo fattore di distanza è menzionato solo in due varianti: “distanza più breve” e “distanza maggiore”.

Gli studi sottostanti

Evidenzierò uno di questi 32 studi per mostrare come è incluso nelle meta-analisi e cosa c’è nello studio originale. Questo è lo studio di Cheng ea di Taiwan e parla di Covid-19.

Dei 36 contatti a distanza più breve, 7 erano stati infettati (19%) e dei 47 contatti a distanza maggiore 5 (11%).

Ero molto curioso di sapere come fosse determinata questa divisione tra distanze più brevi e più lunghe. Lo studio stesso ha fornito la risposta. Ecco dove ho trovato questi quattro numeri:

La differenza tra i 36 contatti a distanza più breve e i 47 contatti a distanza maggiore era che il primo gruppo era composto da coinquilini di un infetto e il secondo gruppo di parenti!

Nessun fattore di distanza è stato misurato in alcun modo. Ma nel meta-studio, i coinquilini sono stati inseriti nel gruppo “a distanza più breve” ei membri della famiglia nel gruppo “a distanza più lunga”.

Questo è estremamente arbitrario e non dice nulla sulle effettive distanze che le persone coinvolte avevano dalla persona infetta. È molto probabile che i coinquilini abbiano entrambi avuto contatti più frequenti con la persona infetta e siano stati in prossimità della persona infetta più a lungo. Ma quanto tempo sarebbe durato con i parenti e quanto fosse lontano non è stato stabilito.

I risultati di questo studio non possono in alcun modo essere utilizzati per fare affermazioni sull’effetto del fattore distanza sul rischio di infezione.

Ho quindi preso uno studio con numeri molto più grandi. Quello di Rea e altri dal Canada sulla SARS. Il meta-studio afferma:

Dei 647 contatti a distanza più breve, 41 erano stati infettati (6%) e dei 3493 contatti a distanza più lunga solo 18 (0,5%).

Questo studio si basava, tra l’altro, su un questionario in cui veniva posta una domanda sul contatto che l’intervistato aveva avuto con la persona infetta. Il primo gruppo ha coinvolto persone che hanno riferito di trovarsi entro un metro dalla persona infetta per più di 30 minuti. Il secondo gruppo era composto da persone che hanno affermato di essere state in una stanza con la persona infetta per più di 30 minuti, ma a non più di un metro. Con questo spazio si intendeva qualcosa come un’aula scolastica, una sala d’attesa di un medico o un ospedale.

Sembra un po’ meglio a prima vista. Anche se ovviamente è già sorprendente che delle 647 persone che hanno affermato di essere state a meno di un metro da una persona infetta per più di 30 minuti, solo il 6% aveva contratto la SARS! Inoltre, non è un punteggio elevato per le persone che sono rimaste entro un metro da una persona infetta per più di 30 minuti.

Ma quando ho scavato più a fondo nello studio, ho notato questo: il 90% dei coinquilini degli infetti rientrava nella categoria “più di 30 minuti entro 1 metro”. Quindi ciò che lo studio ha effettivamente scoperto è che circa il 6% dei coinquilini di una persona infetta era stato infettato e il resto, che era rimasto nella stessa stanza grande (forse ben ventilata) per più di 30 minuti, circa lo 0,5%.

Chi ha detto che il contagio è iniziato nei coinquilini quando erano a meno di un metro dalla persona contagiata? Qui possono aver giocato anche i momenti di contatto, come essere stati nella stessa stanza per molto tempo e aver inalato il virus, ma anche la durata del contatto! Proprio perché così pochi coinquilini sono stati contagiati, non ha senso vedere come prova dell’effetto a corto raggio le persone siano state a meno di un metro di distanza per più di 30 minuti! Mentre gli altri avevano trascorso più di 30 minuti in stanze (molto) più grandi con gli infetti.

Supponiamo che sia solo se sei vicino a una persona infetta per 4 ore che è decisivo essere contagiati, allora i numeri potrebbero essere cambiati come sono ora. In questo caso è stato determinante il fattore tempo e non il fattore distanza.

In breve, le cifre di questo studio non dicono nulla anche sul reale effetto della distanza sull’infezione.

livello discutibile

Ho esaminato altri otto studi in questo meta-studio e ho trovato la stessa cosa in ciascuno di questi studi. Indirettamente, il fattore distanza è stato integrato a vantaggio della meta panoramica. I fattori del tempo trascorso con la persona infetta e/o il numero di contatti e/o la possibilità che la contaminazione avvenisse attraverso l’aria sono stati ignorati o poco considerati come una possibile spiegazione. Inoltre, alcuni degli studi sono stati condotti con operatori sanitari negli ospedali in circostanze molto specifiche.

Il grafico con cui si apre questo articolo si basa quindi su questi 32 studi in cui il fattore distanza non è stato realmente misurato.

Sì certo se stai con qualcuno in un piccolo spazio (come casa) per molto tempo che è contagioso è più probabile che ti infetti che se non sei in quel piccolo spazio o hai un tempo abbastanza breve in un grande bivacco spazio. Ma gli studi non dicono nulla sul fatto che le persone entro 50 centimetri abbiano molte più probabilità di essere infettate che entro 1 metro, entro 1,5 metri o entro 2 metri, come suggerisce questo grafico dello studio ed è stato suggerito dai lettori dello studio. .

Ma se non guardi gli studi sottostanti, non te ne rendi conto e pubblichi un tweet come ha fatto recentemente Maarten Keulemans. A soli 2 metri di distanza si riduce il rischio di un fattore 10:

La base molto fragile del metro 1,5 - 42829

Un tweet che, se guardi da vicino, è allo stesso “livello” del tweet che ha pubblicato come parte della mia conversazione con il comitato permanente della VWS il 16 maggio.

La base molto fragile del metro 1,5 - 42830

La risposta alla domanda/allusione di Keulemans è NULL, comunque. Sia in termini di opzioni pubblicitarie sul sito che di possibili donazioni da questo settore, ne sono stato consapevole dal momento in cui ho iniziato a lavorare con il Piano di ventilazione delta ho deliberatamente seguito questa linea nel giugno 2020. Ho anche rifiutato l’offerta di ottenere gratuitamente il mio misuratore di CO2 (circa 200 euro).

Ma sappiamo come si comporterà il giornalista dell’anno 2021, entrambi contenuto e come persona. Ad esempio, questo è stato il suo tweet lo scorso fine settimana in una discussione che ha avuto con Marianne Zwagerman durante una conversazione telefonica.

La base molto fragile del metro 1,5 - 42831

Sia la parte sostanziale di questo articolo sugli studi sull’effetto della distanza che l’ultima parte sulla “comunicazione” di Maarten Keulemans rispecchiano chiaramente ciò che ho osservato più volte negli ultimi due anni: “Mancanza di professionalità e mancanza di livello”.

Supporta il nostro sito per combattere questo tipo di fake news e azioni di basso livello con informazioni obiettive. Clicca qui per una (piccola) donazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.