La camicia di forza stretta |  albo

La camicia di forza stretta | albo

“Oggi i bambini di sette anni sanno già cos’è una confezione da sei”, afferma il filosofo dello sport Ivo van Hilvoorde. Conduce ricerche sull’evoluzione della nostra visione di un corpo atletico nel tempo e lavora nelle scienze del movimento umano presso VU e come docente di ginnastica, scuola e sport presso la Hogeschool Windesheim. Una conclusione: un corpo allenato è diventato uno status symbol. “Un tale corpo indica che sei disciplinato, capace di resistere alle tentazioni e di prenderti cura di te stesso.”

Lavorare il tuo corpo è diventata una nuova religione. “I giovani stanno diventando sempre più giovani in palestra”, afferma Van Hilvoorde. “La norma di come dovrebbe essere un buon corpo è onnipresente nelle immagini sui social media”.

Il corpo è la vetrina della BV I

Nel libro Più in forma, più tosta, più bella Nel 2008, Van Hilvoorde e Ruud Stokvis hanno descritto come la pratica del fitness individuale sia diventata centrale nella nostra cultura. Negli ultimi anni, l’importanza di un corpo tonico e muscoloso è solo aumentata, mentre è diminuita la tolleranza per i corpi che non soddisfano questo standard.

Ma la normatività che circonda il fitness non è una novità. Lo sport volto a rendere il corpo più forte e più bello è apparso nella seconda metà del XIX secolo, scrivono Van Hilvoorde e Stokvis. La cosiddetta Körperkultur attribuiva grande importanza allo stato sano e naturale del corpo. Per le donne, questo stato naturale coincideva con l’ideale di bellezza: sono stati creati club di ginnastica dove dovevano allenare il proprio corpo per apparire aggraziati e aggraziati. Il libro cita il medico August Allebé, che scrisse nel 1857 dell’utilità della ginnastica per le giovani donne, che serviva a coltivare “forme pesanti, ma piene, in belle proporzioni di parti, una carnagione radiosa, allo sguardo vivace, andatura aggraziata e andatura elastica”.

Ginnastica, corsetti e diete

Innovazioni tecnologiche come l’invenzione della lampadina, del treno e dell’auto hanno aumentato le possibilità dello sport in termini di tempo e luogo. Socialmente, lo sport si è evoluto dall’intrattenimento popolare locale alle competizioni internazionali.

Ma lo sport nell’Ottocento era soprattutto un’attività riservata a pochi privilegiati. Fu solo dopo la seconda guerra mondiale che le società sportive si interessarono. Di solito si tratta di sport di squadra, come il calcio e il korfball. A quel tempo, la norma per le donne di avere una figura snella si diffuse anche nella popolazione generale. Ginnastica, corsetti e diete sono i mezzi per raggiungere questo obiettivo.

READ  Boom dei contagi in ITALIA, si chiudono i festeggiamenti per il Capodanno Aggiornamenti »ILMETEO.it

Negli anni ’70 cresce l’interesse per gli sport individuali e per allenare il corpo a soddisfare un ideale di bellezza. L’urbanizzazione, l’individualizzazione e la secolarizzazione della società giocano un ruolo in questo.

“I corridori venivano chiamati e derisi”

“Le tendenze del fitness sono arrivate dall’America, in particolare dalla California, dove star come Jane Fonda e Arnold Schwartzenegger sono diventate pionieri della cultura del fitness individuale”, afferma Van Hilvoorde.

Anche la corsa come sport ha guadagnato più interesse per la prima volta, ma il jogger non è stato esattamente accettato sulla scena di strada. “I corridori venivano chiamati in causa e derisi, all’inizio anche uomini, ma erano più accettati delle donne”, spiega Van Hilvoorde. Immagini di Katrine Switzer, la prima donna a correre la maratona di Boston nel 1967, in cui uno degli organizzatori cerca di allontanare fisicamente la Svizzera dalla maratonasono tipici.

Le palestre in cui le persone lavorano il proprio corpo in modo strutturato sono diventate molto popolari dagli anni 90. Gli uomini inizialmente si sono concentrati sulla costruzione muscolare con attrezzature per il fitness, mentre le donne hanno lavorato maggiormente sulla loro figura con l’aerobica e le relative lezioni di gruppo. Poi è diventato più misto. E il fitness fa ormai parte della vita dei moderni abitanti delle città di tutto il mondo quanto un cappuccino al latte d’avena.

Non contribuire a comportamenti malsani

“Un corpo bello e in forma è diventato sempre più una forma di capitale sociale”, afferma Van Hilvoorde. Associamo la bellezza alla salute e al successo. E la misura in cui raggiungi questo obiettivo è considerata una tua responsabilità. E qui sta il problema. “Il corpo è l’espressione più visibile di ciò che facciamo, riflettendo tutti i tipi di fattori legati al nostro stato socio-economico, salute, benessere e posizione nella società”.

READ  Il Fermilab cerca di dimostrarlo

Il fitness e le altre forme di sport hanno un’immagine meritocratica: dipende interamente dai tuoi sforzi e dalla tua disciplina che hai successo. Ma secondo il filosofo dello sport, questa è un’ideologia ingannevole ed elitaria. Perché non tutti possono liberare abbastanza tempo, energia e denaro per ottenere un corpo allenato.

Pensa quindi che sia troppo semplice proporre più esercizio fisico come soluzione a problemi che si esprimono nel corpo, come l’obesità e i modelli di malattia associati: “Si può, tuttavia, sottolineare l’importanza dello sport e dell’esercizio, come alcuni dei i miei colleghi lo fanno, ma se le persone hanno tutti i tipi di problemi di fondo molto complessi, come non abbastanza soldi per comprare cibo sano, o troppa preoccupazione di avere energia per fare esercizio, è importante riconoscere prima questi problemi, il corpo è quindi il posto dove questo problema diventa più visibile, ma la causa è altrove.

persone altamente istruite vivere in media quindici anni in più in buona salute parte meno istruita e più povera della popolazione, calcolata Statistics Netherlands. E questa differenza è aumentata negli ultimi anni, mentre è diminuita la tolleranza verso le persone il cui corpo non soddisfa la norma.

“La società è diventata più severa”, osserva Van Hilvoorde. “La visione neoliberista secondo cui sei responsabile della tua salute è diventata sempre più dominante. Senti spesso l’argomentazione: non vogliamo contribuire al tuo comportamento malsano. Rende le persone individualmente responsabili della propria salute, quando ci si può davvero chiedere quanto sia giustificato.

Lavorare sodo su un’immagine ideale

Fin dall’Ottocento le persone hanno praticato il fitness non solo per la propria salute, ma anche e forse soprattutto per essere attraenti. Sotto questo aspetto, i ginnasti del XIX secolo non sono così diversi dagli influencer di oggi. Solo che lo standard di ciò che costituisce un bell’aspetto si è ridotto. L’ascesa dei social media e la crescita delle opzioni cosmetiche giocano un ruolo in questo. Denti dritti e bianchi, pelle liscia e tesa, una figura snella con seno e glutei rotondi per le donne e la famosa confezione da sei per gli uomini divennero la norma. È dannoso? Van Hilvoorde in parte la pensa così: “Secondo la ricerca, i giovani si sentono sempre più obbligati a essere all’altezza di questo standard. Si comincia già con gli adolescenti, che hanno ben chiaro cosa è bello e cosa è diverso. Non è sempre un bene per la loro immagine di sé.

READ  Qual è la colazione più salutare: ricotta, yogurt o skyr?

Allo stesso tempo, c’è anche più diversità nell’aspetto del corpo ideale, ad esempio in termini di genere. “Possiamo adattare sempre più il corpo con interventi tecnici e impianti, il che rende anche l’immagine di ciò che un corpo ideale è più diversificata”.

“Un corpo in forma diventa uno strumento per mantenere un ritmo costante”

Ma anche allora il corpo non è più un dato, ma un oggetto che deve essere plasmato in un’immagine ideale. O per dirla in gergo neoliberista: il corpo è la vetrina della società a responsabilità limitata.

E mantenere quella finestra è in cima a tutte le altre cose che i giovani adulti devono fare: ottenere buoni voti, avere un lavoro part-time, avere una ricca vita sociale. “Lo vedo negli studenti e nei giovani scienziati. A volte praticano sport di alto livello e seguono un doppio master, o tutti i tipi di corsi complementari, tutto per distinguersi. Allo stesso tempo, il filosofo dello sport relativizza la pressione esercitata sui giovani adulti come qualcosa che fa parte anche di questa fase della vita: “Quando mi sono laureato, non c’era lavoro. Ora c’è lavoro, ma i contratti sono temporanei e l’alloggio è inaccessibile. Ogni volta ha i suoi problemi.

Ciò che è cambiato, osserva, è che gli studenti sono più preoccupati di prima di ciò che è sano: “C’è molto da fare in poco tempo, che è un ulteriore fattore di stress rispetto al passato. E un corpo in forma diventa allora uno strumento e un requisito per tenere il passo. Potresti definirlo malsano, ma anche lo stile di vita studentesco in passato, con molto alcol e pizza, non era sempre salutare.

Le illustrazioni sono tratte dall’Enciclopedia delle donne, manuale pratico per la vita quotidiana, curata principalmente dai dottori MG Schenk, De Bezige Bij, 1951.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *